Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Una traumatica esperienza di papa Francesco nell’infanzia, chiave della “cultura dell’incontro”

Copyright © HANDOUT
Le pape François alors archevêque de Buenos Aires
Condividi

“È un’ansia che mi porto dentro fin da bambino”, ha confidato il pontefice

Quando ha visitato il Cile nell'aprile scorso, il sacerdote e noto mariologo brasiliano Alexandre Awi non si è limitato a condividere le sue preziose riflessioni sul pontificato di papa Francesco nell'intervista che ha concesso a Portaluz, ma ha confidato anche un'inedita e toccante esperienza del papa, che pubblichiamo perché dà “umanità” alla persona del Santo Padre e svela la ricchezza spirituale che fin dall'infanzia ha forgiato l'anima di colui che oggi è il Vicario di Cristo.

Awi ha raccontato che non appena era finita la Giornata Mondiale della Gioventù di Rio de Janeiro del 2013, nella quale era stato traduttore e segretario del pontefice, ha scritto per una rivista salesiana del Brasile un articolo sulla “cultura dell'incontro”, commentando la ricchezza pastorale e spirituale che a suo avviso il papa offre al mondo con questa proposta.

Già nel documento di Aparecida e molto prima il Vicario di Cristo si era riferito alla questione, tema fondamentale delle catechesi del suo pontificato. Quello che tuttavia Awi ignorava è che l'anelito a una “cultura dell'incontro” era profondamente radicato nelle esperienze che Jorge Mario Bergoglio, oggi papa Francesco, ha vissuto da bambino.

È stato lo stesso pontefice a rivelarlo a padre Alexandre in una lettera in cui lo ringraziava per l'articolo:

“Grazie per l'articolo sulla cultura dell'incontro. Credo di doverle raccontare qualcosa su questa espressione. Quando è stata restaurata la facciata della cattedrale di Buenos Aires, si è scelto di copiare quella della Madeleine di Parigi (che non c'entra niente con lo stile barocco del tempio), e visto che era il momento della riorganizzazione nazionale e si cercava l'unità della Nazione, si è deciso di scolpire sul frontespizio la scena dell'incontro di Giuseppe con i suoi fratelli. Questa immagine mi ha colpito molto, credo in parte per la mia storia familiare e in gran parte per la Grazia di Dio.

Nella mia famiglia c'è stata una lunga storia di contrasti. Zii, cugini, in lite e separati. Quando si commentava qualcuno di questi casi o si preannunciava qualche scontro, da bambino piangevo molto, di nascosto, e a volte offrivo qualche sacrificio o qualche penitenza perché non si verificassero queste cose. Mi dispiacevo molto. Grazie a Dio, in casa papà, mamma e noi cinque fratelli vivevamo in pace.

Credo che questa storia mi abbia colpito molto e abbia creato nel mio cuore la voglia di far sì che la gente non si scontri, che resti unita. E se litiga che poi faccia la pace.

Rileggo ciò che ho scritto e mi vergogno un po', ma credo che in questa storia ci sia come un germe che con gli anni e in modo concettuale ho chiamato 'cultura dell'incontro'. È un'ansia che mi porto dentro fin da bambino”.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.