Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 09 Marzo |
San Domenico Savio
home iconChiesa
line break icon

Il segreto per pregare meglio

Leland Francisco-cc

padre Robert McTeigue, SJ - pubblicato il 16/07/15

Capiamo ciò che chiediamo?

“Padre, mi insegna come pregare meglio?”

La gente rimane sempre sorpresa quando rispondo “No”, per cui devo offrire una spiegazione. Dico: “Gesù non ha mai detto ‘Pregate meglio’. Non ha mai detto ‘Pregate bene’. Non ha detto nemmeno ‘Pregate spesso’. Ha detto di pregare ‘sempre’” (Luca 18, 1).

È difficile che qualcuno trovi questa risposta soddisfacente. Queste anime sincere e benintenzionate desiderano Dio, vogliono compiacerlo, e sanno che la preghiera è una parte indispensabile della vita cristiana. In qualche modo, tuttavia, hanno accolto l’idea per la quale per progredire nella vita cristiana bisogna “pregare meglio”. Ho capito che con “pregare meglio” intendono quasi sempre “Voglio imparare come essere sicuro di avere buoni sentimenti durante la preghiera” (Vedete come funziona? “Buoni sentimenti nella preghiera” = “Buona preghiera;” “Mancanza di buoni sentimenti nella preghiera” = “Cattiva preghiera”). Dico a tutte queste persone che la qualità della preghiera di una persona è strettamente legata alla propria fedeltà alla preghiera – in altre parole, la preghiera è buona quando si mantiene la promessa di pregare. 

L’ultima osservazione sulla preghiera (nella fattispecie, che la qualità della preghiera sia legata alla fedeltà ad essa) porta spesso a un fraintendimento. Il ragionamento errato funziona così: “Se la qualità della preghiera è collegata alla fedeltà alla preghiera quando è il momento di pregare e voglio pregare meglio, allora dovrei provare la mia fedeltà alla preghiera trascorrendo più tempo in preghiera”. Questo tipo di ragionamento può portare a struggimento e frustrazione.

Un’immagine: una donna che conosco si lamentava con me per la sua miserevole vita di preghiera. In base alla sua descrizione di come voleva pregare, voleva chiaramente farlo come se fosse una carmelitana claustrale. Aspirazione nobilissima, ma… era sposata e aveva quattro figli ancora con il pannolino. Era fortunata se riusciva a usare il bagno. Ore e ore di meditazione erano semplicemente impossibili per lei. Le ho detto che avrebbe dovuto imparare come pregare quando e come poteva, nei limiti dello stato di vita al quale Dio l’aveva chiamata e per il quale Dio avrebbe fornito la grazia.

Si tratta di un’osservazione vera, ma non è immediatamente utile a nessuno, perché è troppo vaga. È come dire “Fai il bene ed evita il male”, al che la risposta dev’essere “Sì, ma come?”

Torniamo a Luca 18, 1, quando Gesù dice ai Suoi discepoli di “pregare sempre, senza stancarsi”. Com’è possibile pregare sempre? Non abbiamo sempre innumerevoli cose che esigono la nostra attenzione ed energia, come cambiare pannolini, preparare i pasti, scrivere libri, portare i bambini a calcio, ecc.? Sì, certo.

E non è forse vero che la storia cristiana è piena di esempi di persone che si isolano (eremiti), si inclaustrano (monaci) o si allontanano almeno un po’ dalla vita quotidiana per svolgere un ritiro? Sicuramente! Come gesuita, io stesso ho fatto un ritiro di silenzio di 30 giorni – due volte. Ad ogni modo, Gesù ci ha detto di pregare sempre. È sicuramente positivo che ci siano dei ritiri, dei monasteri, periodi di preghiera privata e comunitaria e così via, ma non dobbiamo dimenticare che Gesù ci ha detto di pregare sempre. Come possiamo farlo?

Possiamo prendere qualche spunto dal mio ultimo mentore filosofico, Paul Weiss. Gli è stato chiesto se Dio ama le persone religiose più di quelle che non lo sono. La sua risposta è stata illuminante. Ci ha chiesto di pensare a due bambini – uno sveglio, l’altro addormentato. Un genitore ama uno dei due di più? Assolutamente no. Ma il bambino sveglio può soddisfare l’amore del genitore in un modo in cui quello addormentato non può. Allo stesso modo, una persona religiosa è “sveglia” per Dio in un modo in cui la persona non religiosa non è. La persona religiosa può soddisfare l’amore di Dio nel modo in cui lo scettico, l’indifferente o l’ostile al divino non può. Cosa possiamo imparare dall’osservazione di Weiss? 

Chi è religiosamente “sveglio” può pregare sempre. Una persona del genere può, come suggerisce il titolo del classico spirituale di padre Lawrence della Risurrezione, “praticare la presenza di Dio”.

  • 1
  • 2
Tags:
preghiera
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Lucandrea Massaro
Blasfemia a Sanremo: “Perché mi percuoti?”
2
MAN, DARKNESS, FACE
Annalisa Teggi
Quando al diavolo scappò detto cosa può davvero fare la preghiera
3
SANREMO, FIORELLO, AMADEUS
Annalisa Teggi
10 canzoni che hanno parlato di Dio dal palco di Sanremo
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
6
FETUS 3 MONTH,
Padre Maurizio Patriciello
Puoi parlare di aborto perché tua madre non ti fece trascinare vi...
7
Franciscan Mission of Legnano
Cerith Gardiner
Gustatevi la gioia di questi frati e suore francescani che ballan...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni