Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

7 passi iniziali per aiutare chi ha una ferita emotiva

Raul Lieberwirth
Condividi

Se sei stato respinto o hai sofferto per un fallimento…

Quando qualcuno si fa male deve immediatamente disinfettare la ferita, coprirla e a volte usare degli antibiotici per prevenire un’infezione. Tutto questo accade automaticamente. Perché non succede lo stesso con la nostra salute mentale?

Alcune persone credono che basti aspettare perché le ferite psicologiche si curino da sole. Se sei passato per una situazione di rifiuto o hai sofferto per un fallimento, sappi che le ferite emotive possono paralizzare tanto quanto un dolore fisico.

Ecco i sette passi iniziali per fornire un aiuto emotivo elaborati dallo psicologo Guy Winch.

1. Prestare attenzione al dolore emotivo
Riconoscere quando si verifica aiuta ad alleviare il dolore prima che i sentimenti negativi invadano tutto.

La sensazione di dolore è il modo che usa il nostro corpo per avvisarci del fatto che qualcosa non va, e succede anche quando il dolore è emotivo. Quando la persona non supera un rifiuto o un insuccesso, significa che ha subito un danno psicologico che va curato.

La solitudine, ad esempio, può essere devastante e pregiudizievole per la salute psicologica e fisica. Per questo, quando un amico si sente socialmente o emotivamente isolato bisogna aiutarlo.

2. Reindirizzare la reazione viscerale al momento dell’anomalia
La natura delle ferite psicologiche fa sì che diamo priorità a certi aspetti. Un’anomalia può portarci a cercare di sistemare ciò che non può essere sistemato anziché a concentrarci su ciò che si può recuperare. Questa tendenza fa sì che la persona si concentri sull’errore ed entri in un ciclo ripetitivo.

Per porre fine a questo tipo di spirale emotiva dobbiamo imparare a ignorare le reazioni “viscerali” successive all’anomalia (demoralizzazione, ecc.) e fare una lista di alcuni fattori che si possono controllare per “riprovare”.

Ad esempio, pensate alla preparazione, alla pianificazione e a come si può migliorare. Questo tipo di esercizio riduce il senso di solitudine e migliora la capacità di successo nel futuro.

3. Supervisionare e difendere l’autostima quando è necessaria la compassione di sé
L’autostima è come il sistema immunitario emotivo che ammortizza il dolore emotivo e rafforza la capacità di recupero. Per questo è importante curare l’autostima, soprattutto quando la persona sta soffrendo.

Un modo per “curare” l’autostima ferita è praticare la compassione di sé. Quando sorgono sentimenti di autocritica, fate questo esercizio: immaginate che un caro amico sia arrabbiato con voi per ragioni simili alle vostre e scrivetegli un messaggio esprimendo simpatia e sostegno. Poi leggete il messaggio e applicate quelle parole a voi stessi.

4. Interrompere i pensieri negativi con distrazioni positive
Quando gli eventi dolorosi si ripetono e non si cerca una nuova prospettiva o una nuova soluzione, in realtà si tiene il problema in incubazione, soprattutto quando si tratta di un dolore psicologico più profondo.

Il modo migliore per interrompere questo “ruminare” è distrarsi con attività che richiedono concentrazione (ad esempio facendo un Sudoku, cercando di ricordare i compagni di quinta elementare, ecc.).

Alcuni studi mostrano che solo due minuti di distrazione riducono sufficientemente la concentrazione sui pensieri negativi.

5. Trovare un senso per la perdita
Le perdite fanno parte della vita. Provocano ferite emotive e lasciano cicatrici che possono impedirci di andare avanti se non vengono curate. Se è già trascorso un tempo sufficiente senza che abbiate superato una perdita e state ancora lottando per andare avanti, allora avete bisogno di cambiare il modo di rapportarvi al problema. Il passo più importante per alleviare il dolore e riprendersi da una perdita è trovarle un senso. Può essere difficile, ma potete pensare a quello che avete ottenuto dopo la perdita (ad esempio, “Ho perso mio marito, ma ora sono molto più vicina ai miei figli”).

Pensate a come questo potrebbe aiutare altre persone ad avere una nuova visione della vita. Immaginate i cambiamenti che potreste realizzare per aiutare le persone a vivere una vita in base ai propri valori e propositi.

6. Non permettere che persista la colpa eccessiva
Il senso di colpa può essere utile a piccole dosi, come un avvertimento per prendere misure e rimediare a un problema nel rapporto con altre persone, ma il senso di colpa eccessivo è un residuo tossico che esaurisce le nostre energie emotive e intellettuali, distraendo e impedendo di approfittare della vita.

Uno dei modi migliori per affrontare il senso di colpa persistente è chiedere scusa in modo efficace. Scusarsi è difficile, ma l’ingrediente essenziale per scusarsi in modo efficace è l’empatia. In altre parole, bisogna concentrarsi meno sulla spiegazione del problema e più su come le azioni (o le omissioni) hanno influito sull’altra persona.

È più facile perdonare quando si capisce davvero come si sente l’altro. Agendo in questo modo, è più probabile che l’altra persona perdoni sinceramente, e questo aiuterà a dissolvere il senso di colpa.

7. Sapere quali sono le cure più efficaci per le ferite emotive
Fate attenzione a voi stessi e imparate come affrontate le ferite emotive più comuni. Ad esempio, notate se vi stringete nelle spalle, se vi arrabbiate, in quali situazioni vi riprendete rapidamente, se rimanete infastiditi, quali sono le situazioni in cui vi riprendete più lentamente, se riuscite a mettere da parte i sentimenti…

Usate questa conoscenza per aiutarvi a capire in che modo i primi ausili emotivi possano funzionare meglio nelle varie situazioni (è come identificare in un armadietto pieno di medicinali qual è il migliore per il proprio dolore). Accade lo stesso con la costruzione della resistenza emotiva. Provate tecniche diverse e scoprite quali sono le più efficaci per voi.

Soprattutto, però, prendete l’abitudine di annotare regolarmente la vostra salute psicologica, specialmente dopo una situazione stressante, difficile ed emotivamente dolorosa.

La pratica dell’igiene emotiva richiede un po’ di tempo e di sforzo, ma migliora molto la qualità della vita.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni