Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 31 Luglio |
Sant'Ignazio di Loyola
home iconChiesa
line break icon

La Trinità: tre persone o tre «modi» di manifestarsi dell’unica divinità?

Fr Lawrence Lew OP

Toscana Oggi - pubblicato il 13/07/15

Una domanda sulla teoria del Modalismo (eresia trinitaria)

Vorrei chiedere un pensiero sulla Santissima Trinità. Non capisco perché la Chiesa non abbia accettato la teoria del Modalismo. Sulla enciclopedia Motta è definita una eresia trinitaria fiorita nei secoli II e III. Essa sostiene che nella Trinità il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo non sono persone distinte ma modi diversi di manifestarsi e di agire di una unica persona divina. Non mi sembra che quando Gesù dice di se stesso «Chi ha visto me ha visto il Padre» sia lontano dal concetto espresso dal Modalismo.
Gianluca Panicucci

Il lettore, per le domande che fa, penso sappia quanto la dottrina della Chiesa cattolica dice sul mistero del Dio Uno e Trino, e che si trova ben definito nei numeri 253-256 del Catechismo della Chiesa cattolica, ai quali rimando per intendersi. Ora quello è il mistero e se ne danno due spiegazioni, quella della fede che è lì detta e non ammette alterazioni e quella della ragione che cerca in qualche modo di esplicitare come quel mistero non sia contraddittorio. Si noti, se fosse possibile per noi una spiegazione razionale non sarebbe un mistero, e di un mistero l’unica cosa che possiamo dire è che per lo meno non è una proposizione assurda e irrazionale.

Intanto il Modalismo è una teoria che razionalmente è contraddittoria, perché un Dio che assume facce diverse e agisce in modi diversi secondo diverse situazioni, suppone che non sia Eterno e Immutabile. Un Dio mutabile, poi, suppone che in Lui vi sia potenza e non sia tutto ciò che deve essere, cioè che non è perfetto. Un Dio che non è perfetto e in più è mutabile non è un Dio. Infatti o Dio è l’essere perfettissimo, immutabile e eterno perciò necessario, o non lo è, se non lo è non ci interessa, perché non è il nostro Dio.

Ancora, o Dio è Trino o non lo è, se non lo è, siamo come gli ebrei e i musulmani; se lo è, dobbiamo spiegare come lo possa essere sempre ed eternamente, e non a modi o a momenti o a episodi.

Se una madre generasse eternamente il figlio, da lui non potrebbe essere dissociata, né il figlio dalla madre. Così il figlio (in quanto generato) sarebbe della stessa natura della madre ed entrambi costituirebbero l’essere umano, e l’essere umano sarebbe l’unica natura che entrambi costituirebbero. Gesù vuol dire questo: il Padre genera eternamente il Figlio, e ciò non può essere un modo, altrimenti il Padre: o diventa Figlio, mutamento che abbiamo escluso in Dio; oppure, se non genera, non è né Padre né Figlio, perché anche Dio non potrebbe esser Padre senza generare; oppure se Dio è Padre in principio ed eternamente, allora quando è nel modo di Figlio si contraddice, un Dio che fa il rimpiattino per me fa ridere. Ora se il Padre genera eternamente il Figlio da esso non si dissocia e nello stesso tempo generandolo lo pone della sua stessa natura, le due relazioni o persone insieme allo Spirito Santo che, procedendo dalle altre due persone, ne è uguale nella natura, costituiscono l’unico Dio, l’unica natura divina.

Se mi si permette l’esempio: lo Spirito Santo è il cordone ombelicale fatto d’amore che lega il Padre e il Figlio in una sostanza o natura che è Dio stesso. In genere si fa l’esempio del triangolo equilatero: in cui i tre lati e i tre angoli sono distinti e non separati, uguali ma relativi e insieme costituiscono la natura del triangolo, di fatto sono il triangolo. Ma questo non è detto del tutto bene, perché le persone divine non si dividono tra di loro l’unica divinità, ma ciascuna di esse è Dio tutto intero: come dire l’angolo A del triangolo è tutto intero il triangolo nonostante sia relativo al B e questo è tutto il triangolo nonostante sia relativo a C, e così via.

Com’è comprensibile una cosa del genere? La madre è pienamente umana come pienamente umano è il figlio, ma se fossero inseparabili costituirebbero proprio per questo una sola natura o sostanza: l’essere umano sarebbe unico ma costituito da una madre che genera un figlio, entrambi pienamente umani e nello stesso tempo unici nell’essere. Ora, dice Agostino, che è proprio l’eternità di correlazione tra Padre e Figlio e Spirito Santo che distingue tra loro le persone ma non le divide, dunque formano un solo Dio. Il nostro Dio è unico, ma non solitario perché è trino, e non sono tre dèi, ma unico Dio in tre persone.

  • 1
  • 2
Tags:
dioteologiatrinità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
JENNIFER CHRISTIE
Jeff Christie
Mia moglie è rimasta incinta del suo stupratore – e io ho accolto...
2
Gelsomino Del Guercio
Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i pre...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
5
BENEDYKT XVI O KAPŁAŃSTWIE
Gelsomino Del Guercio
Nella Chiesa “separare i fedeli dagli infedeli”. La stoccata di B...
6
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
7
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni