Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“Radersi la barba” e “depilarsi”: la buona Confessione secondo Sant’Antonio

A&E/ Zach Dilgard
Condividi

Nei Sermoni d’Avvento il santo offre una singolare idea della Riconciliazione

Confessione come rasatura della barba? O addirittura depilazione del corpo? Un paragone ardito e fantasioso che però ha una firma speciale: quella di Sant'Antonio da Padova. 

LA CONFESSIONE
Il santo che domani 13 giugno è omaggiato e venerato in tutto il mondo scatena la sua fantasia teologico-pastorale in uno dei Sermoni d'Avvento, quando parla della Riconciliazione, sacramento che egli sviscera, predica, raccomanda in quasi ogni pagina della sua opera (CantualeAntonianum.com). 

I "PELI DELLA COSCIENZA"
Visto il suo punto di partenza biblico, dove si parla di barba, si legge nel Cantuale, Antonio applica il suo esempio all'uomo. Ma evidentemente il richiamo alla bellezza e a rimuovere i "peli della coscienza" ha una grande presa e un effetto attraente anche sul popolo femminile, dato che pare di gran moda la ricerca della bellezza, sia per Lui che per Lei.

"RADERA' QUELLI AL DI LA DEL FIUME"
«A proposito delle realtà superflue che devono essere recise con la confessione – scrive Sant'Antonio nei Sermoni –  Isaia dice: "In quel giorno il Signore, con un rasoio affilato", o: "preso a nolo", "raderà, a quelli che sono al di là del fiume, la testa e i peli delle gambe e tutta la barba" (Is 7,20). Il rasoio, detto in lat. novacula, come facesse nuovo l'uomo, è la confessione, la quale rinnova lo spirito dell'uomo. 

RASOIO "AFFILATO" E "PRESO A NOLO"
Poi cita Geremia: "Rinnovate (nel senso di dissodate) il terreno incolto e non seminate sopra le spine" (Ger 4,3), perché quando saranno cresciute non soffochino (cf. Lc 8,7) la parola della confessione. «Questo rasoio – prosegue Sant'Antonio – è detto "affilato", o "preso a nolo": affilato, perché taglia il peccato e le sue circostanze; preso a nolo, perché il peccatore, nel darsi da fare per la propria salvezza, deve come noleggiarlo con una certa somma, che è la devozione e l'umiltà». 

INIZIO E FINE DELLA VITA
Con questo rasoio, prosegue il santo, «il Signore "rade il capo", ecc. , a coloro che sono al di là del fiume, che hanno attraversato il fiume, che hanno cioè ricevuto il battesimo. Nel capo e nei piedi sono indicati l'inizio e la fine della vita, nella barba l'intrepidezza nel fare il bene».
    
LA BARBA E IL PENITENTE 
Con la lama tagliente di una vera confessione «il Signore rade nel penitente i vizi, raffigurati nei peli, dall'inizio della sua conversione fino alla conclusione della sua vita. Rade anche tutta la barba, perché il penitente non confidi in alcuna delle opere buone che ha fatto, come se le avesse fatte lui. Dobbiamo infatti confidare – conclude Sant'Antonio – solo in colui che ha fatto noi, e non in quello che noi abbiamo fatto.
 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.