Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 22 Aprile |
San Sotero
home iconStile di vita
line break icon

Qual è il peccato senza piacere che ha già in sé il suo castigo?

DJTaylor

Dimensione Speranza - pubblicato il 12/08/15

Chi lo commette o si ama troppo o si ama troppo poco

Tra i vizi capitali un posto particolare occupa l’invidia. La tradizione cristiana, fondandosi sul testo di Sap 2,24: “per l’invidia del diavolo la morte entrò nel mondo”, ne colse l’estrema pericolosità. Il primo atto di invidia, del diavolo nei confronti dell’uomo, ebbe effetti devastanti, e si rivelò contagioso: l’uomo, da invidiato divenne invidioso e la storia biblica è piena di casi di invidia e di figure di invidiosi.

L’invidia non può trasparire o essere dichiarata perché questo equivarrebbe a una dichiarazione pubblica di inferiorità. Costretto a rodersi nell’oscurità, l’invidioso è soprattutto un sofferente.

Scrive Gregorio Magno: «Caino finì per uccidere suo fratello perché vide disprezzato il proprio sacrificio e s’infuriò che Dio avesse accettata la vittima di Abele, preferendolo a lui. Il vederlo migliore di sé gli sembrò una cosa tanto orribile che lo stroncò per farla finita. Così pure Esaù perseguitò il fratello, perché, perduta la benedizione di primogenito, che del resto aveva venduta per mangiare le lenticchie, sospirava per essere diventato inferiore a quello che era nato dopo di lui. Per la stessa ragione i fratelli di Giuseppe lo vendettero agli Ismaeliti di passaggio, per impedire che diventasse da più di loro, conforme avevano saputo per rivelazione. E Saul perseguitò Davide suo suddito, scagliandogli contro la lancia, perché vedendolo ogni giorno più virtuoso e fortunato, ebbe paura che diventasse più grande di lui. Perciò è piccolo chi si lascia uccidere dall’invidia, poiché, se non fosse inferiore, non patirebbe per il bene di un altro» (Moralia V,84).

Per quanto sentito come male pericoloso e difficile da estirpare, l’invidia manca negli elenchi più antichi dei vizi capitali: manca in Evagrio Pontico mentre in Cassiano compare solamente come “figlia” della superbia. Invece Gregorio Magno la introduce nel settenario dei vizi e le assegna un posto particolare come seconda dopo la superbia. Del resto Gregorio non limitava il suo sguardo e la sua preoccupazione pastorale solamente al mondo monastico, come Evagrio, ma lo apriva al mondo e lì poteva vedere i conflitti e le discordie provocate dall’invidia. Nella vita sociale, nelle famiglie, nelle corti, nelle scuole, nei mercati, nelle città, l’invidia si mostrava fattore di disgregazione sociale e di rottura del legame di solidarietà. La dimensione sociale dell’invidia fu colta con acutezza da Gregorio.

L’etimologia lega l’invidia al videre (“vedere”): invidere, ovvero, avere occhio cattivo (Mt 20,15: «hai l’occhio cattivo perché io sono buono?»), guardare l’altro con occhio cattivo, fino a non volere più vedere l’altro, ovvero a volerne la sparizione: l’invidia diviene omicida. La tradizione parla dell’accecamento degli invidiosi, e Dante, nelPurgatorio (XII,67-72) li dipinge come gente a cui sono state legate le ciglia con il fil di ferro. L’invidioso arriva a odiare, ma deve sempre dissimulare il suo odio: l’invidia non può trasparire o essere dichiarata perché questo equivarrebbe a una dichiarazione pubblica di inferiorità. Costretto a rodersi nell’oscurità, l’invidioso è soprattutto un sofferente.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
peccatovizio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
3
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Alessandro Gisotti
Papa: prima di giudicare, guardiamoci allo specchio
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni