Aleteia
martedì 20 Ottobre |
San Paolo della Croce
Chiesa

Conta più amare gli altri o avere fede?

GAIL ORENSTEIN / NURPHOTO

Dimensione Speranza - pubblicato il 03/08/15

Nel momento del giudizio, non sarà domandato agli uomini se hanno creduto...

di Alberto Maggi

Con Gesù, «Dio con noi» (Mt 1 ,23c), cambia il cammino degli uomini. Prima di lui, l’umanità era impegnata in un’incessante ricerca di comunione con un Dio che la religione presentava sempre più lontano, una divinità esigente, che trovava difetti persino nei santi e negli angeli da lui stesso creati: «Ecco, dei suoi servi egli non si fida e nei suoi angeli trova difetti» (Gb 4,18).

Protesi verso il loro Dio, tutto ciò che gli uomini facevano era per il Signore, dal servizio alla preghiera, all’amore per l’altro. E le persone più religiose erano spesso talmente assorbite dal loro Dio da non accorgersi dei bisogni del prossimo.

Con Gesù tutto cambia. La ricerca di Dio con lui è terminata: il Signore non è più da cercare, ma da accogliere e, con lui e come lui, andare verso gli uomini. Essi, infatti, non vivono più per Dio, ma di Dio, un Padre che chiede di essere accolto per fondersi con loro, dilatarne la capacità di amore e renderli così l’unico santuario dal quale irradiare l’amore a ogni creatura.

Dio si è fatto uomo, per sempre, ed è con un uomo che i credenti devono confrontarsi. Per Gesù, ciò che determina la riuscita o meno dell’esistenza, rendendola così definitiva, non è il rapporto che si è avuto con Dio, ma con gli uomini; non è il riconoscerlo e dirgli: «Signore, Signore», ma il compiere la volontà del Padre (cf. Mt 7,21), accogliendo il suo amore e trasformandolo in azioni che comunicano vita.

Per questo, nell’elenco dei comportamenti che, secondo Gesù, rendono impuro l’uomo, non ce n’è uno che riguarda il rapporto con la divinità, il culto, la religione; vi sono, invece, enumerati gli atteggiamenti negativi che danneggiano l’altro: «omicidi, adulteri, impurità, furti, false testimonianze, calunnie» (Mt 15,19). Similmente, al ricco che gli chiede quali comandamenti osservare per avere la vita eterna, Gesù cita solo quelli che riguardano i doveri verso il prossimo, non quelli – ritenuti importantissimi – degli obblighi verso Dio: «Non ucciderai, non commetterai adulterio, non ruberai, non testimonierai il falso, onora il padre e la madre e amerai il prossimo tuo come te stesso» (Mt 19,18-19).

Il messaggio di Gesù diventa, pertanto, universale e abbraccia tutta l’umanità. Non sarà domandato agli uomini se hanno creduto, ma se hanno amato. Non se sono saliti al tempio, ma se hanno aperto la loro casa al bisognoso. Non se hanno fatto offerte al Signore, ma se hanno condiviso il loro pane con chi ne aveva necessità. Chiunque dimostri attenzione verso i bisogni dell’altro e intervenga per aiutarlo, costui entra nella vita definitiva.

Gesù espone tutto questo in una parabola, che si trova unicamente nel vangelo di Matteo (Mt 25,31-46). Gesù si rifà a un’immagine ben conosciuta, quella del giudizio delle nazioni pagane: «Nell’al di là, il Santo – che benedetto sia – prenderà un rotolo della Torah, se lo poserà sulle ginocchia e dirà: "Chi se ne è occupato, venga e riceverà la sua ricompensa"» (Aboda Zara 2a,b). Secondo le credenze del tempo, nel giorno del giudizio, Dio avrebbe consultato il libro nel quale aveva scrupolosamente segnato tutte le azioni compiute dagli uomini, dividendole in positive e negative, e in base a queste li avrebbe giudicati.

Gesù non ha bisogno di alcun registro. Come il pastore separa facilmente le pecore dai capri, così il Signore riconosce chi ha amato e chi no. Come il pescatore sa distinguere i pesci buoni da quelli marci (cf Mt 13,48-49) e il contadino riconosce i frutti buoni da quelli fradici (cf Mt 7,17-19), il Signore distingue subito chi ha la vita e chi ne è privo.

Si riconosce facilmente chi ha orientato la propria vita al bene degli altri e ha speso la sua esistenza a servizio dei propri simili. Le azioni compiute nel corso dell’esistenza, infatti, si imprimono nella persona, segnandola per sempre, nel bene come nel male.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
amorebenedizionegiudizioprossimo
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Religión en Libertad
Lo jihadista non è riuscito a decapitarmi: “C...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni