Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La lezione di fede del piccolo Janssen

© www.opusdei.org
Condividi

Morto di cancro, a volte piangeva, ma quando ha saputo che Gesù è morto sulla croce e che amava tutti, soprattutto i malati, gli è tornato il sorriso

Janssen aveva otto anni e soffriva di una grave forma di tumore alle ossa. Nelle Filippine non aveva la possibilità di curarsi, e quindi è arrivato a Roma grazie a un’organizzazione senza scopo di lucro per sottoporsi alla chemioterapia.

Al Centro Universitario Internazionale Collalto di Roma – entità culturale e luogo in cui i giovani universitari si ritrovano per potenziare doni e capacità e crescere nella fede – è arrivata l’e-mail di un sacerdote filippino che chiedeva se qualcuno poteva preparare Janssen per la Prima Comunione mentre seguiva la cura.

Il bambino era orfano di padre e la madre lo aveva praticamente abbandonato. A Roma è stato accompagnato dalla nonna, anziana e malata, che era sempre vissuta in un villaggio isolato delle Filippine. Era la prima volta che si allontanava dal villaggio e dal marito.

È iniziata così una storia in cui si sarebbero incrociate molte vite per realizzare una straordinaria esperienza di Dio. Ecco cos’hanno raccontato coloro che sono stati i fratelli di Janssen al Collalto.

Come vi siete organizzati per rispondere a una richiesta così particolare?

Era il 2011. Non appena siamo stati informati della situazione, noi due universitari che frequentavamo il Centro Collalto siamo andati in ospedale a trovare Janssen e la nonna nel reparto di oncologia pediatrica. Janssen era molto debole e magro, non aveva i capelli. La nonna aveva uno sguardo triste. Non parlavano neanche una parola di italiano. Janssen sapeva un po’ di inglese e la nonna parlava solo in dialetto filippino.

Gli abbiamo strappato il primo sorriso con un piccolo regalo: una barchetta che abbiamo fatto navigare in un recipiente trovato in ospedale. Andavamo a trovarlo ogni settimana. Le prime lezioni sono state in inglese, con alcuni libri illustrati. Janssen, un bambino molto intelligente, è riuscito a imparare rapidamente l’italiano grazie ai medici, agli infermieri e ai volontari dell’organizzazione.

Poco dopo è venuto a trovarlo una sua zia religiosa che vive a Roma e che ha aiutato molto nella comunicazione con Janssen e la nonna. Nel frattempo, altri cinque ragazzi si sono uniti all’équipe dei catechisti. Anche loro sono rimasti colpiti dalle semplicità di Janssen, che nonostante i dolori e la sofferenza (spesso aveva febbre, mal di testa e di stomaco, vomito…) sorrideva e ringraziava per il nostro piccolo aiuto. A volte piangeva, ma quando ha saputo che Gesù è morto sulla croce e che amava tutti, soprattutto i malati, tornava a sorridere. Aveva capito bene!

Fin dall’inizio abbiamo saputo che anziché essere noi ad aiutarlo in realtà era lui ad aiutare noi. Quando tornavamo da quelle visite eravamo pieni di allegria e di pace.

Siete riusciti ad accompagnare Janssen fino al giorno della sua Prima Comunione?

In otto mesi Janssen ha imparato le nozioni di base abbastanza bene da poter ricevere l’Eucaristia. Il parroco ha parlato con lui per assicurarsi che fosse pronto, e dopo la conversazione ci ha detto che era rimasto commosso dalla profondità spirituale di Janssen nonostante fosse un bimbo molto piccolo.

Janssen ha compiuto 9 anni l’11 marzo 2012. Qualche settimana prima lo avevamo accompagnato con la nonna a Villa Tevere perché potesse imparare a pregare nei luoghi in cui riposano i resti mortali di San Josemaría e di quello che oggi è il beato Álvaro. Janssen usava sempre le stampelle per camminare. A volte doveva essere preso in braccio.

Consumato dalla malattia, era fragile e pesava poco. Tutti chiedevamo un miracolo. Ha ricevuto la Prima Comunione domenica 20 maggio 2012 in parrocchia, insieme ad altri bambini della sua età. Janssen era costretto su una sedia a rotelle. Era felice ed emozionato. Quel giorno, dopo la Messa, gli abbiamo organizzato una festa.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.