Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Che sta succedendo in Siria?

sirianews
Condividi

Lo stallo che sta provocando milioni di profughi sta per essere superato o aggravato dal maggiore intervento russo a favore di Damasco?

Di Siria nei media italiani si parla di recente quasi esclusivamente per determinare da dove arrivino le migliaia di profughi che chiedono asilo in Europa. Molto meno – invece – sul perché e come essi siano divenuti “profughi”.

La guerra civile in Siria

Il conflitto siriano è ormai entrato nel suo quinto anno e, dopo più di 250.000 vittime e 7 milioni di sfollati, di cui più di 4 milioni rifugiati all’estero (ed è bene ricordare che solo una piccolissima parte di questi sceglie la via per l’Europa, mentre la grandissima maggioranza è ripartita tra Turchia, Libano e Giordania), la situazione sul campo continua a segnare uno stallo che sembra senza uscita. Le forze lealiste di Bashar al-Assad, nonostante controllino ormai meno di un terzo del territorio di quella che era la Siria a inizio 2011, sembrano resistere agli attacchi dei ribelli. Questi ultimi, del resto, non costituiscono più un fronte unico, ma sono divisi in decine di sigle e gruppi. E, in tutto ciò, le forze dell’autoproclamatosi Califfato di Abu Bakr al-Baghdadi (o, più semplicemente, l’ISIS, Stato Islamico) controllano ormai buona parte del nord-est del paese con le sue risorse petrolifere, a tal punto da aver stabilito nella città siriana di Raqqa, e non in Iraq, la propria capitale (Ispi, 10 settembre).

A tutti questi “attori” sullo scenario siriano e mediorientali, si sommano moltissimi altri sia di tipo statale (Iran, Russia, Stati Uniti, Emirati, Arabia Saudita) sia invece di tipo informale, come i gruppi di Hezbollah o i curdi o ancora Al-Qaida.

 

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni