Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Qual è la chiave della liturgia perché sia “utile”?

© Gustavo Kralj / Gaudium Press
Condividi

L'azione silenziosa del cuore

Un articolo apparso su “L'Osservatore Romano” e scritto dal prefetto della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, il cardinale Robert Sarah, sulla dichiarazione Sacrosanctum Concilium del Concilio Vaticano II costituisce una bella sintesi del valore e della dignità della liturgia cattolica.

“Il concilio vuole farci contemplare ciò che è nella sua essenza”, ha affermato il cardinale. “La pratica della Chiesa deriva sempre da quello che riceve e contempla nella rivelazione”.

Il testo del Concilio, studiato dal cardinale nel suo articolo “Silenziosa azione del cuore”, ricorda che esiste “una continuità tra la missione di Cristo Redentore e la missione liturgica della Chiesa”. I sacramenti sono i canali disposti da Cristo perché gli apostoli portassero avanti la sua missione, e per questo “attuare la liturgia non è dunque altro che attuare l’opera di Cristo”. “La liturgia è nella sua essenza 'actio Christi': l’opera della redenzione umana e della perfetta glorificazione di Dio”.

La missione della Chiesa è entrare in questa azione diretta di Cristo e riconoscerlo come “il grande sacerdote, il vero soggetto, il vero attore della liturgia”, ha aggiunto il porporato. “Se questo principio vitale non viene accolto nella fede, si rischia di fare della liturgia un’opera umana, un’autocelebrazione della comunità”.

La comunità non è quella che fa la liturgia, né la partecipazione attiva deve essere interpretata come una “necessità di fare qualcosa”. Si tratta invece di “lasciare che Cristo ci prenda e ci associ al suo sacrificio”.

Per il cardinale è importante ricordare che nella celebrazione dell'Eucaristia di fronte al popolo il sacerdote agisce in persona Christi Capitis e cerca di favorire che i fedeli siano motivati a un incontro faccia a faccia con Dio che “per mezzo della grazia dello Spirito Santo diverrà un cuore a cuore”.

Essendo il centro della celebrazione Dio stesso, il prefetto ha indicato che la liturgia verso Oriente (nella quale il sacerdote dà le spalle ai fedeli) è coerente con il significato di ciò che cerca la liturgia e ha suggerito che “questo modo di fare potrebbe opportunamente essere messo in atto nelle cattedrali dove la vita liturgica deve essere esemplare”.

Pagine: 1 2

Tags:
liturgia
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni