Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Le 7 tipologie di lacrime secondo Papa Francesco

AFP PHOTO/LUCA ZENNARO/POOL
Condividi

Ci sono diverse declinazioni del significato del pianto che il pontefice evidenzia nei suoi discorsi

Il pianto, le lacrime. Per papa Francesco ce ne sono di sette “tipologie”. E le richiama spesso durante i suoi interventi. E tutto rappresentano fuorché un segnale di debolezza, come spiega don Luca Saraceno in “La saggezza delle lacrime – Papa Francesco e il significato del pianto”,  (Edizioni Dehoniane Bologna)

Il pianto ha un molteplice significato, difficilmente circoscrivibile entro i confini di un unico campo, così come sostiene lo stesso papa Francesco: «Tutti noi, nella nostra vita, abbiamo sentito la gioia, la tristezza, il dolore, ma nei momenti più oscuri, abbiamo pianto? Abbiamo avuto quella bontà delle lacrime che preparano gli occhi per guardare, per vedere il Signore? […] È una bella grazia. Piangere per tutto: per il bene, per i nostri peccati, per le grazie, per la gioia, anche».

Ecco quindi che è possibile individuare una sorta di “settenario delle lacrime”, sette declinazioni del pianto, sette genitivi che, spiega Saraceno, mentre interpretano il segno delle lacrime, ci introducono nel cammino di conoscenza del mistero di Dio, della Chiesa e dell’uomo.

1. LACRIME DI GIOIA

Appena dieci giorni dopo la sua elezione, papa Francesco per la prima volta parlava delle lacrime durante la sua meditazione quotidiana dall’ambone della cappella di Santa Marta: «Gesù è morto per il suo popolo ed è morto per tutti. Ma questo non va inteso nel senso della globalità: vuol dire che Gesù è morto per ciascun uomo singolarmente. Ogni cristiano deve dunque dire: “Cristo è morto per me”. È questa la massima espressione dell’amore di Gesù per ogni uomo. E dalla consapevolezza di questo amore dovrebbe nascere un grazie. Un grazie talmente profondo e appassionato che potrebbe anche trasformarsi in lacrime di gioia sul volto di ogni fedele».

2. LACRIME DI PENTIMENTO

Nella santità di Pietro, figura evangelica assai cara a papa Francesco, viene rintracciata la presenza delle lacrime come segno di un sincero pentimento: «Quello sguardo di Gesù, tanto bello, tanto bello! E Pietro piange. Questa è la storia degli incontri durante i quali Gesù plasma nell’amore l’anima dell’apostolo. Quell’amore per il quale Pietro piange quando Gesù, in un altro incontro, gli chiede per tre volte: “Simone, figlio di Giovanni, mi vuoi bene?”. Ogni volta che Gesù ripete questa domanda, a Pietro torna in mente che lo ha rinnegato, che ha detto di non conoscerlo e si vergogna».

3. LACRIME DI INQUIETUDINE D’AMORE

Le lacrime di gioia come quelle di dolore, di ansia come di speranza nascono tutte dal grembo dell’amore: sono figlie di un cuore che desidera e spera solo il bene di colui che si ama. Le mamme questo lo sanno bene! Se una mamma piange lo fa quasi sempre per la sorte dei propri figli. Le loro sono lacrime inquiete frutto del profondo amore che esse nutrono per le loro creature.

Nelle Confessioni leggiamo questa frase che un vescovo disse a santa Monica, la quale chiedeva di aiutare suo figlio a ritrovare la strada della fede: “Non è possibile che un figlio di tante lacrime perisca” (III,12,21). Lo stesso Agostino, dopo la conversione, rivolgendosi a Dio, scrive: “per amore mio piangeva innanzi a te mia madre, tutta fedele, versando più lacrime di quante ne versino mai le madri alla morte fisica dei figli” (III,11,19).

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni