Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 05 Marzo |
San Giovanni Giuseppe della Croce
home iconStile di vita
line break icon

Come quella “stupida protuberanza” mi ha cambiata per sempre

© Teza Harinaivo Ramiandrisoa / CC

https://www.flickr.com/photos/harinaivoteza/7241780178

Carolyn Svellinger - pubblicato il 10/07/15

Una gravidanza non pianificata e inattesa, e alla fine estremamente felice

Non sono una che ricorda e rimugina sugli eventi passati della propria vita, ma come posso non farlo con questo? È stato l’evento che l’ha cambiata di più.

Anche se tra una settimana entrerò nel terzo trimestre della mia terza gravidanza, non sono ancora una persona emotiva, tranne che per alcune cose.

Mio figlio maggiore è una di queste.

Non avevo finito il college neanche da un anno quando ho scoperto che lo aspettavo.

La mia vita non era già “incamminata”. Non avevo niente di stabilito. Non progettavo nemmeno di stabilire qualcosa.

Non avevo nessuno per cui preoccuparmi o di cui prendermi cura se non me stessa, e non lo stavo neanche facendo! Guardo a com’ero durante gli anni del college (e anche delle scuole superiori) con disgusto. Le decisioni che ho preso erano vane, sconsiderate e gratificavano solo me stessa. Lavoravo molto ma non mettevo da parte il denaro, spendendolo per comprare tutto ciò che mi andava.

Siamo cresciuti sentendoci dire “Persegui i tuoi sogni! Fa’ ciò che sembra buono! Nessun rimpianto! Vivi, ridi, ama! Sii sempre giovane! Si vive una volta sola! Vivi l’attimo! Sii vera con te stessa!”

Ci vengono propinati questi cliché senza un contesto in cui inserirli. È imbarazzante, ma alcuni di noi si tatuano perfino questi stupidi mantra sul corpo o li appendono o li dipingono in casa. E senza una saggezza acclusa, queste parole incoraggiano un comportamento sconsiderato e un futuro pieno di rimpianti.

Sentivo alcuni parlare dei loro errori passati e di come avrei dovuto imparare ed essere migliore, ma non mi importava. Mi veniva ripetuto continuamente che avevo il potenziale per avere “successo” e che avevo il “tocco di re Mida”, che ero dotata, che tutto ciò che toccavo mi portava benefici.

Ma in modo molto infantile pensavo “Perché non dovrebbe essere così?”

Per me niente era mai difficile. Non avevo mai dovuto lottare per far bene qualcosa. Eccellevo in tutto ciò in cui ponevo un’oncia di sforzo. Ma un’oncia era tutto ciò in cui consisteva il mio sforzo. La mia testa era sempre da qualche altra parte, concentrata sul prossimo sogno che mi avrebbe realizzata. Non ho mai pensato a lavorare veramente sodo nella vita, concentrandomi su un obiettivo e rimandando la mia gratificazione al quadro più ampio. Volevo ciò che volevo, e lo ottenevo. Non ho mai cercato un quadro più ampio.

Guardo com’ero in quegli anni e mi vengono i brividi.

Ma ciò di cui non mi pento è la scelto che ho fatto con mio marito di amare il nostro figlio maggiore.

Non c’è nulla che abbia fatto nel mio passato che mi abbia portato una gioia più grande e duratura che dare la vita a mio figlio, e agli altri che sono arrivati in seguito.

E dico questo quando una volta odiavo i bambini. Di tutte le età. Mi vantavo in un monologo che propinavo spesso a chiunque fosse a portata d’orecchio di credere che tutti i neonati fossero brutti e grinzosi, che tutti i bambini piccoli fossero marmocchi sporchi e piagnucolosi e che quelli più grandi fino all’adolescenza fossero noiosi e odiosi.

Datemi un cagnolino, dicevo sempre. Sono morbidi e carini, e di notte li puoi mettere in una cassetta con un po’ di cibo e di acqua.

Ma ho scelto nostro figlio.

Non perché la mia religione mi dice che l’aborto è sbagliato, ma perché fortunatamente ho ascoltato abbastanza la scienza da riconoscere pienamente che nel momento in cui il mio ovulo viene fecondato non è solo un uovo fecondato, ma è un LUI o una LEI con il suo unico DNA; un essere umano, diverso da me. Almeno avevo quella convinzione. Ho guardato nello specchio del negozio di spose e ho visto il mio riflesso. Avevo scelto il vestito più semplice di tutti. Non potevo nascondere la protuberanza che saltava fuori da sotto la fascia, e guardandomi in abito da sposa mi sembrava tutto così sbagliato…

  • 1
  • 2
Tags:
maternità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
Lucandrea Massaro
Benedetto XVI conferma la fedeltà a Francesco «Non ci sono due Pa...
6
PUSTYNIA
Felipe Aquino
Attenzione alle penitenze assurde in Quaresima
7
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni