Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 16 Aprile |
San Damiaan (Jozef) de Veuster
home iconStile di vita
line break icon

Se si muore a 9 anni, come si può dire che la vita è bella?

© Padre Aldo Trento / Tempi

Lucandrea Massaro - Aleteia - pubblicato il 30/06/15

Non è dalla vita che si trae il suo significato, ma dall'incontro concreto con Cristo

Padre Aldo Trento si china tutti i giorni che Dio manda sui malati cronici o peggio terminali che incontra nel suo servizio come missionario in Paraguay, ce lo racconta in una appassionata rubrica sul settimanale Tempi. Sofferenze come quella di Carolina, 9 anni, morta dopo una lunga agonia fisica e spirituale (abbandonata dalla madre appena nata) gli fanno gridare: «Signore, perché lei e non me?». Sofferenze come quelle di un altro bambino che disgraziatamente ha preso il posto della piccola Carolina: ammalato di leucemia e di Aids, una malattia trasmessa dal papà che insieme ad alcuni pervertiti avevano abusato di lui sessualmente.

Padre Aldo quindi domanda e si domanda come si possa dire: la vita è bella? Dopo una giornata passata nella sofferenza, la risposta più logica a questa affermazione è la rabbia.

“Mio fratello – racconta Padre Aldo – ha perso le sue figlie: una di 28 anni, morta di tumore, e l’altra, di 26, in un incidente stradale. Sono morte nello stesso anno: una in agosto e l’altra alla vigilia di Natale. Sono passati dieci anni e la vita continua insopportabile, piena di un dolore senza risposta. In nessuno dei due funerali mi è stata data la possibilità di presiedere la Messa. La mia sola presenza scatenava nei genitori la rabbia con Dio che aveva tolto loro le uniche due figlie. E la vita è bella?


Se la vita fosse bella in sé, sarebbe difficile spiegare il numero di disperati che riempie il mondo. Dopo il peccato originale la vita ha perso la sua bellezza: per questo il Verbo si è fatto Carne, e soltanto da quel momento, in cui la Madonna ha detto sì, la realtà è tornata a fiorire riempiendosi di positività. Il bello è incontrare Cristo: solo di conseguenza possiamo affermare che anche la vita è bella. La stessa malattia, se non fosse sostenuta da Cristo, sarebbe una tragedia, per questo non mi sorprende che esista una corrente di pensiero che sostiene l’eutanasia. La vita non trova una ragione in sé: viceversa, non capiremmo i martiri”

Ecco la speranza che si fa strada: spesso si incontrano persone fisicamente distrutte, ma appassionate alla vita, e all’origine di questa posizione c’è sempre una grande relazione personale con Cristo. Ad esempio Don José è da due anni nel letto, immobile, cieco e con le gambe piene di piaghe. A chi gli chiede come sta, risponde «molto bene». Come “molto bene”? Il suo corpo sembra un pezzo di marmo ma José ripete: «Io sto molto bene. Qui non mi manca nulla: ho da mangiare, ho molti amici, ma la cosa più importante è che ho Gesù e, grazie all’incontro con Lui, la mia vita è diventata bella». E a chi insiste chiedendogli se sarebbe felice di essere curato da Gesù, risponde: «Certamente, ma a condizione di non tornare alla mia vita disordinata di prima».

Solo l'incontro con Cristo può farci dire: la vita è bella.


“Da dove arriva questa rapidità nell’abbracciare le persone che soffrono? San Paolo affermava: «Caritas Christi urget nos!» (l’amore di Cristo ci sprona). È bello vedere tutti i giorni che questa gente umile finisce sempre nelle nostre braccia, non importa l’ora. Cristo non può aspettare.
Spesso mi chiedo perché non seguiamo la testimonianza del Santo Padre, la sua passione per Cristo e per i poveri. Un giornalista del Vaticano raccontò un fatto: alcuni giovani drogati, non avendo un posto dove dormire, si avvicinarono ad una chiesa cattolica per ripararsi ma furono cacciati. Conobbero poi dei marocchini che li accolsero nella loro casa e nel tempo questi giovani si aggregarono all’Isis”

Una riflessione, quella sull'accoglienza, che dovremmo fare tutti noi…

Tags:
sofferenzastile di vita
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
3
WIND COUPLE
Catholic Link
7 qualità per scegliere il partner secondo la Bibbia
4
FEMALE DOCTOR,
La Croce - Quotidiano
Atea e obiettrice di coscienza da 10 anni: “non ce la facev...
5
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
6
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni