Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Difesa della famiglia: l’ONU adotta un testo storico

© Ermolaev Alexander/SHUTTERSTOCK
Condividi

Per la prima volta nella storia dei diritti umani, le Nazioni Unite approvano una risoluzione che garantisce i diritti fondamentali di famiglia e bambino

L'Organizzazione delle Nazioni Unite ha avviato una tappa storica il 3 luglio: il Consiglio dei Diritti Umani ONU ha adottato una risoluzione “per la difesa della famiglia” (A/HRC/29/L.25).

La risoluzione riconosce alla famiglia la sua funzione di primo contribuente alla realizzazione del diritto a un livello di vita dignitoso per i suoi membri, in particolare per i figli.

Il Consiglio dei Diritti Umani ha approvato questa dichiarazione inedita nella storia delle Nazioni Unite in occasione del 20º anniversario dell'Anno Internazionale della Famiglia.

Difendere l'infanzia

Il testo afferma che la famiglia è “l'elemento naturale e fondamentale della società” e ha il diritto di essere protetta dalla società e dallo Stato.

Le Nazioni Unite riconoscono in primo luogo che la famiglia svolge un ruolo cruciale nella “preservazione dell'identità culturale”.

Con questa iniziativa, l'ONU ribadisce alla famiglia la sua responsabilità primaria di nutrire e proteggere ciascuno dei suoi discendenti, e questo “dall'infanzia all'adolescenza”.

Un aspetto importante è il fatto che il testo sottolinea il diritto dei genitori di scegliere “il tipo di educazione” che vogliono dare ai propri figli e che spetta a loro la responsabilità primaria dell'educazione e dello sviluppo del bambino.

Europe for Family 

Creata dopo l'enorme mobilitazione dei cittadini europei che rifiutavano la ridefinizione della famiglia e lo sfruttamento delle donne e dei bambini attraverso la maternità surrogata, l'organizzazione Europe for Familiy ha approfittato dell'opportunità per richiamare l'attenzione dell'Unione Europea.

Di fronte all'annuncio della risoluzione delle Nazioni Unite, l'organizzazione ha esortato i membri dell'UE a rafforzare la protezione della famiglia, a promuovere e a difendere i diritti dei genitori e a rafforzare il benessere dei bambini.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni