Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
Aleteia logo
home iconChiesa
line break icon

I cavilli bizzarri che dividono cattolici e protestanti

Charles-Clegg-CC

David Mills - pubblicato il 03/09/15

Penso che sia piuttosto sbagliato. Le ragioni specifiche per cui gli apologeti e i polemisti del XVI secolo hanno combattuto fino all’inizio del XX secolo restano per la maggior parte questioni che dividono. La gente dice, ad esempio che la Dei Verbum da un lato e il crescente apprezzamento protestante per la tradizione dall’altro abbiano ridotto molto le differenze nella nostra comprensione della Scrittura.

È vero, ma solo in parte. C’è un grande gap tra la dichiarazione della Dei Verbum per cui “tutte le cose rivelate non dalla sola Scrittura e che di conseguenza l’una e l’altra devono essere accettate e venerate con pari sentimento di pietà e riverenza” e la comprensione protestante. Per richiamare la dichiarazione dottrinaria del seminario evangelico anglicano per il quale ho lavorato una volta, i 39 Articoli anglicani: “La Sacra Scrittura contiene tutte le cose necessarie alla salvazione: cosicché tutto ciò che né in essa si legge, né può per essa provami, non debba esigersi che sia da alcuno creduto come articolo di Fede, né deve essere riputato come richiesto di necessità alla salvazione”.

Posso immaginare lo sguardo dei miei ex colleghi se dicessi: “Guardate! Siamo d’accordo!” Tutti cristiani coscienziosi, gentili e seri, direbbero: “Assolutamente no”, e rimuoverebbero qualsiasi bevanda alcolica e ogni oggetto appuntito dalla mia portata.

Alcuni sacerdoti cattolici, anche certi non dissenzienti, mi hanno detto che dopo il Concilio Vaticano II non ci sono differenze fondamentali sulla Scrittura tra i cattolici e i protestanti e che è una questione di enfasi e sfumature. Non è così. Pensate alla festa dell’Assunzione, un giorno di precetto perché sappiamo che Maria è stata assunta con il proprio corpo in Cielo. Lo sappiamo. Per gli amici protestanti come i miei ex colleghi è un nonsenso, o quantomeno una pia invenzione, a cui i cristiani non hanno motivo di credere. Tra “Maria è stata assunta in Cielo” e “Non abbiamo alcuna idea di cosa sia successo a Maria, che ad ogni modo non è così importante” c’è un abisso. Abbiamo due comprensioni molto diverse del ruolo della Scrittura nella vita della Chiesa.

Torniamo a Tim Challies e alle sue obiezioni ai crocifissi. All’inizio pensate: crocifissi? Davvero? Vi preoccupate ancora dei crocifissi al giorno d’oggi? Dove sono il cappotto a lunghe code e le basette?

Sarebbe ingiusto, e stupido. Challies cita il grande patriarca evangelico anglicano J. I. Packer, prendendo un passo che credo sia tratto dall’opera evangelica classica di Packer Knowing God. Nel passo citato, egli condanna tutte le immagini come violazioni grossolane del secondo comandamento. Propone un’argomentazione seria e meditata per la sua affermazione, dicendo che “non c’è spazio per dubitare del fatto che il comandamento ci obblighi a dissociare la nostra adorazione, sia in pubblico che in privato, da tutte le immagini e le statue di Cristo”.

Ho incontrato per la prima volta Jim una trentina di anni fa e lo ritengo un amico, e un uomo per il quale nutro un grande rispetto. È estremamente gentile e ha una cultura spettacolare, e al riguardo non è, non c’è altra parola per definirlo, eretico. È una parola forte, e ne ho cercata un’altra, ma è difficile pensare a un altro termine per qualcuno che dichiara eretico il settimo concilio ecumenico, per non parlare della pratica unanime e continua della Chiesa cattolica e di quella ortodossa. Non pensa che le immagini siano un errore, come (da quanto ho appreso da alcune conversazioni con lui) le liturgie troppo elaborate. Pensa che siano idoli.

La differenza non è una questione di gusto o disgusto nei confronti delle immagini. Non è una questione di volere aiuti visivi o non volerli. È una differenza che va al fondo della nostra comprensione della fede cristiana e di come dev’essere vissuta. Pensate a cosa sarebbero la vostra vita spirituale e il vostro momento a Messa e nell’adorazione senza il crocifisso, le icone e le statue, e anche i santini. Un uomo più saggio o uno psicologo migliore di me potrebbe spiegarlo meglio, ma sappiamo che queste cose ci sono state date come parte essenziale della nostra vita di fede. Non sono opzionali.

I cattolici possono rispondere a Packer e Challies, anche su base biblica. Non credo che la lettura del secondo comandamento da parte di Packer sia convincente.

In questa sede voglio solo ringraziare Dio per gli evangelici. In questo caso, in particolare, il grande J. I. Packer e il suo discepolo Tim Challies. Le questioni che sollevano in modo così chiaro dividono ancora i cattolici dai protestanti. Non sono questioni morte, il tipo di cavilli su cui possono aver argomentato i nostri antenati. Se vogliamo progredire nella nostra crescita insieme come fratelli e sorelle in Cristo, dovremo affrontare queste differenze. Tre urrà per le persone che si preoccupano abbastanza della verità, della fede, e anche dei loro fratelli cattolici, a costo di sembrare antiquati ed eccentrici come un uomo con le folte basette in un cappotto con la coda.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

  • 1
  • 2
Tags:
cattolicesimoecumenismoprotestantesimo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
3
couple
Raphaëlle Coquebert
Madre di 8 figli e saggista: «La castità non è non fare sesso»
4
Gelsomino Del Guercio
Il Papa parla della fine del mondo e di San Michele: “Lui guiderà...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
VENERABLE SANDRA SABATTINI
Gelsomino Del Guercio
Sandra Sabattini beata il 24 ottobre. Lo ha deciso Papa Francesco...
7
Gelsomino Del Guercio
Il Papa dice alle suore salesiane: non fate le zitellone. Cosa vo...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni