Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

A proposito della nullità del matrimonio…

MASSIMILIANO MIGLIORATO PP
November 04,2013 :Meeting of inauguration of the judicial year of SACRA ROTA
Condividi

Un contributo alla riflessione in vista del Sinodo

di Luisa Solero*

Fra le proposte del Sinodo c’è anche quella di ampliare, rendere più agile e accessibile, possibilmente gratuita, la richiesta di nullità del matrimonio. Io ci penso da tempo, a mio parere il tribunale ecclesiastico oggi non ha più senso, o lo ha per casi residuali, forse ha perso la sua ragion d’essere, o piuttosto ha evidenziato i suoi limiti. Penso dunque che tutta la materia che riguarda la nullità del matrimonio andrebbe rivista, e non nel senso di aumentare le possibilità di accedere alla dichiarazione di nullità, o di aumentare le competenze del tribunale allargandole alla possibilità di accertare la sopravvenuta morte del vincolo matrimoniale. Neppure riterrei utile attribuire al tribunale ecclesiastico la competenza ad esaminare i casi e a stabilire un percorso penitenziale che consenta la ripresa della pratica sacramentale e la eventuale benedizione di un “secondo” matrimonio. A mio parere il tribunale ecclesiastico dovrebbe proprio essere abolito, perché penso che vada avviato un diverso modo di pensare, e lo penso per diverse ragioni. Già il concetto di tribunale va stretto. Se Dio è il Giudice misericordioso che esercita la giustizia attraverso i canoni del perdono, mi domando come possa la chiesa pensare di utilizzare altri schemi, o arrogarsi la pretesa di giudicare secondo altri canoni che non siano quelli di Dio. Mi domando come possano fare degli uomini, chiamati per vocazione all’esercizio della misericordia, a mettersi nella prospettiva di giudicare secondo criteri legalistici e non secondo l’amministrazione del perdono. E’ semmai attraverso il sacramento della riconciliazione (sacramento che pure andrebbe rivisto e riscoperto nella sua dimensione di incontro con il Dio della misericordia e del perdono) che può individuarsi, io credo, una soluzione, o forse la assoluzione. Lì, nel sacramento, Egli è presente, fra le persone che gli stanno davanti nella loro autentica povertà, tanto il prete che il penitente, o i penitenti, e il dono del perdono non arriva perché si sono portate delle prove, o si è accusata una colpa. Spesso nella fragilità del matrimonio non ci sono colpe, ci sono forse errori, sviste, poca attenzione, fragilità appunto dell’uno o dell’altro, o di entrambi.

Nel sacramento della riconciliazione il perdono arriva perché nell’incontro il prete lo invoca e il penitente lo chiede. Io poi sono convinta che la misericordia di Dio sia così grande che il perdono arriva anche se uno non lo chiede, credo che i sacramenti non siano necessari per sperimentare l’amore di Dio, che ci siano molti santi fra i non credenti, e che fede e religione non siano la stessa cosa. Io penso che la materia del matrimonio appartenga più all’area del perdono, che a quella dei presupposti codificati del diritto canonico. Varrebbe la pena di fare una ricerca per vedere se e quale valenza abbia la nullità matrimoniale nelle varie aree del mondo. Qui da noi c’è il tribunale di prima istanza e quello di seconda istanza, mentre a fronte di una difformità di giudizi c’è la Sacra Rota. C’è un certo numero di richieste, sappiamo che una buona parte perviene a sentenza di accoglimento. Ma quante siano le richieste di nullità in Francia o Germania, in Europa, negli Stati dell’America Latina o dell’Africa e via dicendo, non saprei. So di un prete che era stato mandato in Kenia per occuparsi di nullità dei matrimoni… Come se si potessero applicare al matrimonio in Kenia, o al celibato dei preti africani, i principi del diritto romano su cui si fonda il diritto canonico. Del resto, una collega tedesca qualche anno fa mi diceva che l’istituto della nullità del matrimonio, civile o religioso, in Germania è praticamente un istituto sconosciuto. La nullità del matrimonio civile (che da noi ha margini ristretti) io non l’ho mai incontrata nell’arco della mia professione, ricordo solo un possibile caso cui peraltro si rinunciò, dal momento che la dichiarazione di nullità, mettendo nel nulla il matrimonio, avrebbe tolto alla persona interessata anche quel minimo di tutela economica che viceversa una separazione, e in futuro il divorzio, le poteva in qualche modo garantire. Di nullità del matrimonio religioso (con ricaduta su quello civile stanti i Patti Lateranensi) ne ho avuto varie esperienze, pur non essendomene occupata direttamente. Quello che posso dire è che a monte spesso c’era un accordo fra le parti, che si erano accordate nel senso di assumersi appunto una responsabilità attraverso il riconoscimento di una immaturità data dalla giovane età, dalla mancanza di esperienza, dalla ricerca di uscire dai vincoli dalla famiglia, o c’era la conferma di una propria inadeguatezza, o della esclusione di figli, o la mancanza di fede o di consapevolezza del sacramento…

Quante volte dietro la richiesta congiunta, o anche di quella avanzata dall’uno nei confronti dell’altro, quante volte a monte c’era anche un pagamento di somme importanti, la cessione di proprietà di una casa, regolazioni economiche, l’assunzione delle spese legali… Certamente ognuno ha la sua storia, e tanti sono i motivi, ma quello che posso dire per esperienza di tante vicende è che dentro e dietro la richiesta di nullità c’è una sorta di freddezza, una sorta di ambiguità di fondo. L’indagine si ferma al momento della celebrazione del sacramento e va alla ricerca degli antefatti che sostengano una decisione di nullità così da far cadere, come si dice “in radice”, il matrimonio. Si costruisce cioè una via di uscita che oltrepassi a piedi pari il contenuto della relazione nel tempo, e consenta un decollo futuro, spesso idealistico o fantastico quanto lo era stato il primo. Né la consulenza tecnica, che spesso viene richiesta all’interno del procedimento, aiuta le persone ad un ripensamento del proprio vissuto al fine di dargli un senso. Anzi, spesso la consulenza tecnica costituisce per le persone più fragili una invasione della sfera personale inutile e penalizzante, mentre le persone più forti utilizzano la consulenza per raggiungere il loro risultato, anche a prezzo della sofferenza e della fragilità dell’altro. La nullità del matrimonio è spesso una ferita grave che viene inferta all’altro. Quando lo si accusa di incapacità (psichiatrica o psicologica, sessuale nelle sue varie sfumature…), la richiesta di nullità può essere perfino sconvolgente, può arrivare a minare la personalità. Per che cosa e per che fine? Talvolta la rinuncia a chiedere l’accertamento di una causa di nullità va proprio nel senso del rispetto dell’altro, diventa un autentico gesto d’amore. Una volta un cliente, proprio davanti alla scelta o meno di intraprendere un procedimento di nullità, mi ha detto che, per amare veramente, delle volte è meglio “non” fare qualcosa, piuttosto che farla. Se poi lo sguardo va ai figli, la mia esperienza mi dice che la nullità del matrimonio dei genitori può non essere rasserenante per loro.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.