Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Quando la Madonna si “travestì” da Buddha

© Public Domain
Condividi

Una storia poco nota legata a quello che papa Pio IX definì “il miracolo dell’Oriente”

Nel 1865, un gruppo di giapponesi si avvicina al padre francese Bernard Petitjean, che ha da poco tempo ottenuto il permesso di costruire una chiesa a Nagasaki dopo due secoli di feroci persecuzioni anticristiane da parte dello Shogunato di Tokyo. Il gruppo chiede al missionario se è possibile “salutare la Signora e il Suo Figlio” all’interno della chiesa: con grande stupore, il padre francese scopre di avere davanti dei cristiani, che hanno mantenuto la fede trasmettendosela in famiglia e nascondendosi dal potere temporale.

Le leggi che proibivano la religione cristiana verranno tolte, tra l’altro, solamente nel 1873, e successivamente a una nuova ondata di persecuzioni a cui sono legati i martiri di Tsuwano.

Papa Pio IX, informato dell’avvenimento, lo definisce “il miracolo dell’Oriente”. La storia è nota e lo stesso Papa Francesco l’ha più volte citata nel suo ministero. Quello che si conosce meno è che questi kakure kirishitan (“cristiani nascosti”) hanno celebrato per secoli gli antichi riti davanti a immagini particolari: quelle di “Maria-Kannon”, ovvero una statua della dea buddhista della misericordia – Kannon per i giapponesi, Guanyn per i cinesi – nella quale hanno identificato la Vergine.

Grazie a questo stratagemma sono riusciti a ingannare le autorità e a mantenere salda la dottrina. Vale la pena ricordare un altro fatto: in quegli anni il Vicario Apostolico del Giappone è monsignor Theodore Forcade, che sarà vescovo di Nevers in Francia e qui avrà modo di accogliere Santa Bernadette nel convento locale e difendere le apparizioni mariane di Lourdes, avvenute nel 1858. Prima di morire, monsignor Forcade dirà che “il manto di Maria ha protetto il Giappone”.
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni