Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 31 Luglio |
Sant'Ignazio di Loyola
home iconStile di vita
line break icon

Il corpo è sacro, te ne prendi cura?

<a href="http://www.shutterstock.com/pic.mhtml?id=110911754&amp;src=id" target="_blank" />Holding hand </a> © Richard Lyons / Shutterstock

padre Carlos Padilla - pubblicato il 12/06/15

Hai un “io corpo” che ha bisogno che te ne curi, lo ascolti, lo ami, lo rispetti

A volte le cose più umane sono le più sacre. La loro umanità, che possiamo toccare, ricevere, guardare, è il segno d'amore più grande di un Dio nascosto nelle piccole cose. Di un Dio che si è fatto pellegrino, uno di noi. Per parlarci con voce umana dell'amore di Dio. Per toccarci, con mani umane, e mostrarci le carezze di Dio.

Gesù ci dona il suo corpo. Quel corpo che ha amato in modo tanto umano. Con il quale ha accarezzato e ha abbracciato. Ha guardato e ha accolto. Ora lo dona. Dona se stesso. Il suo corpo e il suo sangue. Poco dopo diventerà realtà.

Lo insulteranno, lo colpiranno, lo trascineranno sotto il peso della croce. Il suo corpo lacerato. Il suo sangue versato fino all'ultima goccia. Alla fine dal costato aperto ha sgorgato acqua.

Gesù ama la nostra carne. Ama il nostro corpo. E si ferma in quel corpo perché abbiamo un alimento permanente. Il suo corpo è vero cibo. Il suo sangue è vera bevanda.

Ogni volta che ci comunichiamo assomigliamo un po' di più a Gesù. È il mistero della Comunione. Diventiamo una cosa sola con Cristo. Assomigliamo di più a Lui. Il sacerdote, ad ogni Eucaristia, pronuncia queste parole. Lo facciamo con stupore, commossi sperimentando la nostra piccolezza e la grandezza di ciò che accade.

Diventiamo altri Cristo, conoscendo la sproporzione che c'è tra la nostra vita e quella di Cristo. Non è una rappresentazione. È reale, avviene di nuovo. È il momento in cui siamo più simili a Cristo.

Ci costa capirlo. Ci vediamo tanto umani. Come Lui, siamo disposti a donare il corpo e l'anima. Fino all'ultima goccia della nostra vita. Come ha fatto Gesù per le strade della sua terra. Non ha risparmiato tempo né sforzi.

Nella sua vita si è donato interamente ai più poveri, ai malati, ai più bisognosi. Ha vissuto spendendosi senza paura, senza limiti, in quel modo tanto esagerato che ha Dio per amarci. Gesù, amandoci nel suo corpo, ha dignificato il nostro corpo umano. Lo ha fatto nella vita, e lo fa di nuovo in quest'ultima cena. Dà un valore eterno al nostro corpo caduco.

Come leggevo l'altro giorno, l'importante è che siamo corpo. SIAMO corpo. Non ABBIAMO un corpo. Siamo quell'immagine che gli altri vedono. Quanto è importante curare e rispettare la dignità del mio corpo e di quello delle persone che amo! Rispettare i segni che dà il mio corpo.

Curare il mio corpo quando è stanco, quando soffre, quando è ferito. Curare e dignificare il corpo degli uomini che a volte non sappiamo amare bene. Il corpo è sacro.

Gesù consacra il nostro corpo. Lo rende divino con la sua vita, con la sua presenza ogni giorno tra noi. Gesù era corpo e ha voluto rimanere con il suo corpo. Ha amato se stesso nel suo corpo perché imparassimo ad amarci nel nostro corpo limitato.

Quanto è importante curare il nostro corpo per poterlo donare senza limiti! Quanto è importante valorizzare l'aspetto umano della nostra vita!

A volte disprezziamo ciò che è umano, le necessità del mio corpo. Sopravvalutiamo l'aspetto spirituale, come se tutto ciò che è sacro nella nostra vita avesse a che vedere con l'anima. No, Gesù ha spezzato il suo corpo perché imparassimo a donare il nostro.

Ciò che è umano è sacro in Gesù. Così dovrebbe essere la nostra vita. Tutto ciò che è umano ha a che vedere con Dio. Tutte le mie necessità umane. Dono tutto a Dio. Tutto ha a che vedere con Lui. Quanto è importante valorizzare tutto ciò che c'è di umano nella mia vita!

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
cura del corpo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
JENNIFER CHRISTIE
Jeff Christie
Mia moglie è rimasta incinta del suo stupratore – e io ho accolto...
2
Gelsomino Del Guercio
Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i pre...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
5
BENEDYKT XVI O KAPŁAŃSTWIE
Gelsomino Del Guercio
Nella Chiesa “separare i fedeli dagli infedeli”. La stoccata di B...
6
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
7
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni