Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 10 Maggio |
Santa Louise de Marillac
home iconStile di vita
line break icon

La “condanna” di papa Francesco contro chi calunnia col pettegolezzo

©MASSIMILIANO MIGLIORATO/CPP

<span class="standardtextnolink">Decembaer 18, 2013: Pope Francis attends the weekly general audience in St. Peter&#039;s Square at the Vatican.</span><br /> <span class="standardtextlabel">Reference:</span> <span class="standardtextnolink">256650</span>

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 05/06/15

Nel volume "La calunnia della Chiesa" si riflette sulla calunnia nel Magistero di Bergoglio

Papa Francesco cosa pensa di coloro che calunniano altre persone? Quale ricetta propone il Santo Padre per invertire questa tendenza a "spettegolare" dietro le spalle? Ce lo spiega Marco Ermes Luparia nel volume "La calunnia nella Chiesa" (ed. Lateran University Press), in cui parte dal ragionamento fatto da Bergoglio in una delle sue omelie mattutine a Santa Marta.

I CRISTIANI PERSEGUITATI
La Chiesa, spiega il Papa, «ha tanti uomini donne che sono calunniati, che sono perseguitati, che sono ammazzati in odio a Gesù, in odio alla fede». Alcuni vengono uccisi perché «insegnano il catechismo», altri perché «portano la croce». La calunnia trova spazio in tanti paesi dove i cristiani vengono perseguitati. «Sono fratelli e sorelle nostri – sottolinea – che oggi soffrono, in questo tempo di martiri. Dobbiamo pensare a questo».  

LA CALUNNIA NELLA VITA DI TUTTI I GIORNI
Il Magistero di Bergoglio è tutto orientato ad ammonire i calunniatori, che siano persecutori dei cristiani o che siano "semplicemente" conoscenti di una persona. Nella vita di tutti i giorni, fa notare l'autore Ermes Luparia, conviviamo con estrema disinvoltura con il pettegolezzo, la maldicenza, il giudizio superficiale sbandierato ai quattro venti, senza pensare minimamente alle conseguenze. Ovviamente non si può negare che la gravità di questo crimine contro la persona risponde al criterio secondo cui alcuni pettegolezzi hanno un peso, altri ne hanno un altro. Questa è la trappola che induce a sottovalutare le conseguenze che comunque portano dolore, danno e sconcerto alla persona. Si fa presto a passare dal vizio di sparlare alla cattiveria.

IL DURO MONITO DEL PONTEFICE
Papa Francesco è molto più severo, non fa distinzione alcuna tra i livelli di pettegolezzo e afferma che la calunnia non è solo un atto offensivo verso qualcuno; essa colpendo una sua creatura, distrugge l'opera di Dio perché nasce dall'odio. Aggiunge ancora che la calunnia non è un peccato come tutti gli altri. Non deriva dalla fragilità dell'uomo, fa notare Luparia, ma da una sua colpevole compiacenza e alleanza con gli obiettivi di Satana, tra cui prevaler su tutto distruggere l'opera di Dio. Ogni forma di odio, dal più visibile al più subliminale, non può che essere opera del demonio. 

L'INTERCESSIONE DELLA VERGINE MARIA
Purtroppo gli ignari o consapevoli calunniatori non sono solo coloro i quali credono nel Vangelo di Cristo, ma se ne registrano anche tra i cristiani, compresi chierici, religiosi e religiose. Il Santo Padre, a questo punto, se ha parlato della potenza omicida del demonio, non può non chiamare in causa la Vergine Maria: Virgo Potens. La Madonna che «copre con il suo manto il popolo di Dio» e lo protegge da ogni insidia, ha comunque bisogna della sua alleanza, della sua attenzione, della sua conversione. 

PRUDENZA PER EVITARE UN PECCATO CHE E' MORTALE
Il contrario della maldicenza è il benedire, il parlare edificante e premuroso. Il descrivere le buone qualità che l’altro ha, infondendo così la speranza e inducendolo a credere nel cambiamento di ciò che di buono gli appartiene. Se si vuole essere fedeli al Vangelo ed evitare di cadere in questo peccato mortale si deve crescere nella virtù della prudenza e della giustizia. La prudenza e la giustizia conducono verso il perdono, quello vero, quello reale che riappacifica gli animi. E dove si percorre la strada del perdono non c'è più posto per la vendetta e l’acrimonia. 

ACQUISTA QUI IL VOLUME
Tags:
papa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
TAMING TRIPLETS
Annalisa Teggi
Resta incinta mentre era già incinta: sono nate 3 bimbe e stanno ...
2
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Gelsomino Del Guercio
Gesù e la lettura del Vangelo. Così Celentano “converteR...
5
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Mar Dorrio
Come trarre profitto spirituale dai momenti negativi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni