Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 28 Luglio |
Santi Nazario e Celso
home iconChiesa
line break icon

A cosa serve la penitenza dopo la Riconciliazione?

UK Catholic/Marcin Mazur

don Antonio Rizzolo - Credere - pubblicato il 11/06/15

Perché alcuni sacerdoti propongono un impegno pratico?

Quando mi confesso, a volte il confessore mi propone come penitenza un piccolo gesto di riconciliazione o un impegno pratico. Più spesso mi dice di recitare una preghiera tradizionale o di pregare per qualche persona. Non di rado capita che non mi venga assegnato nulla. Ma qual è il senso della “penitenza” dopo la Riconciliazione?
Pietro R. – Mantova

Nei primi secoli, chi aveva commesso peccati molto gravi doveva fare pubblica penitenza prima di ricevere la riconciliazione. Nel VII secolo, i missionari irlandesi portarono nel continente la pratica “privata” della penitenza: il sacramento ha cominciato a svolgersi in maniera più segreta tra sacerdote e penitente e ad essere vissuto più di frequente e man mano la penitenza finì per non precedere più l'assoluzione. Il suo significato, oggi, è manifestare la conversione e il desiderio di tornare a una vita cristiana autentica, più unita a Cristo, offrendo anche una “riparazione” alle conseguenze dei peccati commessi. Si capiscono così le indicazioni che si trovano nel Rito della Penitenza e perché il sacerdote faccia male a non assegnarla per niente: “Se il penitente si fosse reso responsabile di danni, o avesse dato motivo di scandalo, il confessore gli ricordi il dovere di una congrua riparazione. Quindi il sacerdote impone al penitente la soddisfazione; soddisfazione che sia non solo un'espiazione delle colpe commesse, ma anche un aiuto per iniziare una vita nuova, e un rimedio all'infermità del peccato; la soddisfazione deve quindi corrispondere, per quanto possibile, alla gravità e alla natura dei peccati accusati e può opportunamente concretarsi nella preghiera, nel rinnegamento di sé, e soprattutto nel servizio del prossimo e nelle opere di misericordia” (n. 18).

Tags:
confessionepenitenza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontan...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
MASS
Gelsomino Del Guercio
Niente Green Pass per andare a messa: la precisazione del Governo
5
don Marcello Stanzione
Fra Modestino da Pietrelcina rivela: Padre Pio ha visto mio padre...
6
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
7
ABORTION
Giovanna Binci
Ride, balla, abortisce e posta: teenager “celebra” ab...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni