Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Che senso ha imporre le mani? Come si fa?

Iglesia en Valladolid-cc
Condividi

Gesù ha usato l'imposizione delle mani come segno di misericordia, perdono e salvezza

Al giorno d’oggi sembra che questo gesto per benedire sia riservato solo all’azione di un superiore su chi gli sta sotto, ad esempio da padre a figlio, ma non è così perché si verifica anche tra pari, ad esempio tra gli sposi, e anche tra inferiore e superiore, come abbiamo visto ultimamente quando papa Francesco, nella sua visita in Croazia, ha voluto che un sacerdote che è stato torturato gli imponesse le mani.

Purtroppo questa azione è stata ed è poco usata da parte di sacerdoti e fedeli, e dico purtroppo perché dove la Chiesa lascia un vuoto, questo viene poi riempito da altre offerte “pseudospirituali”, come il reiki. L’imposizione delle mani nel reiki non ha nulla a che vedere con la forma cristiana e la sua efficacia.

Il sacramento dell’ordine sacerdotale permette funzioni specifiche, ma questo non implica necessariamente il fatto di accaparrarsi tutte le azioni e funzioni ecclesiali.

Alcuni sacramentali possono essere amministrati anche da laici (Can 1168) (Sc, 79). I laici possono anche compiere tutto ciò che per essenza non spetta a un ministro ordinato. Una di queste azioni sono alcuni sacramentali.

Anche l’imposizione delle mani, fuori dal suo utilizzo nei sacramenti, può essere considerata un sacramentale. Ovviamente l’effetto varia in base al fatto che il gesto venga compiuto da un ministro ordinato o da un fedele.

È lecito che un fedele preghi per un altro anche con questo gesto di intercessione. Non c’è alcun motivo per proibire che i fedeli impongano le mani mentre si prega per chiedere a Dio di restituire la salute a qualcuno o per chiedere qualsiasi altra cosa. Non c’è neanche alcun pericolo nel farlo. La fede di colui che lo usa è importante per la sua efficacia.

In nessun ordinamento ecclesiastico esiste alcun divieto esplicito in questo senso, né c’è alcuna norma nella Chiesa che impedisca seppur implicitamente a qualsiasi laico di imporre le mani.

Cosa si raccomanda per realizzare un’imposizione delle mani?

1. È importante che il fedele laico abbia purezza di intenzione. Questa purezza di intenzione è chiedere a Cristo di agire imponendo le mani e ricevere la misericordia di Cristo quando si chiede l’imposizione.

2. Il laico che compie questo gesto deve farlo senza solennità, senza animo di protagonismo, senza alcuna pretesa, ma con semplicità e in modo informale.

3. Il laico deve essere un esempio di sana vita cristiana, molto legato alla vita della Chiesa; deve godere di buona reputazione. Le persone che impongono le mani devono essere persone dedite a Dio.

4. Le imposizioni delle mani devono portare ai sacramenti e a una vita ecclesiale migliore e più autentica, perché ci sono persone che recuperando la salute si potrebbero accontentare di questo e potrebbero abbandonare la vita sacramentale non tornando a Messa. L’imposizione delle mani non dev’essere un sostituto dei sacramenti. Se Dio guarisce con quel gesto, è perché le persone migliorino la propria vita cristiana come segno di vita nuova. 

5. Conoscere bene la persona alla quale si imporranno le mani (1 Tim 3,1-13; Tt 1,5-16).

6. Non si deve usare il gesto su nessuno che si rifiuti di riceverlo, né su malati incoscienti o moribondi se consta che non avrebbero voluto riceverlo.

7. Bisogna togliere a questo gesto tutto ciò che potrebbe privarlo del suo carattere cristiano e sacro, non dargli un carattere magico o esoterico o cose del genere. Questo gesto va privato di fantasie e divagazioni che cercano la suggestione nella gente, così come non si devono imitare stili e forme estranei alla Chiesa.

8. Nel caso dell’imposizione delle mani durante le Messe di guarigione, bisogna tener conto e insistere sul fatto che tutte le Messe sono sante e guariscono. Non si può accettare che i fedeli vadano solo alle Messe di guarigione e non vadano poi alla Messa parrocchiale la domenica.

9. Al di fuori della Messa, quando si impongono le mani è bene che sia la comunità stessa a farlo, e non solo una persona, per evitare malintesi.

10. Non dogmatizzare sui dettagli quanto a forme, tempi e luoghi. Ci sono varie opinioni, ad esempio se toccare o meno la testa, ecc.

11. Tenere presente che imporre la mano non conferisce più potere alla preghiera, perché si può pregare lo stesso per una persona, con efficacia uguale e maggiore, dalla distanza fisica.

12. Questo gesto, se viene fatto da un fedele, deve essere compiuto in silenzio; non bisogna fare preghiere di alcun tipo che facciano pensare che la persona che impone le mani abbia qualche potere.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Pagine: 1 2

Tags:
preghiera
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.