Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 04 Marzo |
San Casimiro
home iconNews
line break icon

Nel Mediterraneo si fa la storia

© BULENT KILIC / AFP

Città Nuova - pubblicato il 08/06/15

Un weekend denso di significati per il Mare Nostrum: Turchia, Grecia, Libia, Sarajevo e… Bari

di Michele Zanzucchi

Mi ha fatto sorridere stamani leggere della tournée iniziata ieri a Bari dal redivivo Vasco Rossi, che se n’è uscito con un’affermazione un po’ stonata, credo frutto di senescenza più che di raziocinio: «Qui si fa la storia», stuzzicato forse da uno striscione che lo inneggiava come “re d’Italia”. Mi ha fatto sorridere perché questo weekend ha visto alcuni episodi che realmente stanno facendo la storia.

In primo luogo, l’inattesa sconfitta elettorale del “nuovo Califfo”, il presidente turco Erdogan, che voleva raggiungere una maggioranza parlamentare tale da poter cambiare la costituzione turca in senso presidenzialista e che invece s’è ritrovato con una rappresentanza parlamentare del suo partito, l’Akp, ridotta al 40,8 per cento (259 seggi), con i repubblicani che raggiungono il 25,1 per cento e 131 deputati, i “lupi grigi” che si fermano al 16,4 per cento e a 82 deputati, mentre irrompe sulla scena politica la sorpresa “curda” di Selahattin Demirtas che con il 12,9 per cento (lo sbarramento era al 10 per cento) ottiene pure lui 82 deputati. Uno tsunami di grande portata per gli equilibri della regione e dell’intero Mediterraneo, viste le mire espansioniste del presidente turco e le sue ambigue posizioni nei confronti dell’Isis e della questione siriana.

C’è poi stata la visita di papa Francesco a Sarajevo, luogo simbolo della tragedia balcanica, scelta fatta personalmente dal papa dopo la prima visita nella regione dedicata all’Albania. Il papa ha pronunciato parole impegnative per la comunità cattolica, per quella cristiana, per quella dei credenti tutti e, anche e soprattutto, per quella politica. Ha riproposto la sua visione, già avanzata nel settembre scorso a Redipuglia, di una “terza guerra mondiale” latente, che si combatte a pezzi. Ed ha invitato le coscienze personali e collettive ad un sussulto: «Non è sufficiente parlare di pace – ha detto nell’aereo, di ritorno in Vaticano –: si deve fare la pace! E chi parla soltanto di pace e non fa la pace è in contraddizione; e chi parla di pace e favorisce la guerra – per esempio con la vendita delle armi – è un ipocrita». Papale papale. Parole che hanno fatto eco a quanto detto nell’incontro ecumenico e interreligioso: «Questa città, che nel recente passato è tristemente diventata un simbolo della guerra e delle sue distruzioni, questa Gerusalemme d’Europa, oggi, con la sua varietà di popoli, culture e religioni, può diventare nuovamente segno di unità, luogo in cui la diversità non rappresenti una minaccia, ma una ricchezza e un’opportunità per crescere insieme. In un mondo purtroppo ancora lacerato da conflitti, questa terra può diventare un messaggio: attestare che è possibile vivere uno accanto all’altro, nella diversità ma nella comune umanità, costruendo insieme un futuro di pace e di fratellanza. Si può vivere facendo la pace!».

Continua poi l’esodo dalla Libia verso le coste italiane di migliaia di africani e mediorientali in fuga dalla guerra o dalla miseria. Solo nella giornata di sabato sono state salvate circa 3500 persone e almeno 1500 nella giornata di domenica. Mentre crescono i timori che dalla Libia nei prossimi mesi possano arrivare centinaia di migliaia di profughi: ormai il solo fattore che frena le partenze è la penuria di barconi, visto che i soccorritori ormai si sono fatti più scaltri e affondano immediatamente gli scafi dei migranti. Alle operazioni di soccorso hanno partecipato anche delle unità britanniche e irlandesi…

Allora, la storia la si fa a Bari oppure ad Ankara, Sarajevo e nel Canale di Sicilia?

QUI L'ORIGINALE

Tags:
mediterraneo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
4
POPE FRANCIS AUDIENCE
Ary Waldir Ramos Díaz
Perché dobbiamo fare il segno della croce nei momenti di pericolo...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
7
Lucandrea Massaro
Benedetto XVI conferma la fedeltà a Francesco «Non ci sono due Pa...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni