Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 30 Ottobre |
San Marciano di Siracusa
home iconArte e Viaggi
line break icon

Giuseppe Verdi, un ateo inquieto alla ricerca di Dio

© Public Domain

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 25/08/15

“Va Pensiero” e la “Forza del destino”: le due opere in cui il compositore dialoga con Dio

E’ possibile parlare di religione e fede, ragionando di un uomo come Giuseppe Verdi, da tutti ritenuto, se non ateo, quanto meno molto tiepido nei confronti della Chiesa e della devozione? La risposta è “si” come dimostra Egidio Bandini su Il Sussidiario (22 agosto) analizzando alcuni dei capolavori di Verdi.

Il compositore avrebbe sentito forte il richiamo alla fede, al “mettersi in grazia di Dio”, come lui stesso scriveva, magari con un semplice segno di croce o, ben spesso, dando voce e armonia alle più belle opere.

LA FEDE E IL “VA PENSIERO”

Ragionando del rapporto di Giuseppe Verdi con la fede e la religione, si arriva, da subito, a comprendere come, per il Maestro, si sia trattato davvero di una “mancanza di cui aveva pieno il cuore” e a spiegarcelo nel modo migliore, evidenzia Bandini, è lo stesso Verdi, attraverso il suo coro più famoso: il “Va pensiero“. La nostalgia struggente che pervade gli ebrei in esilio è qualcosa di molto personale, di intimo, che Verdi sottolinea, rende vivo, anima con la sua musica più bella, più emozionante, più toccante. È la nostalgia per ciò che aveva irrimediabilmente perduto: la moglie, i figli, il calore della famiglia e, per tutto questo, la fede.

LA PROVVIDENZA DIVINA

Nel “Va pensiero” il Maestro canta il dolore del distacco, il desiderio del ritorno, la ricerca di ciò che manca: ma se è consapevole che i suoi cari non li riavrà mai più, altrettanto capisce che potrà recuperare la consolazione della fede, l’abbandono alla Provvidenza, la grazia di Dio. Di qui, dal “Nabucco“, quella che può essere considerata la prima, vera opera verdiana, è un susseguirsi di questa ricerca, tradotta in musica indimenticabile: a tratti affannosa come in “Rigoletto“, a tratti struggente come in “Traviata“, fino a quell’inno al Signore solenne e potente, “Immenso Ftah” di “Aida“.

LA RICERCA RELIGIOSA

Già Papa Benedetto XVI aveva affrontato il tema della fede in Verdi.

MULTIPAGE_SEPARATOR

Ratzinger sosteneva, infatti, che Verdi – a causa sia del clima anticlericale del Risorgimento sia delle tragedie familiari che lo colpirono, con la prematura morte della prima moglie e dei due figli – passò dalla fede a un ateismo inquieto, mai disgiunto da una ricerca religiosa.

LA FORZA DEL DESTINO

«Nelle sue opere – affermava il pontefice – colpisce sempre come egli abbia saputo cogliere e tratteggiare musicalmente le situazioni della vita, soprattutto i drammi dell’animo umano, in modo così immediato, incisivo ed essenziale come raramente si trova nel panorama musicale». «È un destino sempre tragico – continua il Papa – quello dei personaggi verdiani a cui non sfuggono i protagonisti de “La Forza del Destino”». 

IL CONFRONTO CON DIO

Tutta la vicenda è occasione per Verdi per meditare sull’impossibilità di sfuggire al destino. Ma naturalmente, commenta Benedetto XVI, «affrontando il tema del destino, Verdi si trova ad affrontare direttamente il tema religioso, a confrontarsi con Dio, con la fede, con la Chiesa; ed emerge ancora una volta l’animo di questo musicista, la sua inquietudine, la sua ricerca religiosa». 

PREGHIERA E CONVERSIONE

Vediamo qui come l’ateismo del Verdi maturo sia effettivamente sempre intriso di dubbi e d’interesse per la religione. Ne “La Forza del Destino”, osserva il Papa, «non solo una delle arie più famose, “La Vergine degli Angeli”, è un’accorata preghiera, ma vi troviamo anche due storie di conversione e avvicinamento a Dio: quella di Leonora, che riconosce drammaticamente le sue colpe e decide di ritirarsi in una vita eremitica, e quella di don Alvaro, che lotta tra il mondo e una vita in solitudine con Dio».

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
musica
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
Timothée Dhellemmes
Seconda ondata di Covid: in Europa il culto c...
Lucandrea Massaro
Sale il numero di morti nell'attentato di Niz...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
ERIN CREDO TWINS
Cerith Gardiner
“Dio ha senso dell'umorismo”: coppia di genit...
EMILY RATAJKOWKSI
Annalisa Teggi
Emily Ratajkowski: scoprirò il sesso di mio f...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni