Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 09 Febbraio |
Beata Anna Katharina Emmerick
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

A cosa serve la penitenza dopo la Riconciliazione?

Seal of Confession Under Attack Again Marcin Mazur – it

UK Catholic/Marcin Mazur

don Antonio Rizzolo - Credere - pubblicato il 11/06/15

Perché alcuni sacerdoti propongono un impegno pratico?

Quando mi confesso, a volte il confessore mi propone come penitenza un piccolo gesto di riconciliazione o un impegno pratico. Più spesso mi dice di recitare una preghiera tradizionale o di pregare per qualche persona. Non di rado capita che non mi venga assegnato nulla. Ma qual è il senso della “penitenza” dopo la Riconciliazione?
Pietro R. – Mantova

Nei primi secoli, chi aveva commesso peccati molto gravi doveva fare pubblica penitenza prima di ricevere la riconciliazione. Nel VII secolo, i missionari irlandesi portarono nel continente la pratica “privata” della penitenza: il sacramento ha cominciato a svolgersi in maniera più segreta tra sacerdote e penitente e ad essere vissuto più di frequente e man mano la penitenza finì per non precedere più l'assoluzione. Il suo significato, oggi, è manifestare la conversione e il desiderio di tornare a una vita cristiana autentica, più unita a Cristo, offrendo anche una “riparazione” alle conseguenze dei peccati commessi. Si capiscono così le indicazioni che si trovano nel Rito della Penitenza e perché il sacerdote faccia male a non assegnarla per niente: “Se il penitente si fosse reso responsabile di danni, o avesse dato motivo di scandalo, il confessore gli ricordi il dovere di una congrua riparazione. Quindi il sacerdote impone al penitente la soddisfazione; soddisfazione che sia non solo un'espiazione delle colpe commesse, ma anche un aiuto per iniziare una vita nuova, e un rimedio all'infermità del peccato; la soddisfazione deve quindi corrispondere, per quanto possibile, alla gravità e alla natura dei peccati accusati e può opportunamente concretarsi nella preghiera, nel rinnegamento di sé, e soprattutto nel servizio del prossimo e nelle opere di misericordia” (n. 18).

Tags:
confessionepenitenza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Daily prayer
And today we celebrate...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
See More
Newsletter
Get Aleteia delivered to your inbox. Subscribe here.