Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 11 Aprile |
Domenica dell'Ottava di Pasqua
home iconStile di vita
line break icon

Colori la foto profilo di arcobaleno? Non puoi fare la madrina o il padrino

PD

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 10/07/15

«Considerazioni analoghe a quelle che ho appena svolto – evidenzia l'esperta di Diritto canonico – valgono anche nei confronti di catechisti ed educatori chiamati ad operare non solo come insegnanti ma anche come testimoni di vita. Scopo della catechesi e dell'educazione cristiana è infatti introdurre alla pienezza della vita di fede che comprende la conoscenza della dottrina, dei sacramenti, del comportamento morale, dell'appartenenza ecclesiale, del servizio».

PREPARAZIONE ADEGUATA
Il dovere di impartire la catechesi «compete principalmente al vescovo cui spetta assicurare ai catechisti una preparazione adeguata al fine di garantire una conoscenza appropriata della dottrina della Chiesa nel rispetto delle disposizioni date in materia dalla Sede apostolica e dalle Conferenze episcopali (cann. 775 e 780). Il parroco deve invece assicurare che il catechismo venga impartito, anche avvalendosi della collaborazione di fedeli laici (can. 776)».

VIGILARE SU INTEGRITA' DI FEDE E COSTUMI
Ora, sottolinea ancora Milani, è evidente che nella valutazione di questi collaboratori, «che non sono semplici fedeli (ossia battezzati), ma fedeli laici (ovverosia battezzati in piena comunione con la Chiesa), il parroco debba vigilare affinché sia assicurata l'integrità della fede e dei costumi secondo un principio che trova applicazione anche nella scelta degli insegnanti di religione operata dal vescovo (cann. 804 e 805). Anche qui non solo per sanzionare condotte, ma soprattutto per ricordare l'insegnamento della Chiesa con sollecitudine pastorale».

IL CASO DELLE ASSOCIAZIONI
Quanto invece alle associazioni ecclesiali con finalità educativa «sarà in base alla natura dell'associazione (pubblica o privata) e al suo statuto che si dovrà di volta in volta stabilire a chi competa la vigilanza in tal senso e l'adozione di conseguenti misure».

SCOLLAMENTO CON LE SENSIBILITA' PERSONALi
Al di là delle considerazioni puramente giuridiche, conclude la docente, «questa vicenda tradisce però uno scollamento sostanziale fra il piano delle regole, che dovrebbe essere noto ai cattolici impegnati nella comunità ecclesiale, e quello delle sensibilità personali. Scollamento peraltro già emerso in occasione dei rapporti elaborati dalle Conferenze episcopali − soprattutto del Centro Europa − in risposta al questionario predisposto in vista del Sinodo straordinario sulla famiglia, che si è svolto nell'ottobre dello scorso anno».

  • 1
  • 2
Tags:
diritto canonicoideologia gender
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni