Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Se l’Enciclica te la spiega @Pontifex

@DR
Condividi

Su Twitter decine di tweet per parlare di ambiente, povertà e cura del prossimo

Con una attività intensisissima (e inedita) del profilo twitter di Papa Francesco, assistiamo quasi ad una breve catechesi a colpi di tweet circa la nuova enciclica (la prima interamente bergogliana) spiegata o per lo meno illustrata sinteticamente dallo stesso Pontefice. In gergo si direbbe un vero e proprio "live blogging" riguardante il documento magisteriale che – rivela l'Osservatore Romano – verrà diffuso con oltre 60 tweet in circa 20 ore di attività

Se i primi due tweet sono simili, in entrambi ci troviamo di fronte ad un invito: riflettiamo, ascoltiamo il Creato e comprendiamo la sfida che abbiamo di fronte:
 

 

Il Papa indica subito qual'è la chiave di lettura. Non si tratta di “ecologismo”, ma di riscoprire nelle tematiche ambientali la questione dei poveri, cioé i “preferiti” di Cristo:
 

Il “progresso”, la sua definizione, così come quella di ricchezza e benessere, va rivista, reinterpretata alla luce del Vangelo:
 

Il Papa ribadisce un pensiero che ha espresso più e più volte circa la bellezza della vita e soprattutto il valore di ciascuna vita anche quelle che il mondo giudica (coi criteri del mondo e non di Dio) “imperfetta”:
 

 

Chi non ama il fratello, come può amare il Creato senza farne un idolo?

C'è spazio per l'ecumenismo: del resto la casa è di tutti, e il Papa riconosce come le chiese non cattoliche siano arrivate ad una sensibilità ambientale prima della Chiesa cattolica. Omaggia il suo “fratello nella fede” Bartolomeo I:

Le questioni che riguardano la Terra sono questioni che riguardano il ricco e il povero, il potente e il semplice. Non possiamo scrollare le spalle…
 

 

 

 

Ma è profondamente vero che sono i poveri a pagare i prezzi più salati per le mancate scelte in campo ambientale. I ricchi si fanno più ricchi sfruttando e corrompendo:
 

 

Con una consapevolezza che gli ambientalisti non hanno:
 

E avendo anche una parola per chi si ostina a perseguire politiche contro i poveri per "salvare la Terra":
 

 

 

E il richiamo ai paesi ricchi verso le proprie responsabilità ambientali ed economiche. Non si può diventare ricchi per rapina…
 

 

 

SEGUI IL PAPA SU TWITTER: QUI TROVI IL RESTO DEI SUOI MESSAGGI

SE VUOI LEGGERE GLI APPROFONDIMENTI DI ALETEIA SULL'ENCICLICA CLICCA QUI

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni