Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 06 Marzo |
San Julián di Toledo
home iconChiesa
line break icon

Come annunciare la vita vera quando a volte vivo cose false?

© David LATOUR /CIRIC

padre Carlos Padilla - pubblicato il 14/07/15

La chiamata ci dà la capacità, l'importante è essere inviati

Gesù invia i suoi in missione.

Marco parla dell’invio dei dodici: “In quel tempo, Gesù chiamò a sé i Dodici e prese a mandarli a due a due”.

In Luca vediamo che ne invia settanta, in quella che sembra un’allusione ai settanta popoli di cui si compone l’umanità secondo la tavola etnografica della Bibbia (Gn 10):

“Dopo questi fatti il Signore designò altri settantadue discepoli e li inviò a due a due avanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi. Diceva loro: ‘La messe è molta, ma gli operai sono pochi. Pregate dunque il padrone della messe perché mandi operai per la sua messe. Andate: ecco io vi mando come agnelli in mezzo a lupi’”.

Invia un numero superiore e vuole abbracciare tutti i luoghi della terra. Sottolinea che la messe è abbondante, e li manda come pecore in mezzo ai lupi.

Mi piace questa missione prima della Pentecoste, ma mi sconcerta. Non so perché li invia in mezzo alla sua vita, se non era così necessario. Avrebbero vissuto senza di Lui più avanti, quando Lui non ci fosse stato più. Allora la missione sarebbe stata sul serio. Ora sembra un saggio, una prova. Non so.

Forse Gesù pensava che il cuore dei suoi si sarebbe ampliato perdendo le proprie certezze e vedendo tanta necessità. Li avrebbe aiutati a vedere di cosa erano capaci. Forse avrebbero scoperto il tesoro che portavano dentro. Un piccolo rischio in mezzo al cammino in cui Gesù cura e veglia su tutti. Un’avventura.

La verità è che non tengo sempre presente la portata di questa missione. Quali sono stati i suoi frutti? Cos’hanno ottenuto? Erano preparati? Non avevano vissuto l’aspetto centrale del Vangelo. Come avrebbero fatto?

Avrebbero annunciato la venuta del Regno di Dio. Qualcosa stava cambiando. Ma non sapevano tante cose… Mi sento anch’io come loro. Povero, incapace. Spezzato, fragile.

Annuncio Cristo risorto e inciampo di nuovo nella morte nella mia vita. Come annunciare la vita vera quando molte volte vivo cose false?

Mi piace la coerenza. È ciò che ci aspettiamo da chi predica. Vogliamo che le persone siano tutte d’un pezzo. Quello che dicono dev’essere quello che fanno. Ci infastidiscono la menzogna e la falsità. Non capiamo un discorso senza opere.

Predicare a parole può essere semplice. Predicare con silenzi, con gesti, con opere, è definitivo. I grandi santi hanno avuto poche parole e molte opere, pochi discorsi e molto amore.

Mi sento oggi come quei discepoli tanto incapaci di dare la vita. Seguivano Gesù sulla via. Parlavano del regno e nel proprio cuore pensavano a un altro regno. Si saranno sentiti impotenti. Non erano capaci di compiere i miracoli che faceva il maestro.

Le loro parole avevano forza? Forse sì, a volte il discorso umano può essere persuasivo.

Erano amici di Gesù. Forse questo per il momento bastava. Vivevano con Lui, mangiavano dal suo stesso piatto, ascoltavano in privato la spiegazione più profonda delle sue parole. L’amore rende simili, e loro amavano molto Gesù.

È vero che non erano ancora capaci di dare la vita. Erano deboli, fragili. Sognavano quel regno che avrebbe cambiato la loro vita sulla terra. Erano disposti a lottare. Erano appassionati. Ma erano capaci?

È vero ciò che già sappiamo: la chiamata ci dà la capacità. Quando Gesù pronuncia il nostro nome, ci dà la forza per metterci in cammino. Questo mi rallegra e mi calma.

Ciò che conta è essere inviati, chiamati da un altro che dà un senso alla nostra esistenza. Essere inviati è qualcosa di passivo che richiede solo il mio sì previo, la mia gioiosa disponibilità. Sì, voglio. Adsum. Sono disposto. Importa quel sì prima dell’azione. Quel sì sincero e povero.

Quanta paura nel loro cuore prima di mettersi in cammino! Che avrebbero fatto? Senza Gesù era possibile fare qualcosa?

  • 1
  • 2
Tags:
evangelizzazione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
SANREMO, FIORELLO, AMADEUS
Annalisa Teggi
10 canzoni che hanno parlato di Dio dal palco di Sanremo
5
MADONNA
Maria Paola Daud
La curiosa immagine della Vergine Maria protettrice dal Coronavir...
6
PUSTYNIA
Felipe Aquino
Attenzione alle penitenze assurde in Quaresima
7
Gelsomino Del Guercio
“Solo tu potevi capire Maria”. Lettera di Don Tonino Bello a San ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni