Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
home iconChiesa
line break icon

E io, di cosa devo confessarmi?

© The Photographer

Desde la fe - pubblicato il 26/08/15

Molti si pongono questa domanda

C’è chi lo chiede come dando a intendere di non avere peccati, per cui di cosa si dovrebbe confessare?, e chi lo chiede perché vuole confessarsi ma non sa di cosa.

In entrambi i casi c’è una risposta simile, ma prima di offrirla bisogna spiegare che chi crede di non avere peccati ritiene in genere che essere cattolico consista semplicemente nell’andare a Messa la domenica. Si sbaglia. Se la Chiesa ci chiede di andare a Messa, è per ricevere tutto l’aiuto celeste di cui abbiamo bisogno per poter compiere l’unico comandamento che ci ha lasciato Gesù: amarci gli uni gli altri come Egli ci ama (cfr. Gv 15,12).

Noi cattolici andiamo a Messa non come un fine in sé, ma perché lì incontriamo Gesù che ci abbraccia, ci perdona, ci parla, ci comunica la Sua pace e ci si offre come cibo che ci rafforza e ci rende capaci di poter amare con l’amore con cui ci ama (per questo la Chiesa considera un peccato grave mancare alla Messa senza motivo e ci chiede che la prossima volta che assistiamo alla Messa non facciamo la Comunione se prima non abbiamo chiesto perdono nella Confessione).

Chi si chiede di cosa si debba confessare (sia perché crede di non avere peccati che perché sa di averli ma non sa quali siano) deve esaminarsi nell’amore.

Bisogna fare un esame di coscienza e chiedersi se dall’ultima confessione tutto ciò che si è pensato, detto, fatto e smesso di fare è stato solo per amore, e se non è così, se a volte è stato motivato da un po’ (o molto) di egoismo, superbia, invidia, ira, rancore, pigrizia, gola, indifferenza verso le sofferenze altrui, attaccamento disordinato al piacere, al denaro, al potere… In questo caso deve chiedere perdono a Dio, confessarsi.

Gesù ha istituito la Confessione quando ha dato ai suoi apostoli il potere di perdonare i peccati (cfr. Gv 20,22-23; Mt 16,19 e 2Cor 5,18). È un sacramento, ovvero un segno sensibile dell’amore di Dio, attraverso il quale riceviamo la grazia divina di cui abbiamo bisogno per santificarci. Ci aiuta a riconoscere le nostre miserie, a sfogarci confessandole al sacerdote che sappiamo che ci comprende, perché anche lui commette errori, ci consiglia, perché ha sentito di tutto e ha più esperienza di noi, non può raccontare niente a nessuno perché gli è impedito dal segreto della Confessione, e ha l’autorità di perdonarci in nome di Dio. È una cosa meravigliosa, che guarisce veramente!

C’è chi dice che preferisce “confessarsi direttamente con Dio”, ma spreca l’aiuto offerto dal Signore e resta sempre con il dubbio di aver ricevuto il Suo perdono. Nulla è paragonabile ad ascoltare le parole dell’assoluzione mentre il sacerdote traccia su di te il segno della croce. Esci sentendoti davvero perdonato, liberato!

C’è chi dice “Perché devo confessarmi con una persona che forse pecca come me, o anche peggio?” A questo bisogna rispondere che il sacerdote non perdona a titolo personale, ma in nome di Dio, e il fatto che sia un peccatore gli permette di comprendere meglio. San Pietro, il primo papa della storia, ha commesso dei peccati, ha rinnegato il suo Signore, e senza dubbio le sue cadute gli hanno permesso di essere più compassionevole con altri che cadevano anch’essi.

La Chiesa ci invita a confessarci almeno una volta all’anno, preferibilmente in Quaresima. Magari non ci attenessimo a queste istruzioni minime, ma ci accostassimo con più frequenza a ricevere l’abbraccio del Signore che ci viene sempre incontro per perdonarci e coprirci con il Suo amore!

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
confessione
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni