Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 15 Aprile |
San Giovanni di Montemarano
home iconApprofondimenti
line break icon

Perché si verifica la persecuzione dei cristiani in Medio Oriente?

© SHUTTERSTOCK.com

René Hannah Hattar - Aleteia - pubblicato il 23/07/15

Il fatto di professare una religione pacifica li rende vulnerabili

Vedendo ultimamente le notizie ci troviamo di fronte a un Medio Oriente in cui non cessa la violenza, in cui le vittime che soffrono una persecuzione storica sono cristiane. Una delle domande che sorgono per via di questa situazione è perché siano soprattutto i cristiani ad essere il bersaglio.

La risposta non è semplice. Esistono varie ragioni per spiegare le cause della persecuzione dei cristiani in questa regione del mondo, ma prima di menzionarne alcune bisogna dire che accanto a quella sui cristiani lo Stato Islamico mette in atto una violenza indiscriminata. Ne è prova ciò che si è visto durante la recente guerra in Siria, dove gruppi come gli yazidi sono stati perseguitati, ma è vero che tra le minoranze note nel mondo islamico i cristiani rappresentano il gruppo più rilevante a livello numerico e non, storicamente considerato oppositore alla regione maggioritaria, l’islam.

In primo luogo, essendo una minoranza in terre a maggioranza islamica i persecutori percepiscono i cristiani orientali come gruppi vulnerabili, facilmente manipolabili, capro espiatorio nel conflitto.

In secondo luogo, la posizione non violenta dei gruppi cristiani li trasforma in una vittima facile. Gli esempi di questo atteggiamento sono stati chiari nella storia dei cristiani orientali, caratterizzata dalla loro fedeltà al messaggio di Gesù Cristo, con un deciso coinvolgimento in cause e dinamiche non violente. Soprattutto per una rigenerazione culturale della loro ricchezza storica.

Ad esempio, durante il XIX secolo gli arabi cristiani nella zona della grande Siria (oggi Siria, Libano, Giordania, Israele e Palestina) sono stati i promotori del rinascimento arabo o Nahdah. Scienziati, giornalisti e filologi cristiani hanno “risuscitato” la lingua araba dopo secoli di decadenza, fondando quotidiani, riviste e centri culturali e gettando le basi del nazionalismo arabo contemporaneo.

Secondo gli insegnamenti di Gesù, i cristiani accettano il fatto che il martirio faccia parte della loro fede: “Allora vi consegneranno ai supplizi e vi uccideranno, e sarete odiati da tutti i popoli a causa del mio nome. Molti ne resteranno scandalizzati, ed essi si tradiranno e odieranno a vicenda” (Mt 24, 9-10).

Nei suoi inni, Sant’Efrem di Nisibe affermava nel 363 durante la persecuzione dell’imperatore Giuliano che quella circostanza era la prova per distinguere il vero cristiano, che va alla “vigna” anche in inverno, subendo l’assenza di frutti visibili ma perseverando in Cristo.

Ecco una ragione importante che ha portato la grande maggioranza dei cristiani ad accettare la morte come parte del loro impegno e della loro testimonianza di fede. La ricca eredità storica e liturgica di questa terra si unisce al loro esempio di testimoni eccezionali di donazione. Esempio vivo di fede, amore e perdono.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
cristiani perseguitatimedio oriente
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
3
WIND COUPLE
Catholic Link
7 qualità per scegliere il partner secondo la Bibbia
4
FEMALE DOCTOR,
La Croce - Quotidiano
Atea e obiettrice di coscienza da 10 anni: “non ce la facev...
5
CHIARA AMIRANTE
Gelsomino Del Guercio
Chiara Amirante inedita: la cardiopatia, l’omicidio scampat...
6
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
7
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni