Aleteia
sabato 24 Ottobre |
San Cleopa
News

La figlia di Robin Williams ha pubblicato un messaggio commovente in onore del padre

Public Domain

Roberta Sciamplicotti - Aleteia - pubblicato il 08/09/15

Esortando a non nascondere le malattie che non si vedono “a occhio nudo”

L’11 agosto 2014, l’amatissimo attore Robin Wiliams ha deciso di togliersi la vita, privando la famiglia della sua presenza e del suo amore e il mondo del talento che tutti gli riconoscevano.

Williams soffriva di depressione e dei primi stadi del morbo di Parkinson.

Ricordando il padre, la figlia 25enne Zelda ha postato una fotografia di una notte di luna piena insieme a una dichiarazione sulla depressione e sulla salute mentale.

Moonrise on the lake 🌕 I spent this night shivering and laughing under a clear, cold sky full of stars with people I love just to witness something beautiful. We mooned the moon and laughed ourselves hoarse, and I'm so incredibly grateful for every silly second. I came to a realization this year that I feel compelled to share here, for whomsoever may need it: Avoiding fear, sadness or anger is not the same thing as being happy. I live my sadness every day, but I don't resent it anymore. Instead, I do it now so that the wonderful moments of joy I do find are not in order to forget, but to inhabit and enjoy for their own sake. It's not easy. In fact, I'd say it takes much more effort to consciously do than it does to just stay sad, but with all my heart, I cannot tell you how worth it it is. And for those suffering from depression, I know how dark and endless that tunnel can feel, but if happiness seems impossible to find, please hold on to the possibility of hope, faint though it may be. Because I promise you, there're enough nights under the same yellow moon for all of us to share, no matter how or when you find your way there.

Una foto pubblicata da Zelda Williams (@zeldawilliams) in data:

La luna sorge sul lago. Ho passato la notte in preda ai brividi e ridendo insieme alle persone che amo per godere di questo spettacolo. Abbiamo ammirato la luna e abbiamo trascorso del tempo ridendo a crepapelle e sono davvero grata di ogni singolo secondo che ho vissuto”.

Nel corso di quest’anno sono giunta a una conclusione che mi sento di condividere qui, per chiunque possa averne bisogno: evitare la paura, la tristezza o la rabbia non è la stessa cosa che essere felici. Vivo la mia tristezza ogni giorno, ma non me la prendo più”.

Invece, so che ogni singolo momento di gioia che vivo e trovo, non è fatto per essere dimenticato, ma per essere vissuto e goduto per il gusto stesso di essere vissuto. Non è semplice. Infatti ci vuole più sforzo per effettuare consapevolmente una cosa come questa che lasciarsi andare alla tristezza. Ma con tutto il cuore vi posso dire che vale davvero la pena tentare”.

Per tutti quelli che soffrono di depressione… so bene quanto lungo e oscuro possa essere il tunnel, ma se vi pare impossibile trovare la felicità, aggrappatevi alla speranza, per quanto debole vi possa apparire la possibilità. Perché ve lo prometto: ci sono abbastanza notti di luna piena tali da essere condivise da tutti noi. A prescindere dal come o dal quando troverete la vostra strada”.

In un’intervista rilasciata durante lo show della NBC TODAY qualche tempo fa, la figlia di Robin Williams ha riassunto i suoi sentimenti in seguito alla morte del padre: “Finalmente la gente sta iniziando a parlare di malattie che non riesce a vedere immediatamente”.

Mio padre parlava del suo alcolismo. Ci scherzava su”, ha riferito nell’intervista (Daily Mail, 26 febbraio). “Lo aiutava a non nascondersi. Se avete cose che vi rendono tristi, ditele ad altre persone”.

Zelda ha postato su Twitter anche la fotografia di un tatuaggio a forma di colibrì, considerato un simbolo della capacità di ripresa, che si è fatta sulla mano destra.

I colibrì sono divertenti e strani”, ha commentato nell’intervista alla NBC. “È difficile tenerli fermi in un posto, e papà era un po’ così”.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
depressionerobin williamssuicidio
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
POPE FRANCIS AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
La fake news sul Papa che giustifica le union...
Gelsomino Del Guercio
6 frasi di Papa Francesco sulle persone omose...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa su coppie gay: serve una "legge di co...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni