Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 06 Maggio |
San Domenico Savio
home iconStile di vita
line break icon

L’indifferenza nel matrimonio

© Rido / Shutterstock

Orfa Astorga - pubblicato il 30/06/15

Inizio a percorrere un cammino di dolorosa solitudine

Mia moglie convive con me in un silenzio riservato, un silenzio del quale so di essere colpevole, perché consapevolmente ho provocato un grave problema di comunicazione. Vivendo sotto lo stesso tetto, sono diventato del tutto indifferente nei suoi confronti, con atteggiamenti nei quali non mi sono coinvolto personalmente nella nostra relazione. Mi sono comportato come un estraneo che diceva di amarla anche se la trattava come un oggetto.

Nel profondo della mia intimità, so bene che mia moglie non mi è stata davvero indifferente, che il mio atteggiamento era finto, simulato. Ora mi chiedo: Come ci si può sentire indifferenti nei confronti della persona che in teoria si ama?

Mi rendo conto che abbiamo commesso l’errore di quelli che vivono un fidanzamento breve senza il tempo per conoscersi di più, e in quel periodo limitato vedono solo le cose belle dell’altro, restando ciechi di fronte ai suoi difetti, che come qualsiasi essere umano ha e che nei primi anni di vita coniugale iniziano ad emergere e a manifestarsi.

Credevamo che essere innamorati bastasse per il matrimonio, ma non è così.

Quando sono venuti a galla i difetti di mia moglie, la mia percezione di lei si è deformata, perché avevo solo questi in primo piano, permettendo che le qualità che aveva e che ancora ha sprofondassero e svanissero in una zona di oscurità e penombra, diventando opachi al mio sguardo.

Scopro che la superbia è stata la mia nemica principale. Le ho permesso di usurpare la nostra relazione, perché ho visto la pagliuzza nell’occhio altrui senza vedere la trave che era nel mio.

Quante volte l’ho vista sovraccarica di lavoro e non l’ho aiutata, giustificandomi e dicendo che curare i bambini e svolgere i lavori domestici era “un suo problema”, anche quando lei tornava dal lavoro fuori casa. O quando cercava di parlarmi di qualcosa che la preoccupava e io rispondevo con un “Mmm”… La ascoltavo solo quando l’argomento mi interessava o mi conveniva, o semplicemente le imponevo quelli che mi motivavano.

E ho perso degli anni preziosi. Con un lasciar fare, un lasciar passare, ho adottato un tono di neutralità ben studiato, rifiutando ogni situazione di convivenza nella quale ella mi richiedeva in un incontro personale, con bisogno di affetto.

Non ho voluto comprenderla in ciò che le faceva più male, e lasciandola sola davanti a problemi che non poteva risolvere l’ho trasformata in un essere miserabile, un essere svilito. Pretendevo una certa forma di libertà o indipendenza con un atteggiamento volontario, un proposito deciso.

Il colmo è che ho vissuto stupidamente un’infedeltà nella quale credevo di essere innamorato di un’altra persona, vedendo in lei solo qualità che non erano soggette alla prova della convivenza quotidiana con tutti i suoi problemi. È stato il danno più grande al nostro rapporto, perché da quel momento mia moglie è cambiata radicalmente. Si è allontanata in una forma di indifferenza che ora mi fa male.

Ora, con grande dolore per tutto ciò che ho perso, scopro che nella sua intuizione era capace di comprendermi e di assistermi nel modo migliore. Io invece, con la mia indifferenza, non l’ho assistita e non ho saputo capirla. La migliore di noi era lì, e io non l’ho saputo vedere.

E ci siamo impoveriti a vicenda.

Riflessione:

Se i coniugi nel matrimonio non contribuiscono in modo reciproco a riconoscere e a incrementare il valore che c’è nell’altro e in se stessi, nessuno dei due può crescere. Per questo, senza comunicazione il matrimonio non può andare avanti.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
matrimonio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
2
Gaudium Press
Sapevi che la fede nuziale può avere la forza di un esorcismo?
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Best of Web
Muore per 20 minuti, si sveglia all’improvviso e racconta d...
5
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
6
CHIARA AMIRANTE
Gelsomino Del Guercio
Chiara Amirante inedita: la cardiopatia, l’omicidio scampat...
7
VANESSA INCONTRADA
Gelsomino Del Guercio
Vanessa Incontrada: ho scelto di battezzarmi a 30 anni per ritrov...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni