Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 24 Novembre |
Santi Andrea Dung Lac e 116 compagni
home iconChiesa
line break icon

Perché si dice che Dio verrà a “giudicare i vivi e i morti”?

© Flickr/Holly Hayes/Creative Commons

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 11/06/15

Padre Bernardo Estrada: nel giorno del Giudizio Universale ognuno apparirà davanti a Dio. Alcuni saranno vivi altri no

In riferimento al Giudizio di Dio, due lettori ci hanno chiesto: "Perché si dice, verrà a giudicare i vivi e i morti? Quante volte dobbiamo essere giudicati? Come si coniuga questo con la intercessione dei santi?”.

LA BOLLA DI BENEDETTO XII
Padre Bernardo Estrada, docente di Nuovo Testamento presso la Facoltà di Teologia della Pontificia Università della Santa Croce, premette: «Nel Credo, simbolo degli Apostoli o simbolo di fede della Chiesa cattolica, si dice che Gesù “verrà a giudicare i vivi e i morti”. Si tratta di una verità di fede a cui si è tenuti a credere. La maggior parte della dottrina cattolica sulle ultime verità della vita umana e sul destino eterno è stata pubblicata nella Bolla Benedictus Deus di Papa Benedetto XII nel 1336». 

IL GIUDIZIO "PARTICOLARE"
«Con questa Bolla – evidenzia il sacerdote – si conferma l’insegnamento della Chiesa: cioè che ogni persona, dopo la sua vita terrena, verrà giudicata da Dio. Se si trova in stato di amore, senza peccato grave, potrà godere della sua visione; se invece è in peccato, quella mancanza d’amore durerà eternamente. Questo è il significato della condanna (Cf vangelo di Matteo 25,31-46)».

IL DESTINO DELLE ANIME
Attraverso la Costituzione Benedictus Deus, che deve rimanere in vigore per sempre, «noi, con autorità apostolica, definiamo che in base alla disposizione generale di Dio»:  

1) le anime di tutti i santi che sono partiti da questo mondo prima della passione di nostro Signore Gesù Cristo e anche dei santi apostoli, i martiri, i confessori, vergini e altri fedeli che sono morti dopo aver ricevuto il santo battesimo di Cristo, e non avevano bisogno di alcuna purificazione quando sono morti, o ne non avranno bisogno di essa quando muoiano nel futuro; 
2) le anime che hanno bisogno o avranno bisogno di un po’ di purificazione dopo la morte. Cioè anime che muoiono in stato di amicizia con Dio, ma che nel corso della vita hanno avuto in diverse circostanze un attaccamento al peccato, e quell'attaccamento che deve essere purificato. E' chiamata "pena dovuta per i peccati" e per toglierla bisogna fare penitenza (si tratta delle cosiddette "anime del Purgatorio"); 
3) le anime dei bambini che sono stati rigenerati dallo stesso battesimo di Cristo o lo saranno quando viene conferito il battesimo su di loro, se muoiono prima di raggiungere l'uso del libero arbitrio; 

tutte queste anime, immediatamente dopo la morte (e nel caso di coloro che hanno bisogno di purificazione, dopo il percorso di purificazione di cui si è fatto cenno), già prima del Giudizio Universale, sono stati, sono e saranno con Cristo in cielo, nel Regno Celeste e in Paradiso uniti alla compagnia dei Santi Angeli. Queste anime, dunque, sono giudicate "singolarmente" da Dio, attraverso un giudizio detto "particolare", sulla base del loro vissuto terreno. 

PECCATORI MORTALI ALL'INFERNO
Sempre in questa ottica, prosegue padre Estrada, si definisce che, secondo la disposizione generale di Dio, le anime di coloro che muoiono in peccato mortale attuale, e quindi in stato di inimicizia con Dio, vanno all'inferno subito dopo la morte.

IL GIUDIZIO "UNIVERSALE"
Tuttavia, arriverà un secondo Giudizio detto “Universale". «In quel giudizio – prosegue il docente – tutti gli uomini appariranno con i loro corpi "davanti al tribunale di Cristo" a rendere conto delle loro azioni personali, "in modo che ognuno può ricevere il bene o il male, secondo quello che ha fatto nella vita” (2 Cor. 5,10). Alcuni saranno vivi, altri no. Anche se il loro destino eterno è già fissato (per chi è morto con il giudizio "particolare", per chi è vivo attraverso la condotta che sta tenendo in vita), quello "universale" servirà per proclamare Gesù come giudice delle nazioni, e per rendere pubblica la propria vita di ciascun uomo (Cf 1 Tessalonicesi, cap. 4)».

Tags:
giudizio universale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
KSIĄDZ PRZY OŁTARZU
Padre Bruno Esposito, OP
Breve ‘Vademecum’ per la nuova edizione del M...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
TEENAGER
Tom Hoopes
I 7 doni dello Spirito Santo rispondono a 7 n...
Giovanni Marcotullio
Vi spieghiamo perché la Messa comincia con il...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni