Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 18 Giugno |
Beato Joseph-Marie Cassant
home iconStile di vita
line break icon

Chi ha detto alle “belle” che hanno esaurito la bellezza?

Catholic Link - pubblicato il 04/09/15

La bellezza diventa noiosa quando diventa uniforme

di Mauricio Artieda

C’è qualcosa di profondamente infelice negli standard di bellezza della nostra società. Sono come un collo di bottiglia: anziché riscattare la bellezza che esiste in ogni persona, valorizzandone le molteplici espressioni, si esauriscono in un unico modello, sul quale scaricano tutte le proprie esigenze estetiche e a cui richiedono la nostra sottomissione e obbedienza.

La bellezza diventa noiosa quando diventa uniforme. Si deforma, si falsifica. Ho visto ragazze belle distruggere la propria bellezza cercando di adeguarsi a una taglia, a una razza, a colori e a un modo di comportarsi a loro del tutto estraneo. La bellezza, ripeto, non può essere un collo di bottiglia.

Permettetemi di fare un po’ il teologo per giustificare la mia ultima affermazione. La creazione è bella perché Dio la crea, e Dio crea per amore perché Dio è amore. In fondo, all’origine della bellezza c’è un atto profondo e sereno di amore divino. Questo amore si effonde nella creazione producendo molteplici forme di bellezza, e tra queste, come sappiamo, la più perfetta è l’uomo, unico essere amato di per sé e creato a immagine e somiglianza di Dio. La bellezza che possiede l’uomo, quindi, è più profonda di quella di qualsiasi altro essere creato perché è una partecipazione diretta alla bellezza infinita di Dio Uno e Trino.

Questa bellezza trinitaria, che supera e comprende l’unità e la molteplicità, si esprime in ogni uomo in modo radicalmente diverso e unico. Faccio un esempio che ci aiuterà a comprendere le conseguenze di quanto detto finora: la bellezza di un’eclissi lunare è metafisicamente più simile alla bellezza di un fiore della bellezza fisica di due donne scelte a caso. Ciò vuol dire che da un punto di vista cristiano la bellezza non è mai un collo di bottiglia uniformante in cui si possono – e men che meno si devono – collocare o categorizzare le persone.

Ciascuno di noi esseri umani possiede una grande bellezza, e non solo una bellezza interiore o spirituale, ma anche fisica. Il fatto che la società sia diventata incapace di scoprirla è un altro problema. Un problema che non dovrebbe far sì che migliaia di uomini e donne rinuncino a considerare quella bellezza in sé o sentano il bisogno di entrare tra le fila degli infelici che attraverso diete e operazioni cercheranno di passare per il collo di bottiglia di una bellezza falsa, tanto moderna quanto noiosa, che non è altro che una macchina deprimente di uniformazione estetica.

È probabile che il piccolo principe avesse ragione, l’essenziale è invisibile agli occhi, ma con la bellezza la frase deve cambiare, perché la bellezza è visibile; in ogni caso è invisibile a uno sguardo annebbiato o stordito da standard estetici fortemente sessualizzati. Rinunciamo a questi standard ma non alla bellezza, altrimenti la bambina di questo video si sentirà inadeguata in quel tutù, si scioglierà i capelli e inizierà una dieta rigorosa pensando che non ci sia niente di bello in lei… e questo non è vero!

Credo che a volte, come sembra fare la bambina, si debba dimenticare un po’ l’opinione del mondo e celebrare con gioia che la nostra bellezza si basa sull’amore meraviglioso di Dio. Sono i nostri occhi, il nostro colore, la nostra razza e i nostri gesti divertenti i tratti con cui Dio ha pensato da tutta l’eternità la nostra esistenza. Rinunciare a quella bellezza per l’opinione di qualche cieco non vale e non varrà mai la pena.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
bellezza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
3
conduttore rai 1 diventa prete
Gelsomino Del Guercio
Addio al giornalismo: Fabrizio Gatta, il volto noto di Rai1, dive...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
6
ANDREA BOCELLI FATIMA
Paola Belletti
Andrea Bocelli a Fatima: “Maria è il percorso obbligatorio ...
7
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni