Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 25 Luglio |
San Giacomo il Maggiore
home iconChiesa
line break icon

Cosa accade durante la Messa spiegato in modo semplice (I)

UK Catholic/Marcin Mazur

Catholic Link - pubblicato il 05/08/15

Ci sono la liturgia della parola e la liturgia eucaristica...

di padre Juan José Paniagua

La Messa è il sacrificio di Cristo, che si è offerto una volta per sempre sulla Croce. È il centro della nostra vita cristiana e l’azione di grazie che presentiamo a Dio per il suo grande amore per noi. Non è un altro sacrificio, non è una ripetizione. È lo stesso sacrificio di Gesù che si rende presente. È una ri-presentazione del Calvario, memoriale, applicazione dei meriti di Cristo.

Ha due parti: la liturgia della parola (dopo essersi ben preparati attraverso la richiesta di perdono dei peccati) e la liturgia eucaristica, che è l’offerta al Padre da parte di Gesù e da parte nostra, perché anche noi siamo figli di Dio.

Per sapersi avvalere dei grandi frutti spirituali che ci vengono dati attraverso la celebrazione eucaristica bisogna conoscerla, comprendere i suoi gesti e i suoi simboli e parteciparvi con reverenza. Ecco la prima parte di una spiegazione che ti può aiutare a partecipare meglio a questo sacrificio.

1. Riti iniziali:

Canto di ingresso:

Ci prepariamo a iniziare la Messa con il canto di ingresso. È un canto che unisce tutti, perché alla Messa partecipano persone di diversi luoghi, culture ed età, e tutti cantiamo a una sola voce, come un corpo unico intorno a Cristo, per celebrare uno dei doni più grandi che Gesù ci ha lasciato: l’Eucaristia.

Segno della Croce:

La Messa inizia propriamente con il segno della croce, e finisce allo stesso modo, quando riceviamo la benedizione finale. Farsi il segno della croce ci ricorda che apparteniamo a Cristo. Nel linguaggio biblico, il nome rappresenta la persona stessa. Iniziare nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo non è solo menzionare il nome di Dio, ma metterci alla sua presenza.

Atto penitenziale:


Posti alla presenza di Dio, la Chiesa ci invita a riconoscere con umiltà che siamo peccatori, perché come dice San Paolo “Non riesco a capire neppure ciò che faccio: infatti non quello che voglio io faccio, ma quello che detesto” (Rm 7, 15). Una cosa del genere succede a tutti noi. Per questo, all’inizio dell’Eucaristia riconosciamo umilmente, di fronte a tutti i nostri fratelli, che siamo peccatori.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
liturgia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
Catholic Link
Una guida per l’esame di coscienza da ripassare prima di og...
5
Gelsomino Del Guercio
Cesare Cremonini indica al cardinale Zuppi “la strada per i...
6
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
7
PILGRIMAGE,ROME
Giovanni Marcotullio
Lo stato della questione sulla Messa in “rito antico”
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni