Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Standard & Poor’s lancia un indice per quotare le società vicine al mondo cattolico

Alexandre Duret-Lutz
Condividi

L’indice escluderà chi è coinvolto nel commercio o produzione di armi

Standard & Poor’s lancia un indice dei valori cattolici. L’agenzia di rating, che già pubblica degli indici di investimento conformi alla Sharia, ha annunciato il lancio del nuovo indice ispirandosi al modello della finanza cattolica. Il nuovo indice sarà costituito da valori già membri del S&P 500 «le cui pratiche rispettano le regole di investimento socialmente responsabile emesse dalla Conferenza dei vescovi degli Stati Uniti» precisa una nota (RadioCor, 21 agosto).

UN INDICE PER CLIENTI CATTOLICI
L’idea è di offrire alle società di gestione che desiderano sviluppare questo genere di approccio d’investimento ai loro clienti cattolici, un indice di riferimento. Quest’ultimo potrà anche servire allo sviluppo di tutta una gamma di prodotti derivati, principalmente gli Etf (exchange traded-fund). Questi prodotti, che conoscono un larghissimo successo negli Stati Uniti e nel mondo, hanno raggiunto quasi 3.000 miliardi di dollari a fine giugno.

IN LINEA CON I VESCOVI USA
L’indice si chiama “S&P 500 Catholic Values Index” e selezionerà solo le aziende le cui pratiche di business sono accettate dalle «linee guida degli investimenti socialmente responsabili» della Conferenza dei vescovi americani. L’indice escluderà chi è coinvolto nel commercio o produzione di armi nucleari, chimiche, batteriologiche, cluster bomb, mine antiuomo (La Stampa, 22 agosto).

LE SOCIETA’ ESCLUSE
C’è il divieto di includere nei portafogli società «il cui business principale è la vendita di prodotti militari» o quello – più tassativo – per «chi impiega il lavoro minorile» in qualunque fase di produzione e distribuzione. Precisa l’emittente americana Cnbc (20 agosto) che l’indice esclude aziende che operano anche in materia di aborto, contraccezione, intrattenimento per adulti. 

IL FINANZIAMENTO DELLA CHIESA AMERICANA
E la Reuters (20 agosto) aggiunge che tuttavia, alcuni dei più grandi gruppi cattolici americani, hanno milioni di dollari di esposizione in società che operano nei settori dell’energia e dei combustibili fossili. Grandi aziende che lavorano in netto contrasto con le linee guide, a tutela dei cambiamenti climatici, promossi dall’Enciclica “Laudato sii”. 

REVISIONI DELLE PARTECIPAZIONI
Al tempo stesso aiutano a finanziarie le attività della stessa Chiesa americana. Basti pensare che la diocesi di Chicago, la terza più grande negli Usa, ha investito 100 milioni di dollari in partecipazioni presso queste aziende. Ma ha già annunciato di essere pronta a rivedere le sue partecipazioni. Anche alla luce del nuovo indice cattolico e delle direttive che impartirà la conferenza episcopale americana.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.