Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

L’eliporto del Vaticano sarà usato per le emergenze pediatriche

Weston Renoud-Christian Payne-Doc. Di0-CC
Condividi

Accordo tra Governatorato dello Stato della Città del Vaticano e Ospedale Bambino Gesù.

Un accordo per l’utilizzo a scopi sanitari dell’eliporto situato nei Giardini Vaticani è stato siglato tra il Governatorato dello Stato della Città del Vaticano e l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù. L’intesa, approvata dalla Segreteria di Stato di Sua Santità, è stata firmata dal segretario generale del Governatorato, S.E.R. Mons. Fernando Vérgez Alzaga, e dal presidente dell’Ospedale Pediatrico della Santa Sede, Mariella Enoc.

Il Governatorato concede al Bambino Gesù di Roma l’autorizzazione all’atterraggio e al decollo, sia diurno che notturno, all’interno dello Stato della Città del Vaticano, di eliambulanze ed elicotteri provenienti o diretti verso l’Ospedale, per gravi urgenze ed emergenze pediatriche o per casi riguardanti espianti e impianti di organi. L’accordo è propedeutico all’inserimento dell’eliporto del Vaticano all’interno della Rete regionale per la gestione delle emergenze.

Informato dell’iniziativa, Papa Francesco ha manifestato la Sua gioia e ha espresso la Sua benevolenza per l’accordo che sarà di grande aiuto ai bambini. 

Commenta il presidente del Bambino Gesù, Mariella Enoc: «Siamo grati alla Santa Sede, alla Segreteria di Stato e al Governatorato in particolare, nella persona del segretario generale S.E.R. Mons. Fernando Vérgez Alzaga, per questa opportunità che viene concessa all’Ospedale Bambino Gesù, ma soprattutto ai tanti piccoli pazienti provenienti da tutta Italia, che hanno purtroppo urgenza di raggiungere il nostro Ospedale. E’ un gesto importante di carità che risponde ad un bisogno di salute fondamentale: la vicinanza fisica tra lo Stato della Città del Vaticano e la nostra sede del Gianicolo, infatti, consentirà diaccorciare in maniera significativa i tempi di trasporto, contribuendo in molti casi a salvare la vita dei bambini. Voglio ringraziare personalmente anche il comandante Domenico Giani, capo della Gendarmeria Vaticana, che molto si è adoperato con spirito di collaborazione per il raggiungimento di questo risultato».

QUI L’ORIGINALE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni