Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 18 Maggio |
San Leonardo Murialdo
home iconChiesa
line break icon

Basket: il miglior giocatore dell’NBA, “umile servo di Dio”

© EZRA SHAW / GETTY IMAGES NORTH AMERICA / AFP

SPO-BKN-BKO-2015-NBA-FINALS-GAME-TWO OAKLAND, CA - JUNE 07: Stephen Curry #30 of the Golden State Warriors reacts in the second quarter during Game Two of the 2015 NBA Finals at ORACLE Arena on June 7, 2015 in Oakland, California. NOTE TO USER: User expressly acknowledges and agrees that, by downloading and or using this photograph, user is consenting to the terms and conditions of Getty Images License Agreement. Ezra Shaw/Getty Images/AFP

Sylvain Dorient - Aleteia - pubblicato il 19/06/15

Stephen Curry si batte il petto e punta il dito al cielo quando è in campo

Malgrado la sua bravura, le grandi scuole non gli avevano concesso alcuna borsa di studio per il suo fisico ritenuto troppo fragile. L'università di Davidson, meno famosa, non si pente di aver accettato questo allievo: nella sua prima stagione con i Wildcats di Davidson, nel 2006-2007, ha aiutato la sua squadra a ottenere 29 vittorie contro appena 5 sconfitte.

Il giovane ha ottenuto uno dei più grandi riconoscimenti individuali, venendo selezionato per difendere i colori degli Stati Uniti nel campionato del mondo a meno di 19 anni in Serbia.

OSTACOLI E CORAGGIO
Nel 2009 Stephen Curry ha firmato il suo primo contratto da professionista con i Golden State Warriors per 12,7 milioni di dollari. Ha continuato a vincere titoli individuali, tra i quali lo Sportsmanship Award, come premio per il suo gioco pulito.

La sua carriera ha tuttavia assunto una piega critica dal 2011. Con lesioni alla caviglia e poi ai legamenti, ha cercato di giocare tutta la stagione nonostante le sue condizioni, facendo varie volte andata e ritorno tra il campo e l'infermeria.

Nella stagione 2011-2012 è riuscito a partecipare solo a 26 partite su 66, guadagnandosi la reputazione di giocatore fisicamente fragile, ma gli Warriors gli hanno rinnovato la propria fiducia. E a ragione, perché nella stagione 2012-2013 si è imposto come uno dei migliori giocatori del campionato.

Curry parla con franchezza degli ostacoli che ha dovuto superare. “Tutto accade per un motivo”, ha affermato quando gli hanno consegnato il premio come miglior giocatore dell'NBA.

“Tutto ha una storia, e bisogna prendersi del tempo per capire qual è il proprio sogno e cosa si vuole davvero nella vita”, ha aggiunto. “Nello sport o in altri ambiti, bisogna essere consapevoli che si deve sempre lavorare per trionfare”.

Quando è stato nominato “miglior giocatore dell'NBA”, ha risposto: “Sono un umile servo di Dio”.

IL DITO AL CIELO
Per lui il 2015 è stato l'anno della consacrazione: gli Warriors, dei quali ora è il leader, vivono una stagione storica: 67 vittorie e solo 15 sconfitte.

Curry ha avuto parole per la sua famiglia, per il padre – anche lui nell'NBA per 16 anni – e la madre, fornendo la chiave di un gesto che compie spesso sul campo: “Mi colpisco il petto e punto al cielo. Questo simboleggia il fatto che ho un cuore per Dio. È una cosa che abbiamo trovato con mia madre quando ero all'università”, ha spiegato.

“Lo faccio ogni volta che entro in campo per ricordare per chi gioco. La gente deve sapere perché sono chi sono, per il mio Signore e Salvatore”.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
basket
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
Pildorasdefe.net
Tentazioni tipiche del diavolo per distruggere i matrimoni
4
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
5
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
6
Padre Maurizio Patriciello
L’amore di un prete per i fratelli omosessuali e le sue pre...
7
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni