Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Come sarebbe vivere senza lamentarsi di tutto?

Jeff Hill
Condividi

Possiamo cambiare il nostro atteggiamento negativo, che danneggia tanto noi stessi e quanti ci circondano

Basta osservarci durante una giornata ordinaria per capire come molte volte ci lamentiamo del caldo, del freddo, dell’insicurezza, del traffico, dei politici, della situazione economica, dei problemi di salute, del matrimonio… di quasi tutto.

Le lamentele, però, non aiutano in niente. Al contrario, possono farci sentire peggio. Come trasformare l’atteggiamento negativo in un atteggiamento positivo?

Spesso pensiamo e trasmettiamo instancabilmente gli aspetti negativi degli eventi, delle persone, delle circostanze. Trasformiamo tutto in tragedia. Ciò che non sappiamo è che l’atteggiamento negativo peggiora ancor di più il panorama, aumenta i problemi e nasconde le soluzioni o gli aspetti positivi di qualsiasi situazione.

Oltre a ciò, questo tipo di atteggiamento porta a uno stato mentale ostile, che si alimenta ogni volta che la persona si lamenta, giudica e critica. Ciò fa sì che le persone diventino più vulnerabili a malattie e conflitti.

Avviene tutto il contrario quando c’è un atteggiamento positivo, visto che questo dà forza e trasforma le difficoltà in fonti di apprendimento.

“Cambi la forma di vedere le cose, e le cose cambieranno forma”.

Optare per il positivo deve essere una scelta che caratterizza il nostro stile di vita, ovvero il nostro pensare e il nostro agire devono cercare sempre l’aspetto positivo delle cose. Affrontando la vita in questo modo, mettiamo da parte le emozioni che intossicano il corpo e l’anima e tutto si trasforma in insegnamento. E questo ci dà le basi per essere felici.

Decalogo dello spirito positivo*

1. Lo spirito positivo è un misto di serenità interiore, ottimismo, volti amabili e buonumore. Coltiva queste quattro piante.

2. Guarda le cose positive, non soffermarti solo su quelle negative. Elimina il pessimismo e disfattismo, considerando gli aspetti positivi della realtà.

3. Non permettere che la tua condotta sia il risultato del tuo stato emotivo: quando non ti senti bene sorridi, quando le cose non funzionano ridi.

4. Essere sempre allegri è il più grande dono che si possa fare agli altri: sorridi e guarda con affetto.

5. Il linguaggio incoraggia o scoraggia. Per questo, non parlare di cose negative (critiche, reclami, lamentele), neanche per motivare gli altri.

6. Fai della fiducia un asse della tua vita. Lo spirito positivo è il risultato del fatto di confidare in te stesso, negli altri e in Dio.

7. Guarda la realtà presente con “occhi di futuro”, e avrai serenità.

8. Non prenderti molto sul serio. Non considerare i difetti altrui come offese personali. Non trasformare i dettagli in tragedie. In questo modo vivrai felice.

9. Preferisci la convivenza con persone allegre e serene.

10. Tieni i piedi per terra e il cuore in un sogno. L’entusiasmo è lo stato emotivo che risulta da questa visione di speranza nella vita. Per questo, cerca delle sfide.

* Tratto dal libro "Trabalhar bem, viver melhor", di Regino Navarro Ribera, direttore generale di LaFamilia.info

[Traduzione dal portoghese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.