Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 01 Marzo |
Sant'Auguste Chapdelaine
home iconStile di vita
line break icon

Che conseguenze psicologiche subirà il figlio di una coppia divorziata?

© Goodluz / SHUTTERSTOCK

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 07/08/15

In "Figli della tempesta", si spiega il trauma della separazione. E cosa scatena nell'animo dei figli della coppia

Un trauma dalle conseguenze imprevedibile. Quali sono le conseguenze emotive del divorzio sui figli? Lo scopriamo con Antonello Vanni, autore di "Figli nella tempesta. La loro sofferenza nella separazione e nel divorzio" (Edizioni San Paolo). Vanni scava nelle conseguenze della separazione e negli aspetti più drammatici che essa genere. 

Parte nella sua analisi da due concetti collegati tra loro: il primo è che quanto maggiore è l'intensità del conflitto tra i genitori, tanto gravi e profonde saranno le ferite nei figli. Il secondo è che sono molto rari i casi in cui non c'è conflitto tra i genitori. Come dire che i figli soffrono sempre e comunque. 

VITTIME DI UNA BATTAGLIA
Nella disintegrazione della famiglia, del resto l'ostilità, la rabbia, il rancore e il risentimento, quando non la violenza fisica e psicologica tra i coniugi, sono sempre presenti. I figli, testimoni e vittime di una guerra di cui non hanno colpa, si trovano ad affrontare situazioni devastanti ed emozioni troppo intense che non riescono a gestire facilmente. E oltretutto in questo compito sono spesso lasciati soli, dato che gli adulti sono completamente presi dai loro problemi e da battaglie che ne assorbono le energie. 

SI FERMA LO SVILUPPO PSICOLOGICO
La conflittualità tra i genitori interrompe bruscamente lo sviluppo psicologico dei figli, produce stress e ansia, paura e sensi di colpa che compromettono in maniera permanente la formazione della loro identità. Non è un caso se diversi studi longitudinali hanno rilevato la presenza persistente dei severi effetti del divorzio anche sul lungo termine, cioè lungo l'intera esistenza di queste persone. 

COME UNO SHOCK
Il divorzio è in sostanza, secondo uno studio dell'American Academy in Traumatic Stress, sezione dell'American Psychiatric Association, un trauma da stress per il vissuto dei figli, che ha le caratteristiche di essere non controllabile, imprevedibile, minaccia l'integrità psico-fisica, scatena paura, ansia anche in modo cumulativo. causa cambiamenti radicali nella vita delle persone, determina disturbi psicologici, emotivi o affettivi finanche cronici. 

TRAUMA CUMULATIVO INFANTILE
Rispetto ad altri traumi, c'è un aspetto che rende particolare il trauma dovuto alla separazione e al divorzio: la sua dinamica ripetitiva, cumulativa e prolungata nel tempo, anche per anni. Questa caratteristica predispone nei figli le basi di un'ulteriore sofferenza psicologica, nota come trauma cumulativo infantile. Cioè la continua esposizione del bambino a diverse esperienze stressanti, con conseguenze psicologiche "proporzionali in severità e varietà della sintomatologia, alla somma delle esperienze negative vissute".

LE PAURE CON CUI CRESCERA' IL FIGLIO
In sostanza il divorzio non viene mai vissuto in maniera serena. Spesso i genitori trascinano per anni la loro ostilità. I figli sono testimoni di continui litigi, tensioni, risentimenti, angoscia e scontri tra il padre e la madre. La reazione dei figli è di rassegnata accettazione, ma presenta anche stati di tristezza, ansia, confusione, rabbia, aggressività. Il figlio paga la paura dell'abbandono, teme per la sua sicurezza e si chiede chi si prenderà cura di lui. Il nucleo familiare che si disintegra è la radice di una crisi profonda nel figlio. 

Tags:
divorzio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE EASTER
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco: “Non dovete mai convincere un non credente”
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
Sanctuary of Merciful Love
Bret Thoman, OFS
Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
4
Communion
Claudio De Castro
Comunione: si ha tra le mani il Figlio di Dio, e serve rispetto
5
Philip Kosloski
Perché i cattolici non mangiano carne i venerdì di Quaresima?
6
Paola Belletti
Aiutiamo Debora Vezzani? Tutta la famiglia con il Covid, lei la p...
7
Gelsomino Del Guercio
Congo, Attanasio salvò dal Covid suor Annalisa. “Devo a lui la mi...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni