Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 23 Maggio |
San Desiderio da Genova
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Cosa ci insegna il film Mission sull’evangelizzazione?

frame “The Mission”

© Public Domain / Youtube

Catholic Link - pubblicato il 24/06/15

1. Pregare

Dovreste essere ben informati sulla vostra fede, ma per evangelizzare altri non è necessario avere la mente di San Tommaso d'Aquino. I dottori della Chiesa sono utili per trovare le parole per spiegare la vostra fede, ma la logica dei trattati di San Tommaso è solo una parte di quello a cui è chiamato un cristiano: fede ragione. Quando si parla agli altri, essere capaci di condividere la gioia e l'amore che avete, anche nella lotta, per Cristo è altrettanto importante, se non di più, per aprire il cuore di un altro allo stesso amore. Per fare questo, dovete essere vicini a Dio nella preghiera. Se state per incoraggiare qualcuno a pregare, dovreste pregare anche voi attraverso i vostri pensieri, le parole e le azioni. Se volete diffondere Cristo, dovreste essere certi di avere un rapporto con Lui.

2. Prendere coraggio

Quando la Bibbia usa la parola “coraggio”, il verbo “prendere” appare sempre davanti, perché non si nasce semplicemente con il coraggio, bisogna acquisirlo. Richiede coraggio chiedere di cambiare la scelta del film quando si sa che non è appropriato, richiede coraggio ammettere che si aveva torto in una situazione, richiede coraggio sostenere se stessi e gli altri quando si è oggetto di derisione e richiede coraggio dire a un amico che non si parteciperà a una conversazione distruttiva. In ogni situazione in cui si prende coraggio per fare ciò che dovrebbe essere fatto, si stabilisce uno standard per coloro che potrebbero non avere saputo che ce ne fosse uno. State evangelizzando, vivendo la Parola di Dio, anziché citare la Parola di Dio agli altri solo con i vostri discorsi.

3. Siate assertivi, nel modo corretto

Esistono un comportamento passivo-aggressivo, uno aggressivo e uno assertivo. Quello passivo-aggressivo e quello aggressivo sono l'opposto di quello evangelico. Come cristiani, vi è del tutto permesso di avere una rabbia giusta come Gesù nel tempio che ha rovesciato i tavoli dei cambiavalute, ma capite che il fatto che siate arrabbiati non significa sempre che sia giusto. Potreste essere aggressivi, e questo è l'opposto di amare gli altri. Non avrebbe permesso a padre Gabriel di diventare amico dei nativi.

Cristo è amore, e l'amore non è MAI passivo. L'amore è un'azione. Essere passivi-aggressivi è l'opposto di aprire le porte a Cristo per gli altri. La chiave, quindi, è essere assertivi, che significa sapere ciò che si vuole e di cosa si ha bisogno, e capire il momento e il modo appropriato per ottenerli. Quanto all'evangelizzazione, dovreste essere assertivi nel senso di non piegarvi alla pressione degli altri nei vostri confronti. Approvare o partecipare ad atti o parole non cristiani sarebbe l'opposto di evangelizzare.

Quando i cattolici parlano di evangelizzazione si cita spesso San Francesco d'Assisi: Predicate sempre il Vangelo, se necessario usate le parole.

Si può predicare Cristo con e senza parole in vari modi. Ciò che conta è essere consapevoli di sé: prego quotidianamente Dio? Gli chiedo cosa dovrei fare oggi? Sto prendendo coraggio se penso di essere debole? Sono adeguatamente assertivo?

Pensate alle sagge parole di San Francesco e all'esempio del personaggio di padre Gabriel in Mission: non importa dove vi troviate o cosa facciate, potete sempre diffondere Cristo agli altri. Tenete Cristo vicino, prendete coraggio e abbiate una disposizione appropriata nelle situazioni che vi si presentano.

[Traduzione dall'inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

  • 1
  • 2
Tags:
nuova evangelizzazione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni