Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Non si può rimanere attaccati per sempre al seno della mamma

Image Point Fr
Condividi

E’ un po’ questa l’esperienza della folla del Vangelo che è stata sfamata da Gesù

Quando dunque la folla vide che Gesù non era più là e nemmeno i suoi discepoli, salì sulle barche e si diresse alla volta di Cafàrnao alla ricerca di Gesù. Lo trovarono di là dal mare e gli dissero: «Rabbì, quando sei venuto qua?». Gesù rispose loro: «In verità, in verità io vi dico: voi mi cercate non perché avete visto dei segni, ma perché avete mangiato di quei pani e vi siete saziati. Datevi da fare non per il cibo che non dura, ma per il cibo che rimane per la vita eterna e che il Figlio dell’uomo vi darà. Perché su di lui il Padre, Dio, ha messo il suo sigillo». Gli dissero allora: «Che cosa dobbiamo compiere per fare le opere di Dio?». Gesù rispose loro: «Questa è l’opera di Dio: che crediate in colui che egli ha mandato». Allora gli dissero: «Quale segno tu compi perché vediamo e ti crediamo? Quale opera fai? I nostri padri hanno mangiato la manna nel deserto, come sta scritto: Diede loro da mangiare un pane dal cielo». Rispose loro Gesù: «In verità, in verità io vi dico: non è Mosè che vi ha dato il pane dal cielo, ma è il Padre mio che vi dà il pane dal cielo, quello vero. Infatti il pane di Dio è colui che discende dal cielo e dà la vita al mondo». Allora gli dissero: «Signore, dacci sempre questo pane». Gesù rispose loro: «Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai! (Gv 6,24-35)

Ci mettiamo a cercare perché siamo affamati. La fame che ci spinge a cercare è la fame di affetto, la fame di conoscenza, la fame di sicurezza. La fame è una mancanza, un bisogno, che a volte ci fa impazzire, a volte ci entusiasma, nella strenua ricerca di trovare cibo.

Da bambini siamo stati nutriti, non eravamo capaci di darci la vita da soli. Poi pian piano la vita ci ha obbligati a cavarcela da soli, a decidere da soli come preferivamo rispondere alla nostra fame. È stato l’inizio dell’esperienza della nostra libertà.

Per il neonato una delle esperienze più affascinanti è la ricerca di un seno che lo nutra: ci attacchiamo laddove troviamo una risposta alla nostra fame. Ma altrettanto drammatica è l’esperienza del neonato che deve imparare a staccarsi da quel seno. A volte, quando ha fame, il neonato non trova subito il seno della mamma, a volte la mamma sembra scomparsa, a volte sembra non arrivare mai, e il pianto del bambino esprime tutta l’intensità di questo dramma.

In realtà per tutta la vita continuiamo poi a sperimentare questa dinamica fondamentale di attaccamento e di distacco: cerchiamo un seno che ci nutra, ma siamo anche costretti continuamente a staccarci, a sperimentare l’assenza o l’abbandono.

E, se ci pensiamo, è un po’ questa l’esperienza della folla del Vangelo che è stata sfamata e che poi si mette a cercare Gesù perché si è accorta, in modo drammatico, della sua assenza.

La fame e la paura di essere abbandonati ci accompagnano per tutta la vita, forse per questo a volte insistiamo a rimanere attaccati a seni che non posso più nutrirci: preferiamo diventare frustrati e arrabbiati, piuttosto che avere il coraggio di staccarci.

La folla del Vangelo è come il bambino inquieto che cerca la mamma perché ha fame, ma in questa ricerca c’è tanta ambiguità. Come questa folla, anche noi sperimentiamo un’assenza e ci mettiamo a cercare. Ma è un’assenza inevitabilmente piena di ambiguità, perché non sappiamo neppure noi esattamente cosa cerchiamo, non sappiamo cosa effettivamente possa nutrire la nostra fame.

Forse per questo Gesù parte da lì, da questa fame ambigua, senza giudicarla: “Che cercate?”, diceva all’inizio del Vangelo di Giovanni, “di cosa avete fame?”, dice adesso.

MULTIPAGE_SEPARATOR

Gesù sta prendendo sul serio questa domanda fondamentale e antica dell’uomo di ogni tempo. Gesù prova a sciogliere l’ambiguità del cuore umano.

È l’ambiguità con la quale cerchiamo di rispondere goffamente da soli alla nostra fame: è la bulimia del desiderio con la quale proviamo a stordirci senza arrivare mai ad essere sazi, o è l’anoressia del desiderio con la quale continuiamo a punirci nella convinzione di non meritare l’amore.

È la vita che ci sfama, fin dall’inizio. Pian piano ce ne dimentichiamo e continuiamo ad illuderci e pretendere di essere noi stessi a nutrirci da soli, in modo autosufficiente. Il mondo ci inganna e ci impone di essere noi stessi a fabbricare il nostro cibo. E invece c’è una vita, che in tutta la sua ricchezza è lì, come una madre, per continuare a nutrirci. Non a caso la folla del Vangelo chiede a Gesù quali opere compiere, cosa fare, e Gesù risponde semplicemente di credere che c’è un Padre che nutre.

La fame molte volte ci acceca: a volte ci accontentiamo di quello che troviamo pur di sfamarci, a volte non riusciamo a vedere che il pane vero è davanti a noi, proprio come accade alla folla del Vangelo, che è davanti al pane, ma non lo vede…Io sono il pane della vita.

Gesù non disprezza la nostra fame, anzi parte proprio da lì, dal nostro desiderio di essere voluti bene, dal nostro bisogno di attaccarci a qualcuno, per aiutarci a scegliere il cibo che riempie veramente il nostro vuoto.

Leggersi dentro

  • Quale nome daresti alla tua fame?
  • Dove cerchi in genere quello che può nutrirti?
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.