Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

10 modi per superare paura e ansia

© Petrenko Andriy/SHUTTERSTOCK
Condividi

Un passo alla volta!

 – “Chi canta prega due volte” – Sant’AgostinoHo letto di recente che uno studio ha dimostrato che i livelli di dolore dei bambini diminuivano quando ascoltavano musica. La musica ha un forte potere di guarigione. Può risollevarci e ricordarci le promesse di Cristo. La musica classica o il canto possono anche avere un effetto calmante sull’anima. Ho elencato le mie cinque canzoni preferite alla fine di questo post.

3. Telefonate a un amico. – “Ascolta il consiglio e accetta la correzione, 
per essere saggio in avvenire” – 
Proverbi 19, 20. Uno dei più grandi errori che ho commesso in passato è non far sapere a nessuno come mi sentivo. Pensavo di dover affrontare tutto da sola. Una volta che mi sono aperta e ho condiviso, i miei amici hanno pregato per me. Amici e famiglia ci vengono dati come un dono. Spesso riescono a vedere cose della nostra vita che noi non riusciamo a vedere. Trovate un amico che possa pregare con voi quando affrontate ansia e paura. Scegliete qualcuno che dica la verità al vostro cuore.

4. Recitate una preghiera potente. – Dite un rosario o altre preghiere. Se non vi viene in mente altro, fatevi il segno della croce, che è una forma di preghiera breve ma molto potente. Un altro modo potente di pregare è recitare una novena.

5. Indossate qualche gioiello o investite nella decorazione della casa. – Questo consiglio potrebbe sembrare un po’ superficiale, ma a me risulta molto utile. Quando sono preoccupata, mi aggrappo alla medaglia miracolosa che porto al collo. È un promemoria tangibile della presenza di Dio intorno a me. Dà conforto e sicurezza (ricordate la copertina di quando eravate piccoli? Ha un effetto molto simile!). Anche un crocifisso o un oggetto religioso in casa può essere un utile promemoria visivo.

6. Leggete le vite dei santi. – In certi momenti della loro vita anche loro si sono sentiti deboli, preoccupati o ansiosi, ma con l’aiuto di Dio sono riusciti a superare le proprie paure. Dio vi darà lo stesso aiuto se vi aprirete alla sua grazia.

7. Siate attivi. – Fate una passeggiata o andate a correre contemplando la bellezza della creazione di Dio. Offritevi come volontari in un rifugio per senzatetto o in un ospedale locale.

8. La fiducia è la prima cosa. – Dovete esercitarvi a riporre la vostra fiducia in Dio piuttosto che nei vostri sforzi. È difficile farlo. Un modo per coltivare la fiducia è guardare al passato. Pensate a tutti i modi in cui Dio ha provveduto a voi nel corso della vostra vita. Siate grati per quei momenti. Scrivere un diario o fare una lista di tutti i modi in cui Dio vi ha benedetti può essere utile nei momenti difficili. Se non riuscite a ricordare alcun momento della vostra vita, volgetevi alla Scrittura e alle vite dei Santi e ricordate che Dio non delude mai.

9. Abbracciate i Sacramenti. – Le grazie che derivano dal fatto di confessarsi e di ricevere l’Eucaristia ci rafforzano per farci affrontare le battaglie di questa vita. Trascorrere del tempo in adorazione con Gesù vi darà la pace che spesso è così difficile da trovare.

10. Smettete di essere egoisti. – Uno degli aspetti più difficili nel mio percorso di guarigione continua ad essere il fatto di capire che gran parte della mia paura deriva dal mio egoismo. La maggior parte delle cose che temo implica la perdita delle persone che amo o delle cose della mia vita che la rendono confortevole. Sono concentrato su me stesso e voglio che le cose vadano a modo mio. Quando qualsiasi cosa disturba questo fatto, mi inquieto. Sto arrivando a un punto in cui riesco a dire “Sia fatta non la mia, ma la tua volontà” e confido che Dio sappia ciò che è meglio per me.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni