Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 23 Maggio |
San Desiderio da Genova
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Confessioni di un sacerdote che guarisce e libera

web-facebook-Ghislain Roy – it

Facebook Ghislain Roy

Portaluz - pubblicato il 07/07/15

Dopo essere diventato sacerdote, un giorno ero nel confessionale ed è arrivato un uomo a confessarsi. Avendo allora nel cuore l’immagine del Santo Curato d’Ars, ho detto interiormente a Gesù: “Dammi il dono di poter confessare come lui”.

Anche se non conoscevo la persona che avrei confessato, ho chiesto a Gesù: “Dammi il nome di questa persona”. Mi ha dato un nome e come dirglielo. Gli ho chiesto: “Ti chiami per caso Marco?” Mi ha risposto di sì. Non lo conoscevo, veniva da un posto a duecento chilometri di distanza, era lì di passaggio!

In quel frangente mi sono reso conto che Gesù ci regala tutti i doni quando glieli chiediamo. Oggi quando confesso le persone lascio parlare Gesù nel mio cuore. Lo supplico di porre la sua mano sulla persona per liberarla e guarirla.

Perché la centralità e l’urgenza della guarigione e della liberazione, dell’esorcismo?

Nella Chiesa dobbiamo esercitare questo ministero se vogliamo evitare l’emorragia di gente che se ne va verso il New Age, le pratiche dell’occultismo, i medium, il reiki, la meditazione trascendentale, la francmassoneria, gli stregoni, la tavola ouija e tanti mali.

Questo non è un ministero particolare o speciale, ma fa parte della missione del sacerdote, che è la missione di Gesù. Il Signore sta operando e guarendo. In ogni parte del mondo si stanno levando apostoli di luce che la Madonna sta preparando per combattere tutto ciò che è tenebra. Saranno gli apostoli del Cuore di Maria e del Cuore Eucaristico di Gesù.

Come possono i fedeli distinguere un buon esorcista?

È molto semplice. Il buon esorcista è un uomo di preghiera, è un uomo di fede, fedele all’insegnamento della Chiesa, umile, che si confessa spesso, che – parlando simbolicamente – è spesso capace di inginocchiarsi.

La gente ha quel senso della fede che le permette di sapere se qualcuno che viene nominato esorcista rispetta davvero ciò che dice il Signore all’interno della Chiesa, perché ci sono esorcisti nominati che non credono all’esercizio della loro missione.

Quando, però, il cuore del sacerdote viene raggiunto, diventa un autentico agente moltiplicatore. È ciò che accade in Spagna. Ora sono decine i sacerdoti che esercitano nelle loro parrocchie il ministero di liberazione e guarigione.

Nei suoi ritiri si dedicano varie ore all’adorazione eucaristica. È fonte di liberazione e guarigione?

Come si vede nella Parola di Dio, Gesù riunisce i discepoli intorno a Lui prima di inviarli in missione. Credo che l’adorazione eucaristica sia fondamentale nell’evangelizzazione. Bisogna diventare intimi di Gesù per poter poi parlare di Lui e agire come Lui.

Se l’adorazione non fosse presente nella mia vita, correrei il rischio di parlare di tutto tranne di Chi libera e guarisce. Per questo promuovo cappelle di adorazione perpetua o nei ritiri che predico le notti complete di adorazione. È Gesù che ci tocca lì, che infiamma i cuori, guarisce, libera, ci regala il gusto di seguirlo e di agire come Lui.

È Gesù che deve stare al centro della nostra società. Finché non sarà così, il mondo – come ha detto Gesù stesso a Santa Faustina – non conoscerà la pace.

Potenziare l’adorazione eucaristica perpetua è un’urgenza di ogni diocesi?

Certamente. Ripeterò ciò che ho detto nell’ultimo ritiro qualche settimana fa in Cile. San Pierre-Julienne Eymard, apostolo dell’Eucaristia, ha detto che il culto dell’esposizione del Santissimo Sacramento è “LA” necessità di questo tempo. È urgente per salvare la società. Il grande male di questo tempo è che spesso non si adora Gesù.

Oltre a quello che ha segnalato, l’adorazione eucaristica perpetua genera altri benefici?

È statisticamente provato che quando c’è una cappella di adorazione perpetua il tasso di criminalità e violenza in quella zona diminuisce. La pastorale di evangelizzazione delle parrocchie va meglio, perché quando c’è gente che prega tutta la pastorale è sostenuta da quella preghiera e porta frutti spirituali in abbondanza, sia per i sacerdoti che per la parrocchia nel suo insieme, e anche all’esterno…

Consacratevi semplicemente alla Vergine Maria. Consacrate i luoghi e le persone alla Vergine Maria, consacratele le diocesi! Fate cappelle di adorazione eucaristica perpetua. Formate sacerdoti e laici nel ministero della liberazione e della guarigione, perché le necessità sono così grandi che serviranno molti operai in attesa del ritorno di Cristo.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

  • 1
  • 2
Tags:
sacerdozio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni