Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 15 Giugno |
Sant'Eliseo
home iconNews
line break icon

Tre rose bianche sulla bara: il saluto di Papa Francesco al giovane Michael

© ServizioFotograficoOR/CPP

<span style="font-family:'Avenir Next', Helvetica, Arial, sans-serif;font-size:14.001000404358px;line-height:normal;">October 9, 2013: Pope Francis greets Michael Di Marco during the weekly general audience at the Vatican.</span>

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 05/06/15

Il pontefice rimase colpito dalla determinazione e dal coraggio di questo 17enne ammalato di distrofia muscolare

C’erano anche i fiori di Papa Francesco per l’addio a Michael Di Marco, il giovane di Pinerolo malato di distrofia muscolare, a cui il pontefice aveva telefonato in seguito a una lettera inviata in Vaticano dalla famiglia (La Stampa, 4 giugno). 

LE ROSE DI BERGOGLIO
Tre rose bianche inviate dal pontefice come ricordo di quel legame emotivo con il 17enne di Pinerolo. Il suo calvario lo avevo commosso. Un legame nato nel 2013 quando un conoscente di Michael, e della mamma del piccolo, Antonella Scarantino, aveva contattato la Segreteria di Stato della Santa Sede, a cui aveva spiegato la difficile situazione del piccolo (TgCom.it, 14 settembre 2013).  

LA TELEFONATA DI FRANCESCO
E sopratutto aveva annunciato il grande desiderio di Micheal: parlare con Papa Francesco. Quel Papa buono che abbraccia i bambini e bacia i malati e che poteva portare una parola di conforto anche al piccolo ammalato. Questo desiderio è stato esaudito: Bergoglio lo ha poi chiamato, invitandolo a venire a Roma. «Non mi sono emozionato molto – ha raccontato un sorridente Micheal – Papa Francesco mi ha messo subito a mio agio, non vedo l'ora di poter mettere questa mia storia su Facebook, per farla sapere a tutti i miei amici» (associazionesantamonica.it).

L'INCONTRO A SAN PIETRO
Subito è scattata una gara di solidarietà e la Croce Verde ha garantito il trasferimento in ambulanza di Micheal in modo da favorirgli un qualsiasi tipo di assistenza durante il viaggio. Nell'ottobre 2013 quell'incontro commovente a Piazza San Pietro con il "suo" Papa Francesco aveva lasciato un segno indelebile nell'allora 15enne di Pinerolo. Aveva accresciuto ancora più la sua voglia di lottare contro una malattia che lo costringeva alla sedia a rotelle e non solo. Spesso le giornate di Micheal erano dolorose. 

UN RAGAZZO SPECIALE E CORAGGIOSO
Il peggioramento che ha avuto negli ultimi mesi non è stata che la conseguenza naturale della sua gravissima malattia. Il 30 maggio la notizia della scomparsa in seguito ad una crisi respiratorio. «Michael era un ragazzo speciale: nonostante la malattia degenerativa, non si è mai arreso». Raffaele De Santis, amico e presidente dell'associazione Santa Monica che nel 2013 lo aiutò a incontrare Papa Francesco. «È stato il suo coraggio – aggiunge – a spingerci a lottare per lui» (La Repubblica, 30 maggio).

HA RICEVUTO COMUNIONE E CRESIMA
«La sua forza – prosegue De Santis – ci ha spinto a ottenere per lui e la sua famiglia una casa popolare, un lavoro per il compagno della madre, un ascensore per raggiungere il primo piano. Ha ricevuto la prima comunione e la cresima, è voluto andare a Roma per incontrare il Papa, che ha stupito per la sua forza e determinazione. Ultimamente combatteva dolori fortissimi, causati dall'aggravarsi della malattia». 

IL LEGAME CON MONSIGNOR DEBERNARDI
Oltre ai genitori, Michael lascia tre sorelle e due fratelli. Tra i primi a recarsi in ospedale, appena saputo della sua morte, il vescovo di Pinerolo Piergiorgio Debernardi, che in questi ultimi anni aveva conosciuto il ragazzo e gli era stato vicino.

Tags:
papa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Silvia Lucchetti
Matteo si è ucciso “in diretta” su un forum online. E...
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni