Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 23 Giugno |
San Giuseppe Cafasso
home iconApprofondimenti
line break icon

Le famiglie pagano sempre più tasse. Nonostante i proclami

JEAN-PIERRE MULLER

Città Nuova - pubblicato il 21/07/15

La pressione tributaria è destinata ad aumentare, mentre, tra il 2007 e il 2013, i consumi delle famiglie hanno subìto una riduzione media annua di 5 mila e 500 euro

La campagna per la dichiarazioni dei redditi sta volgendo al termine ed è quindi già possibile fare un bilancio, o comunque avere una idea chiara, di quanto è stato il peso dell’Irpef sulle nostre tasche. Purtroppo, malgrado i tanti proclami e “il fumo negli occhi” sparso dai nostri governanti, gli italiani hanno sostenuto un costo maggiore per tasse rispetto all’anno scorso.

Infatti, anche solo analizzando la dichiarazione dei redditi – senza toccare il dolente tasto dei rincari di Imu, Tasi e Tassa rifiuti – possiamo concludere che i contribuenti hanno dovuto tirare fuori più soldi rispetto all’anno scorso. Se entriamo nel merito, per esempio, partendo dalleaddizionali irpef regionali, in linea di massima abbiamo assistito a degli aumenti di aliquote e quindi a dei rincari: solo in 13 regioni la situazione è rimasta sostanzialmente identica a quella dell’anno precedente, in 3 c’è stato un leggero ritocco al rialzo, in altre 3 il ritocco è stato molto consistente soprattutto per i contribuenti che hanno redditi superiori ai 35mila euro l’anno e solo in 2 Regioni si registrano aliquote più basse rispetto al 2014.

Ancora più dura è stata la situazione per quanto riguarda i rincari delle addizionali irpef comunali. La città più colpita dall’aumento dell’addizionale Irpef è decisamente Venezia, dove i redditi da 30mila euro pagano 609 euro, mentre quelli da 50mila ne sborseranno 1.015 euro, con un incremento dal 2010 ad oggi del 125,6 per cento.

Il capoluogo veneto è seguito a ruota dalla città di Milano dove l’aumento si è attestato al 102,5 per cento: qui i redditi da 30mila euro pagano 664 euro di Irpef mentre quelli da 50mila euro dovranno sborsare 1.168 euro. Ma tra le città più tartassate d’Italia non poteva certo mancare Roma. Proprio nella capitale, gli aumenti dal 2010 ad oggi variano dal 37,7 per cento dei redditi più bassi che pagano 1.029 euro all’81,4 per cento dei redditi da 50mila euro che pagano 1.875 euro.

Tra le città che soffrono meno il binomio dei rincari Irpef comunali – regionali, troviamo Firenze, con un aumento in cinque anni pari al 20,1 per cento. Nonostante un aumento delle addizionali Irpef del 36,7 per cento Trento è la città in cui si paga un conto meno salato: 369 euro per i redditi da 30mila euro e 615 euro per i redditi da 50mila.

Anche per quanto riguarda le detrazioni abbiamo assistito a delle novità che alla fine hanno contribuito ad alleggerire ulteriormente le tasche degli italiani.

Infatti, quest’anno – a sorpresa – non è stato possibile dedurre il Contributo Servizio Sanitario Nazionale (Ssn) dalla nostra dichiarazione fiscale del 2015 relativa ai redditi dell’anno di imposta 2014. Questo contributo, che fino allo scorso anno era possibile dedurre, è quell’importo pagato assieme alla polizza di responsabilità civile per le auto, che deve essere versato obbligatoriamente allo Stato a copertura delle spese mediche per i feriti e le vittime della strada.

Altra modifica rilevante riguardo le detrazioniè stata quella sui premi assicurativi vita ed infortuni.Infatti dalla dichiarazione dei redditi di quest’anno, il limite di spesa detraibile dei premi delle assicurazioni vita/infortuni si è abbassato ulteriormente a 530 euro, per i premi aventi per oggetto ilrischio di morte o di invalidità permanente non inferiore al 5 per cento e a 1.291 euro, per i premi per assicurazioni aventi ad oggetto il rischio di non autosufficienza nel compimento degli atti della vita quotidiana, al netto dei premi aventi per oggetto il rischio di morte o di invalidità permanente.  Tra l’altro, su tali limiti va poi applicata la detrazione del 19%, ottenendo così un importo massimo detraibile, cioè di risparmio effettivo – rispettivamente – di 100,70 euro e di 245,32 euro soltanto.

  • 1
  • 2
Tags:
famigliatasse
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
7
COUPLE GETTING MARRIED
Gelsomino Del Guercio
Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livo...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni