Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 31 Luglio |
Sant'Ignazio di Loyola
home iconNews
line break icon

Strage di Charleston, un familiare “ti perdono”

Aleteia - pubblicato il 03/07/15

“Ti perdono. La mia famiglia ti perdona. Ma vorremmo che tu cogliessi questa opportunità per pentirti. Pentiti. Confessa. Offri la tua vita a colui che conta più di tutti, Cristo”.

Sono le toccanti parole pronunciate al 21enne Dylann Roof da un parente di una delle vittime della strage di Charleston, nella Carolina del Sud (Stati Uniti). Il 17 giugno, Roof ha ucciso 9 persone nella chiesa metodista afroamericana Emmanuel.

“Ti perdono. Mi hai tolto qualcosa di molto prezioso. Non potrò parlarle mai più. Non potrò più abbracciarla. Ma ti perdono”, gli ha detto un altro parente di una vittima.

I fedeli si erano riuniti nella chiesa per studiare la scrittura.

“Ti abbiamo accolto a braccia aperte mercoledì sera nel nostro studio biblico”, ha aggiunto una donna che era presente alla strage. “Tu hai ucciso alcune delle persone più splendide che io conoscessi. Ogni fibra del mio corpo soffre. Ma come diciamo nello studio biblico, ti vogliamo bene, e possa Dio avere misericordia di te”.

Le nove vittime – tre uomini e sei donne, tra i 26 e gli 87 anni, erano persone a cui chiunque si poteva rivolgere per ricevere una preghiera, hanno detto amici e parenti.

Roof ha confessato che attaccando la chiesa voleva scatenare “una guerra razziale”. Probabilmente ha perpetrato la strage sotto l'effetto delle droghe che consuma.

Le parole di perdono pronunciate dai parenti delle sue vittime sono la dimostrazione del fatto che mettere in pratica gli insegnamenti di Gesù sull'amore per i nemici è difficile ma possibile.

Tags:
perdono
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
JENNIFER CHRISTIE
Jeff Christie
Mia moglie è rimasta incinta del suo stupratore – e io ho accolto...
2
Gelsomino Del Guercio
Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i pre...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
5
BENEDYKT XVI O KAPŁAŃSTWIE
Gelsomino Del Guercio
Nella Chiesa “separare i fedeli dagli infedeli”. La stoccata di B...
6
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
7
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni