Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 10 Aprile |
Sabato dell'Ottava di Pasqua
home iconStile di vita
line break icon

Storie di uomini e donne di Dio

Public Domain

Costanza Miriano - Il blog di Costanza Miriano - pubblicato il 18/08/15

Se decidi di obbedire a Dio, poi lui obbedisce a te...

Distrattamente devo aver fatto qualcosa di buono, evidentemente senza rendermene conto, per meritare, ormai per il terzo anno di fila, un regalo come questo. Una famiglia di cari amici ci ha invitati per una settimana in casa loro, in un minuscolo paese nel cuore dell’Italia (abitanti: uno, in inverno; qualche decina in estate), a 1200 metri di altezza, 1200 più 3, per l’esattezza, perché a noi viene assegnato il secondo piano della casa, in esclusiva, in modo che grazie alla ferrea disciplina militare della famiglia lo possiamo rapidamente colonizzare con una capillare azione offensiva: in pochi minuti pennarelli, cani di pezza, carte di goleador, libri sul tifo inglese e cuffiette Apple vengono posizionati nei punti strategici sui molti metri quadri a nostra disposizione, per segnare il possesso del territorio.

Intanto disotto, alle nostre spalle, si cucinano pranzi e cene da sogno per noi, sulla brace o nel forno a legna (le pur lunghe passeggiate non spiegano come mai un apporto calorico all’incirca decuplicato rispetto al mio standard non mi abbia portato all’aumento di peso, neanche un etto. Alla beatificazione ormai certa dei nostri ospiti questo dovrà certamente essere ascritto come miracolo).

Il posto della nostra vacanza da sogno ha inoltre questa caratteristica quasi magica di essere a circa un’ora da qualsiasi cosa: mare, montagna, cascate. Un po’ come a Roma, che ovunque tu debba andare ci metti un’ora sempre, solo che in quel caso le mete sono il dentista, il catechismo, il luogo dell’intervista, e i tre appuntamenti sono a venti minuti uno dall’altro. Comunque, la divagazione era per dire che siamo stati portati in posti meravigliosi, cime, vallate, ruscelli, cascate, laghi, città e paesi. Tornati a casa ho chiesto ai figli quali fosse stato il ricordo più bello. Avrei detto il ghiacciaio sopra i duemila metri, o le salite in alto. Invece sono state le visite ai luoghi di San Benedetto e di Santa Rita a vincere la top ten.
11822795_10206556354740530_6516804492459081931_n
Le storie di un uomo e di una donna che hanno saputo legare la loro vita a quella di Gesù, che hanno vissuto per Cristo hanno una potenza che non può morire, profuma troppo, risponde a quell’infinito desiderio che tutti abbiamo, anche quando non ne siamo consapevoli, anche quando gli diamo altri nomi e cerchiamo altre risposte.

San Benedetto ha deciso di “nulla anteporre all’amore di Cristo”. Un criterio che gli ha permesso di vivere per Cristo come il figlio vive per il Padre. La vita divina è talmente un’altra cosa, talmente diversa da quella umana, che tutte le opere cambiano forma, senso, si animano di un vigore inaccessibile all’uomo, neanche con tutti gli sforzi di volontà possibili. E infatti Benedetto con il monachesimo che ha fondato in occidente ha dato vita a una cultura che prima di lui non c’era, una civiltà ricchissima, un trionfo di cultura e intelligenza, che ha portato progressi decisivi in molti campi, progressi di cui godiamo ancora oggi noi tutti. Ma più di tutto quello che colpisce in quest’uomo è la sua unione continua con Cristo. Tutta la sua storia – bellissima la vita di San Gregorio Magno – è costellata di miracoli, perché come dice Santa Teresa d’Avila, se tu obbedisci a Dio lui obbedisce a te, e i miracoli te li tira dietro. Non vivi più la tua vita, ma quella divina, e le leggi della natura si piegano a quelle superiori.

Anche la stori11863394_10206565122039707_5156735519127099350_na di Santa Rita è costellata di fatti miracolosi, anche lei ha vissuto con un cuore tormentato dalla gloria di Gesù Cristo, e il Signore non l’ha mai delusa. Io che sono una mamma posso solo lontanamente provare a immaginare cosa costi a una madre pregare perché i suoi figli muoiano prima di cadere nel peccato mortale. Pregare per la salvezza delle loro anime prima che di quella del corpo, quando è della carne della tua carne che si tratta deve essere davvero impossibile, se non si crede fermissimamente che la vita secondo Dio viene prima di tutto, che ogni istante si può vivere sotto lo sguardo di Dio, e così venire trasfigurato. Così avvenne quando per umiliarla la madre superiora disse a quella vedova che, persi i suoi figli, era entrata nel monastero della Agostiniane di annaffiare un legno secco. Rita obbedì senza sbuffare, senza ribellarsi, certa che ogni umiliazione anche ingiustificata e immeritata, se accolta per amore di Cristo porta frutto. Così il bastone germogliò, e la vite che ne nacque fa ancora vino, ogni anno. Un ottimo pensiero da mettere nel cuore, nella borsa tornando alla vita feriale. A volte anche a noi capita di annaffiare un legno secco, ma il dato è del tutto irrilevante se non è per quel legno ma per qualcun altro che stiamo vivendo.

QUI L’ORIGINALE

Tags:
santi e beati
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
girl stop in the street
Claudio De Castro
“Vieni a trovarmi”, insisteva Gesù dal tabernacolo
2
Gelsomino Del Guercio
Le assurde messe in prigione del cardinale Simoni: pensavano foss...
3
POGRZEB Z URNĄ
Toscana Oggi
Conservare le ceneri dei defunti in casa, ecco perché la Chiesa d...
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
Gelsomino Del Guercio
Le stigmate di Domenica Galeano, la veggente di Briatico, sono ve...
6
Archbishop Georg Gänswein
i.Media per Aleteia
Mons. Gänswein: si pensava che Benedetto XVI sarebbe vissuto solo...
7
christian couple
Orfa Astorga
Coppia e religione: quando la “mescolanza” non è sana
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni