Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 06 Febbraio |
Santi Paolo Miki e compagni
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Perché Dio dà mano libera al diavolo?

The Devil Goes Down to Fargo Kris Krug – it

Kris Krug

don Gabriele Amorth - Edizioni San Paolo - pubblicato il 10/07/15

E perché gli ha concesso tanto potere sugli uomini?

Sant'Agostino sostiene che, se il diavolo avesse mano libera da Dio, “nessuno di noi rimarrebbe in vita”. “La potenza di Satana non è infinita – si legge nel n. 395 del Catechismo della Chiesa Cattolica -. Egli non è che una creatura, potente per il fatto di essere puro spirito, ma pur sempre una creatura: non può impedire l'edificazione del regno di Dio. Sebbene Satana agisca nel mondo per odio contro Dio e il suo Regno in Cristo Gesù, e sebbene la sua azione causi gravi danni – di natura spirituale e indirettamente anche di natura fisica – per ogni uomo e per la società, quest’azione è permessa dalla divina Provvidenza, la quale guida la storia dell’uomo e del mondo con forza e dolcezza. La permissione divina dell’attività diabolica è un grande mistero, ma 'noi sappiamo che tutto concorre al bene di coloro che amano Dio' (Rom 8, 28)”.

Ecco allora che noi ci affidiamo a Gesù Cristo, il Figlio di Dio fatto uomo, il quale è venuto “per distruggere le opere del diavolo” (1Gv 3,8) onde liberare noi esseri umani dalla schiavitù di Satana. Gesù Cristo scaccia “i demoni col dito di Dio” (Lc 11,20), nel senso che gli riesce di legare Satana, privarlo di tutto, anche del suo regno, che sta per finire. La stessa cosa fa oggi sulla terra mediante la Chiesa e i sacerdoti esorcisti: “Ecco, io scaccio gli spiriti maligni – viene qui ribadito – e compio guarigioni oggi e domani, e il terzo giorno raggiungerò la mia mèta” (Lc 13,32).

Quindi stiamo tranquilli, poiché dalla nostra parte abbiamo il Forte e la Chiesa, come vedremo presto.

Perché Dio ha concesso tanto potere al diavolo?
Faccio una lunga premessa. Come Dio Padre e Spirito Santo ha unito nel Figlio la natura umana, perché il Figlio dell'uomo “sperimentasse” la debolezza della carne per amarla e redimerla come un “forte” sino alla morte in croce, così ha disposto che agli esseri umani si accompagnasse l'angelo delle tenebre perché essi valutassero il potere loro concesso nel sostenere e affrontare come figli adulti le forze del male.

In ultima analisi questo potere è stato concesso in Cristo, il quale attrae e dà forza agli spiriti celesti e agli esseri umani. Questi, con la propria intelligenza e libertà non finalizzata al male, giungono allo stato adulto del figlio, proprio quando affrontano e superano il diavolo.

Pertanto, se tutto il piano unitario della creazione è orientato a Cristo, per la centralità dello stesso Cristo non è ammesso che il male e il diavolo prevalgano sul bene e tanto più su Dio medesimo. Inoltre la ribellione di Satana, per voler essere il primo in assoluto, e la sua sconfitta diventano per gli esseri umani freno per non arrogarsi di competere con Dio.

Quando, nei casi di possessione diabolica, si arriva alla fine del ciclo di esorcismi, è bene recitare l'inno cristologico contenuto nella lettera ai Filippesi (cfr. 2,6-11). All'esortazione “perché, nel nome di Gesù, si pieghi ogni ginocchio, degli esseri celesti, dei terrestri e dei sotterranei” (Fil 2,10), l'esorcista e i presenti s'inginocchiano e, sempre, pure l'indemoniato è costretto a farlo. Non ha scampo: il demonio deve piegarsi davanti al Cristo, il quale è vittorioso sul male e su quanto lo rappresenta.

Come mai Dio ci lascia tentare dal diavolo?
La Sacra Scrittura fa intendere che talvolta è Dio medesimo ad affliggere l'essere umano con vari mali, come la peste, la febbre e a volte inviando un angelo sterminatore o uno spirito cattivo o Satana. Nel libro di Giobbe si legge che in un primo momento il Creatore mette in potere del diavolo tutto ciò che è di Giobbe, imponendo però al tentatore di non portare la mano sulla sua persona; poi gli permette di colpirlo anche nel corpo, ma a condizione che gli risparmi la vita.
Il diavolo opera in modo ordinario, tentando gli esseri umani al male. Come si è ribadito, anche Gesù si è sottoposto alle tentazioni del maligno e l'ha vinto perché, se avesse accondisceso, sarebbe stato come rinunciare al tesoro per una moneta falsa. Cosa avrebbe potuto offrire il diavolo a Gesù che il Signore non avesse? Satana, insidiando il Figlio di Dio, pur sapendo che l'Unigenito nel seno del Padre non può peccare perché è il Bene stesso, lo fece anzitutto allo scopo, senza riuscirci, di “deformare” davanti al mondo l'immagine del Cristo, che è il “più bello […] tra i figli dell'uomo” (Sal 45,3).

Pertanto nessuno è tentato al male da Dio, perché Egli ha il disgusto naturale del male. Ci dà, per così dire, degli stimoli e talvolta permette che veniamo messi alla prova, affinché siamo liberati spiritualmente dalle scorie e venga decantato il nostro desiderio di bene, convinti di poter accogliere l'amore divino ed esserne colmati, in conformità al nostro anelito e contenitore, al bicchiere o alla botte disponibili, sicché nulla più ci manchi per quanto riguarda la vita e il bene.

Insomma, il Signore permette che il diavolo ci tenti ma non oltre le nostre possibilità. Il demonio può tentare l'uomo per indurlo al male, ma solo perché Dio lo permette e comunque solo per breve tempo, affinché la persona, divenuta “esperta”, possa vincerlo insieme a Cristo e abbandonarsi in Dio Padre. Così pure, egli non c'impone il suo amore, sebbene desideri ardentemente amarci. Non s'impone nel donarsi né all'inizio né durante la storia dell'umanità. Si propone prima in Cristo, poi alla fine del tempo definitivamente, faccia a faccia e così come egli è.

[Tratto da Padre Amorth, "Dio è più bello del diavolo. Testamento spirituale" (Edizioni San Paolo)]

ACQUISTA QUI IL LIBRO
Tags:
diavolo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni