Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 30 Ottobre |
San Marciano di Siracusa
home iconChiesa
line break icon

Perché Dio dice di onorare la madre e il padre?

lightwavemedia

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 18/08/15

Il quarto comandamento è una sorta di "catena" che si tramanda di generazione in generazione

Perché Dio ci dice di “onorare la madre e il padre”? Che consigli ci dà nei comportamenti da adottare con i propri genitori nella vita di tutti i giorni per esaudire questo comandamento?

Lo spiegano Francesca Maria Forgetta e Vincenzo Testa ne “I dieci comandamenti nella vita quotidiana” (deComporre Edizioni). 

PACE E PROSPERITA’

Per scoprirlo, scrivono gli autori, basta prendere tra le mani la Santa Scrittura e in particolare il Libro dell’Esodo al cap. 20 versetto 12 “Onora tuo padre e tua madre, perché si prolunghino i tuoi giorni nel paese che ti dà il Signore, tuo Dio”. Si capisce, quindi, che al rispetto del quarto comandamento si legano in maniera profonda conseguenze positive a livello spirituale ma anche frutti temporali di pace e di prosperità.

DIO E LA FAMIGLIA

Ci sarà però anche una ragione perché tutto questo possa essere compiuto. Quale ne è il fondamento? Ogni cosa viene da Dio e dal suo progetto. Sappiamo bene, infatti, che la famiglia è da sempre nei progetti di Dio e ogni sua problematica rende più difficoltoso l’avverarsi del disegno del creatore.

LA RESPONSABILITA’ DEI FIGLI

Dunque bisogna essere riconoscenti verso chi ci ha donato la vita, ci ha amato e fatto crescere in età, sapienza e in grazia ed essere docili e obbedienti è la naturale conseguenza dei vincoli affettivi che si sono costruiti e che sono impressi nel cuore di ognuno. È logico, pertanto, che i figli avvertano una grande responsabilità verso i propri genitori che li spinge nel momento del bisogno a fornire loro l’aiuto materiale e morale quando la vecchiaia, la malattia, la solitudine e l’indigenza si faranno vedere.

L’EDUCAZIONE DEI GENITORI

Decisiva sarà stata la tenerezza, il rispetto, l’amore, la fedeltà e la misericordia con le quali gli stessi genitori hanno tenuto fede al loro impegno educativo. Il loro esempio è, per davvero, fondamentale in quanto educa alle virtù e nell’immagine del focolare domestico, trova concretezza l’esigenza di quella reciproca solidarietà che sostiene le responsabilità comunitarie.

IL RUOLO DELLA FEDE

In questa opera educativa, in una parte fondamentale che i genitori dovranno curare con grande impegno è quella alla fede. Si tratta di un’opera lenta che inizia fin dai primi tempi dell’esistenza del bambino e che lo accompagna nella crescita anche e soprattutto attraverso l’esercizio quotidiano della testimonianza dei genitori chiamati, con gesti semplici e ordinari, a far vedere l’amore di Dio. Tutto ciò si esprime e trova compimento nel provvedere ai bisogni dei figli, siano essi materiali o spirituali, nello scegliere gli ambienti della loro formazione umana e sociale e poi nel sostenere le loro scelte professionali o dello stato di vita.

CHI LAVORA PER IL BENE

Ma in questo quarto comandamento, si legge ancora in ““I dieci comandamenti nella vita quotidiana”, è sottinteso anche il dovere “di onorare tutti coloro che, per il bene, hanno ricevuto da Dio un’autorità nella società”. È evidente che questo dovere, come quello tra padre e figlio, ha le caratteristiche della reciprocità. Pertanto ci sono anche “i doveri di chi esercita l’autorità quanto quelli di chi ne beneficia”.

DOVERI VERSO I CITTADINI

Ci sono, quindi, doveri delle autorità verso i cittadini che vanno onorati con il rispetto della dignità e, quindi, di un potere che va esercitato con saggezza e tenendo conto dei bisogni di ciascuno in vista della concordia e della pace. A questi corrispondono i do- veri dei cittadini verso le autorità con le quali si deve collaborare per il bene della società secondo criteri di verità, di solidarietà e di libertà. Ed è logico, quindi. che questi doveri vanno sempre confrontati con la coscienza in modo da evitare di seguire i comandi della autorità civili se questi “sono contrari alle esigenze dell’ordine morale, ai diritti fondamentali delle persone o agli insegnamenti del Vangelo”.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
dieci comandamentigenitori
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
Timothée Dhellemmes
Seconda ondata di Covid: in Europa il culto c...
Lucandrea Massaro
Sale il numero di morti nell'attentato di Niz...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
ERIN CREDO TWINS
Cerith Gardiner
“Dio ha senso dell'umorismo”: coppia di genit...
EMILY RATAJKOWKSI
Annalisa Teggi
Emily Ratajkowski: scoprirò il sesso di mio f...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni