Aleteia

Quando e come fare la preghiera di guarigione e liberazione

© Anelina / Shutterstock
Condividi
Commenta

Adolfo Lippi spiega i tre momenti del rito, distinguendo l'esorcismo privato da quello solenne

Cos'è la preghiera di liberazione? Da quanti momenti è formata? E chi la può recitare? Ne parla padre Adolfo Lippi, passionista, in "Guarigione e liberazione" (Edizioni Rinnovamento nello Spirito). «Con queste preghiere – spiega l'autore – si chiede a Dio, alla Madonna, a san Michele Arcangelo, agli angeli e ai santi di venire liberati dagli influssi malefici di Satana (nell’esorcismo ci si rivolge al diavolo in nome di Dio, della Vergine…)». 

"LIBERARCI DAL MALE…"
Pregare per questo motivo, cioè per essere liberati, osserva Lippi, non solo è lodevole, ma anche raccomandabile, si è sempre fatto e lo si deve fare, in privato e in pubblico. Diciamo subito che la preghiera liberazione è sulle labbra di Gesù. Quando invochiamo Dio onnipotente perché ci liberi dal maligno, facciamo ciò che ci ha insegnato Gesù nel Padre Nostro: "…ma liberaci dal male".

LA LODE A DIO
La preghiera di guarigione e liberazione è fatta di tre momenti. Il primo è la lode a Dio per la persona. Per quanto la miseria e magari le trasgressioni della persona siano grandi, la preghiera non comincia con la supplica per la liberazione e la guarigione, ma con la lode a Dio. Si comincia con una lode personalizzata, come tutto, in questo tipo di preghiera, è personalizzato. Si loda Dio per la persona, per la sua vita concreta. Si benedice Dio perché ha creato questa persona, che, comunque, è un dono per la creazione, qualunque cosa abbia fatto. 

IL DISEGNO D'AMORE E DI VITA
Così si stacca la persona dalla fissazione sopra i suoi mali e si riconduce al disegno primitivo di Dio su di lei, che è certamente un disegno di amore, cioè di vita e di crescita della vita fino alla pienezza, giacché questo è il significato dinamico dell’espressione che si trova tante volte nei Vangeli: vita eterna. 

L'INVOCAZIONE
Secondo momento: l’invocazione. Al momento della lode segue quello della supplica propriamente detta. Si invoca l’aiuto di Dio in obbedienza al comando del Signore. Si fa appello alla compassione di Gesù che guariva tutti i malati che si rivolgevano a lui. Ci si mette in ascolto della persona, ma anche in ascolto dello Spirito per comprendere la malattia e la sua radice. Si può, allora, invocare la misericordia di Dio sul passato della persona, particolarmente sulla sua infanzia, sopra i suoi genitori e antenati, sopra le ferite del cuore, i traumi patiti, le carenze affettive. 

ALLONTANAMENTO DEGLI SPIRITI
Se lo si ritiene utile o necessario, si fa una preghiera di liberazione, chiedendo l’allontanamento di quegli spiriti di cui si è constatata la presenza o per quanto la persona stessa ha raccontato o dagli effetti che si riscontrano in lei.

IL RENDIMENTO DI GRAZIE
Il terzo momento è il rendimento di grazie. La preghiera non si chiude mai senza il ringraziamento per quanto Dio ha certamente operato attraverso di essa. È il terzo momento costitutivo di ogni preghiera sacramentale o carismatica. Il fatto stesso di aver pregato è un segno della compassione e della misericordia di Dio per la persona. 

Pagine: 1 2

Condividi
Commenta
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni