Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

7 abitudini quotidiane per chi vuole essere santo

Peter Mooney-cc
Corridore atleta sport
Condividi

Calma, però: non bisogna diventare esperti sin dal primo giorno...

Quinta Abitudine: Pregare ogni giorno a mezzogiorno l’Angelus o il Regina Coeli

La quinta abitudine è recitare ogni giorno a mezzogiorno l’Angelus o il Regina Coeli, invocando la Nostra Santissima Madre in base al tempo liturgico. È un’abitudine cattolica che risale a molti secoli fa, e un bel modo per onorare la Madonna per un momento. Come bambini, ricordiamo Nostra Madre durante la giornata e meditiamo sull’Incarnazione e sulla Resurrezione di Nostro Signore, che dà senso a tutta la nostra esistenza.


Sesta Abitudine: La recita del Santo Rosario ogni giorno

Anche la sesta abitudine è mariana – la recita del Santo Rosario ogni giorno e la meditazione dei misteri, che trattano della vita di Nostro Signore e della Madonna. È un’abitudine che una volta acquisita è difficile da abbandonare. Insieme alla ripetizione delle parole d’amore per Maria e all’offerta di ogni decina per le nostre intenzioni, prendiamo una scorciatoia verso Gesù che passa attraverso il cuore di Maria. Gesù non può rifiutare nulla a Sua Madre.


Settima Abitudine: Breve esame di coscienza la sera prima di andare a letto

La settima abitudine è un breve esame di coscienza la sera prima di andare a letto. Ti siedi, chiedi lumi allo Spirito Santo e per vari minuti ripercorri la tua giornata alla presenza di Dio chiedendoti se ti sei comportato come un figlio di Dio a casa, sul lavoro, con gli amici. Guardi anche un settore particolare, che hai identificato con l’aiuto del tuo direttore spirituale, che conosce le tue necessità per migliorare e arrivare alla santità. Puoi anche dare un rapido sguardo per vedere se sei stato fedele nelle abitudini quotidiane che abbiamo discusso in questo articolo. Poi fai un atto di gratitudine per tutto ciò che di buono hai fatto e ricevuto, e un atto di contrizione per quegli aspetti nei quali hai mancato volontariamente.

Se una persona guardasse onestamente alla sua giornata, non importa quanto sia occupata (e non mi è mai sembrato di trovarmi con gente che non sia molto occupata a meno che non sia in pensione), spesso può scoprire che in genere spreca un po’ di tempo ogni giorno.

Che bisogno c’è di una tazza di caffè extra quando puoi usare quel tempo per far visita al Santissimo Sacramento, quindici minuti prima di iniziare a lavorare? O la mezz’ora o molto di più spesa guardando programmi televisivi o video… È comune anche sprecare il tempo dormendo in treno o ascoltando la radio in macchina quando si potrebbe impiegare quel tempo per recitare il Rosario. E non si può leggere il giornale per dieci minuti anziché per venti lasciando spazio alla lettura spirituale?

E quel pasto non potrebbe essere consumato in mezz’ora lasciando spazio per la Messa? Non dimenticare che quella mezz’ora è tempo sprecato quando alla fine della giornata avresti potuto usarla per una buona lettura spirituale, per esaminare la tua coscienza e andare a letto in tempo per recuperare le energie per le battaglie del giorno successivo. La lista continua, puoi scrivere la tua.

Sii onesto con te stesso e con Dio. Queste abitudini, se ben vissute, ci permettono di obbedire alla seconda parte del grande comandamento di amare gli altri come noi stessi. Siamo sulla terra com’è stato il Signore per servire e non per essere serviti. Questo può essere raggiunto solo insieme alla nostra trasformazione graduale in un altro Cristo attraverso la preghiera e i sacramenti.

Vivendo queste sette abitudini diventeremo persone sante e apostoliche, grazie a Dio. Siate certi che, per quanto possiamo cadere in qualcosa di grande o piccolo, avremo sempre un Padre che ci ama e ci aspetta nel Sacramento della Penitenza e l’aiuto devoto del nostro consigliere spirituale per tornare sulla retta via.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.