Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 25 Febbraio |
Beato Tommaso Maria Fusco
home iconChiesa
line break icon

Perché Dio dice di onorare la madre e il padre?

lightwavemedia

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 18/08/15

Il quarto comandamento è una sorta di "catena" che si tramanda di generazione in generazione

Perché Dio ci dice di “onorare la madre e il padre”? Che consigli ci dà nei comportamenti da adottare con i propri genitori nella vita di tutti i giorni per esaudire questo comandamento?

Lo spiegano Francesca Maria Forgetta e Vincenzo Testa ne “I dieci comandamenti nella vita quotidiana” (deComporre Edizioni). 

PACE E PROSPERITA’
Per scoprirlo, scrivono gli autori, basta prendere tra le mani la Santa Scrittura e in particolare il Libro dell’Esodo al cap. 20 versetto 12 “Onora tuo padre e tua madre, perché si prolunghino i tuoi giorni nel paese che ti dà il Signore, tuo Dio”. Si capisce, quindi, che al rispetto del quarto comandamento si legano in maniera profonda conseguenze positive a livello spirituale ma anche frutti temporali di pace e di prosperità.

DIO E LA FAMIGLIA
Ci sarà però anche una ragione perché tutto questo possa essere compiuto. Quale ne è il fondamento? Ogni cosa viene da Dio e dal suo progetto. Sappiamo bene, infatti, che la famiglia è da sempre nei progetti di Dio e ogni sua problematica rende più difficoltoso l’avverarsi del disegno del creatore.

LA RESPONSABILITA’ DEI FIGLI
Dunque bisogna essere riconoscenti verso chi ci ha donato la vita, ci ha amato e fatto crescere in età, sapienza e in grazia ed essere docili e obbedienti è la naturale conseguenza dei vincoli affettivi che si sono costruiti e che sono impressi nel cuore di ognuno. È logico, pertanto, che i figli avvertano una grande responsabilità verso i propri genitori che li spinge nel momento del bisogno a fornire loro l’aiuto materiale e morale quando la vecchiaia, la malattia, la solitudine e l’indigenza si faranno vedere.

L’EDUCAZIONE DEI GENITORI
Decisiva sarà stata la tenerezza, il rispetto, l’amore, la fedeltà e la misericordia con le quali gli stessi genitori hanno tenuto fede al loro impegno educativo. Il loro esempio è, per davvero, fondamentale in quanto educa alle virtù e nell’immagine del focolare domestico, trova concretezza l’esigenza di quella reciproca solidarietà che sostiene le responsabilità comunitarie.

IL RUOLO DELLA FEDE
In questa opera educativa, in una parte fondamentale che i genitori dovranno curare con grande impegno è quella alla fede. Si tratta di un’opera lenta che inizia fin dai primi tempi dell’esistenza del bambino e che lo accompagna nella crescita anche e soprattutto attraverso l’esercizio quotidiano della testimonianza dei genitori chiamati, con gesti semplici e ordinari, a far vedere l’amore di Dio. Tutto ciò si esprime e trova compimento nel provvedere ai bisogni dei figli, siano essi materiali o spirituali, nello scegliere gli ambienti della loro formazione umana e sociale e poi nel sostenere le loro scelte professionali o dello stato di vita.

CHI LAVORA PER IL BENE
Ma in questo quarto comandamento, si legge ancora in ““I dieci comandamenti nella vita quotidiana”, è sottinteso anche il dovere “di onorare tutti coloro che, per il bene, hanno ricevuto da Dio un’autorità nella società”. È evidente che questo dovere, come quello tra padre e figlio, ha le caratteristiche della reciprocità. Pertanto ci sono anche “i doveri di chi esercita l’autorità quanto quelli di chi ne beneficia”.

DOVERI VERSO I CITTADINI
Ci sono, quindi, doveri delle autorità verso i cittadini che vanno onorati con il rispetto della dignità e, quindi, di un potere che va esercitato con saggezza e tenendo conto dei bisogni di ciascuno in vista della concordia e della pace. A questi corrispondono i do- veri dei cittadini verso le autorità con le quali si deve collaborare per il bene della società secondo criteri di verità, di solidarietà e di libertà. Ed è logico, quindi. che questi doveri vanno sempre confrontati con la coscienza in modo da evitare di seguire i comandi della autorità civili se questi “sono contrari alle esigenze dell’ordine morale, ai diritti fondamentali delle persone o agli insegnamenti del Vangelo”.

Tags:
dieci comandamentigenitori
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
POPE EASTER
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco: “Non dovete mai convincere un non credente”
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
CAIN AND WIFE
Francisco Vêneto
Con chi si è sposato Caino, se Adamo ed Eva avevano solo figli ma...
5
WSZYSTKICH ŚWIĘTYCH
Gelsomino Del Guercio
8 modi per aiutare e liberare le anime del Purgatorio
6
MUM, HUG, CHILD
Annalisa Teggi
Mamma si suicida insieme al figlio, ma lo salva con l’ultim...
7
KISS
Carlos Padilla
Curate così il vostro matrimonio e non ve ne pentirete mai
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni